Wallet offline: conservare le criptovalute sul PC e prevenire furti [Guida completa]

Pubblicato da TommasoP il: 3 Gennaio 2018 - Aggiornato il: 12 Febbraio 2019

In questo approfondimento cercheremo di comprendere come procedere, una volta acquistata la tua cripotvaluta.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

In breve ti spiegheremo come spostare le monete digitali in un portafoglio (“wallet”) offline.

Tieni presente che è molto importante conservare i valori sui siti dove le abbiamo acquistate (exchange), anche se noi lo riteniamo come un metodo molto pericoloso.

Infatti essendo che questi nodi di scambio conservano milioni di euro/dollari, potrebbe essere oggetto di un attacco hacker che significa perdere completamente tutto il capitale guadagnato.

Questo aspetto dunque non deve essere sottovalutato anche perché oggi esistono milioni di criminali informatici.

Al fine di prevenire ogni problema, è dunque una saggia scelta trasferire i propri avere in un portafoglio (wallet) offline, che noi per altro ti consigliamo e che ti chiediamo anche di conservare con estrema cura.

Ecco dunque quello che oggi noi ti offriamo! Una guida completa wallet offline al cui interno ti spiegheremo anche come conservare criptovalute PC prevenire furti (portafogli Bitcoin, Ethereum, Litecoin).

wallet bitcoin

wallet bitcoin

Serve davvero un wallet?

Partiamo dal principio e cerchiamo di comprendere se serve davvero o meno un portafoglio virtuale.

Prima di tutto dobbiamo chiarire che non serve realmente un programma wallet che ti permette di conservare la cripotvaluta.

Al fine di capire il perché, facciamo prima di tutto un passo indietro, ricordando che, per inviare denaro digitale ad una persona, si utilizza l’indirizzo del suo wallet come “destinazione”.

Si noti anche che questo indirizzo altro non è che un’abbreviazione (hash) della chiave pubblica.

Ogni “chiave pubblica” per altro viene associata ad una chiave privata.

La chiave privata se la si consce ti offre la possibilità di accedere al borsellino, esattamente come succede in ogni architettura che impieghi questo sistema crittografico. Questa viene anche definita come chiave asimmetrica.

Nota che il valore del borsellino, o anche la quantità di monete che contiene, viene “salvato” sul grande database distribuito che rende possibili acquistare criptovalute: la blockchain.

Questo è uno dei motivi per il quale al momento ti possiamo dire che non serve realmente “un programma” wallet per conservare la criptovaluta.

Questo presuppone infatti che tu avendo conoscenza della chiave privata del borsellino portai accederci tranquillamente.

Ti potrebbe interessare anche approfondire l’argomento su:

Perché non lasciare i “coin” sugli exchange?

A questo punto però ti dobbiamo anche dire che quando utilizziamo un exchange per acquistare Bitcoin, Ethereum, Litecoin oppure criptovalute alternative, la piattaforma che utilizzi crea per te un nuovo wallet sul quale accreditare le monete che compri.

Best-Bitcoin-Wallet-

Best-Bitcoin-Wallet- e chiavi pubbliche e private

Nota anche che questa operazione, concretamente, genera un coppia di chiavi, una pubblica e una privata.

Il problema è che l’exchange le detiene entrambe.

Ecco quindi che possedere un wallet esterno diviene una necessità “operativa”, e non una cattiva volontà come molti dicono.

Purtroppo il rischio di perdere l’interro capitale è alto.

Infatti essendo che il sito possiede la chiave privata, potrà potenzialmente utilizzarla per svuotare ogni wallet che conserva. Se non esso qualche hacker.

E’ chiaro anche che se ti vuoi fidare dei gestori di questi servizi, il rischio rimane altissimo. Infatti potrebbe succedere che un cracker riuscisse a penetrare nei sistemi e rubare dette chiavi.

Questi avrebbero piena libertà di spostare a proprio piacimento le monete anche sul loro conto.

Purtroppo non si tratta di un rischio ipotetico! incidenti del genere sono già successi.

Ad esempio per ricordarne alcuni, possiamo menzionare quello che vide protagonista l’exchange giapponese Mt. Gox il quale nel 2014, alcuni cracker che ancor oggi sono rimasti anonimi, portarono a segno un colpo da 460 milioni di dollari, mandando in bancarotta la società e molti utenti comuni.

Un incidente simile è toccato anche ad altri come ad esempio Bithumb, il più grande exchange koreano, che nel luglio 2017 ha subito un furto anche se molto contenuto, con un danno per 30.0000 account

Per farne un altro, nell’agosto 2016, l’exchange Bitfinex ha subito un furto di circa 120 mila Bitcoin, che all’epoca valevano intorno ai 72 milioni di dollari

Da queste storie di fallimenti e attacchi devi ben comprendere che … fidarsi è bene, non fidarsi è meglio!

Dunque, mai lasciare la criptovaluta sugli exchange!

Perché installare un wallet sul PC?

bitcoin-wallet-

bitcoin-wallet su PC

A questo punto possiamo bene capire che possedere un nostro programma wallet locale è molto importante.

Esso infatti generare una coppia di chiavi, una pubblica ed una privata, le quali restano assolutamente segrete.

La garanzia della riservatezza è data anche dal fatto stesso che la creazione delle chiavi è frutto un’elaborazione che avviene completamente sul PC locale.

Inoltre, si deve anche considerare che la seconda funzione che svolge un programma wallet è quella che ti offre la possibilità di gestire il borsellino e quindi anche di:

  • visualizzare a schermo quante monete possediamo;
  • inviare monete a terzi (per un pagamento, ad esempio);
  • visualizzare l’indirizzo pubblico del borsellino per ricevere denaro da altri.

Ma in questi casi devi prestare particolare attenzione ai malware!

Infatti anche se questo sistema è molto più sicuro dei precedenti, non possiamo mai essere completamente al sicuro.

La principale debolezza infatti di questi programmi wallet sta nel fatto che vanno installati sul PC.

Nel caso in cui all’interno del computer vi fosse un malwere e quindi il computer è infettato, allora potrebbe sussistere anche il rischio che l’intruso possa carpire la chiave privata del borsellino per poi inviarla ai propri autori.

Anche in questo caso essi potrebbero procedere allo svuotamento del tuo portafoglio.

Ecco quindi che ancor prima di procedere con l’installare il wallet sul PC, è fondamentale verificare che non vi siano malware già in esecuzione.

Solo dopo aver effettuato questa verifica, ti consigliamo di installare un buon antivirus/antimalware.

Da Avira a Kaspersky, vi sono moltissime soluzioni gratuite davvero ottime:

Quale wallet scegliere?

walletwallet

wallet esterno

A questo punto non ti resta altro che scegliere un ottimo wallet.

La primissima considerazione da fare al fine di scegliere un programma wallet milgiore per te riguarda la specifica criptovaluta che devi gestire.

Ad esempio: i wallet per Bitcoin non possono conservare Ethereum, e viceversa.

Ecco quindi che al fine di evitare di installare un programma wallet diverso per ogni criptovaluta che possediamo è una buona idea affidarsi ad un tool multi-valuta.

Noi, a seguito di diverse analisi, dopo che ne abbiamo provate di soluzioni, siamo giunti alla conclusione che Exodus è uno dei migliori, il quale è disponibile per Windows, Mac e Linux.

Esso è in grado di gestire una lunga lista di monete diverse, fra le quali Bitcoin, Ethereum e Litecoin come anche OmiseGO e molte altre “alternative”.

Se la criptovaluta che volete conservare è supportata da Exodus, questo programma è un’ottima scelta.

Nel caso in cui invece volete potare per altre soluzioni allora dovete cercare una soluzione specifica per le criptovalute in vostro possesso.

Ad esempio il sito ufficiale della moneta è il punto di partenza ottimale che consigliamo sempre di visualizzare.

Alternativa: un wallet “di carta”

Se avete acquistato delle criptovalute e le volete invece conservare per un lungo periodo di tempo, invece, e non volete utilizzare il computer, allora potrete utilizzare un portafoglio di carta (“paper wallet”):

In questo caso ti basta seguenti passaggi:

  • effettua una scansione antimalware del PC per sincerarvi che, in questo momento, il sistema sia sicuro;
  • procedi con l’installate un programma wallet;
  • genera una nuova coppia di chiavi sia pubblica che privata;
  • annota su carta le due chiavi e l’indirizzo del borsellino;
  • disinstallate completamente il programma

A questo punto puoi procedere con il trasferimento dei tuoi averi all’indirizzo del nuovo wallet e conservare in cassaforte il foglio di carta con la chiave privata. Solo nel caso in cui perdi il foglio oppure te lo rubano, si potrà accedere al tuo portafoglio.

Alternativa: un wallet hardware

Infine, vi è anche un’altra soluzione, l’uso di un wallet “hardware”, ovvero un dispositivo USB dedicato, che genera autonomamente chiavi crittografiche togliendoti dagli impicci di passare per il PC e richiede la pressione di un tasto fisico per confermare i trasferimenti di valuta.

A questo punto potresti utilizzare uno dei più apprezzati e popolari: Ledger Nano S.

Esso funziona molto bene e supporta un buon numero di criptovalute, anceh se il suo costo sembra essere un po’ troppo alto: 70 € circa.

È consigliabile solo per chi detenga investimenti importanti e sia intenzionato a conservarli a lungo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.