Previsioni criptovalute 2018 dai 6 migliori esperti

Pubblicato da TommasoP il: 12 Gennaio 2018 - Aggiornato il: 12 Febbraio 2019
Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Abbiamo visto che il 2017 è stato considerato l’anno degli investimenti in valute digitali.

A questo punto, non ci resta che analizzare le possibili strategie da adottare in vista del prossimo anno.
per fare questo però dobbiamo comprendere anche come si comporteranno le criptovalute nel 2018

Per farla breve di seguito potrai trovare interessanti e suggestive previsioni che noi abbiamo raccolto per te e che sono state elaborate dagli esperti trader.

Sappiamo anche che le criptovalute rappresentano il fenomeno del momento.

Tutto questo possiamo dire lo si deve in misura maggiore al Bitcoin, il quale trascina tutto il comparto delle valute digitali, anche se oggi in particolare rispetto alla fine dello scorso anno è crollato parecchio.

Se analizziamo i numeri invece, possiamo notare come anche se si registra una flessione di inizio anno, rispetto ad un anno fa, la sua quotazione è alle stelle.

Infatti, possiamo affermare con certezza che sono oltre 50 anni che nessun asset sui mercati ha mai fatto registrare delle performance come queste.

Cosa ci dobbiamo aspettare dal nuovo anno?

Come comprare Bitcoin con Postepay Guida completa-

Cosa ci dobbiamo aspettare dal nuovo anno?

Per altro, sull’onda di questo incredibile successo, oggi il mondo delle criptovalute sta evolvendo sempre più, continuando a offrire sempre nuove opportunità di investimento.

Quello che noi oggi ti possiamo dire è che il 2018 sarà teatro di numerosi passi avanti, anche se siamo certi che non si potranno registrare le stesse performance dello scorso anno.

Gli analisti, in breve sono stati letteralmente investiti da questo fenomeno ed oggi stanno finalmente prendendo le misure come anche mettendo in pratica teorie, analisi e commenti su quello che quest’anno riserveranno le criptovalute.

Ecco allora quello che noi oggi ti proponiamo; alcune previsioni più suggestive per questo 2018 da parte di alcuni famosi esperti e intenditori.

Marco ODDI: analisi e pressioni

Possiamo ad esempio esaminare la previsione di Marco Oddi che ha parlato in generale del mercato delle criptovalute.

Egli afferma che le valute virtuali continueranno la loro formidabile ascesa, per altro conferma anche l’interesse intorno a questo fenomeno di analisti, investitori, addetti ai lavori e semplici curiosi.

Se ci dobbiamo basare sulle analisi condotte dal parere di Marco Oddi, possiamo dire che i Bitcoin come anche le altre valute digitali, saranno sulla cresta dell’onda anche per questo 2018.

Michael Graham: le criptovalute e gli investitori istituzionali

Marco Oddi per altro è anche dell’idea che sempre più investitori internazionali si avvicineranno al mondo delle criptovalute.

Ecco anche il perché egli fa riferimento a quanto scritto da Michael Graham, un noto analista della società di wealth management Canaccord Genuity.

Secondo quanto affermato da questo, la nostra base di investitori istituzionali è molto interessata a saperne di più sull’argomento e ad avere una maggiore esposizione al mercato delle criptovalute.

Certamente, vi è anche l’interesse dovuto alle incredibili performance della criptovaluta come anche alla tecnologia che sta alla sua base, ovvero la blockchain, che potrebbe avere impieghi che vanno oltre il “semplice mercato delle criptovalute”.

Segnaliamo infine una crescita e una diffusione notevole dei prodotti che sono legati, per altro al Bitcoin.

Ad esempio, se pensiamo per un attimo ai futures sul Bitcoin, essi li possiamo ritrovare all’interno del mercati di Chicago (CBOE e CME).

Per altro oggi affermano che essi faranno il proprio esordio anche nei listini di Canton, Fitzgerald, Nasdaq e Tokyo Financial Exchange.

Ecco quindi che sotto questo punto di vista sembra che i grandi mercati internazionali intendano ratificare un dato di fatto, ovvero vogliono concretizzare un fenomeno d’interesse come Bitcoin.

Invece, noi siamo dell’opinione che dietro alle velleità di regolamentazione vi sia l’obiettivo, per altro molto probabile di cooptare le criptovalute nei mercati regolamentati.

Un obiettivo che potremmo definire per altro anche legittimo ma solo a determinate condizioni potrà veramente portare benefici economici a tutto il comparto.

Il Bitcoin sconterà l’interesse delle istituzioni?

bolla_bitcoin

bitcoin

Non lo possiamo dire con certezza, ma possiamo invece dire che il trend attuale, ovvero quello che si svilupperà nel 2018, prevede una cooptazione del Bitcoin nel circuito dei mercati regolamentati.

Vi potrebbe anche essere un effetto collaterale, come anche un vero e proprio corollario, di questo fenomeno che si rintraccia nell’interesse verso il comparto che le istituzioni mostreranno a partire da quest’anno. Almeno questa sembra no le intenzioni che alcuni dei migliori analisti hanno rilevato.

Il riferimento è quindi proprio quello di guardare alle banche centrali, agli istituti i quali sono additati come nemici del Bitcoin.

Infatti, la valuta virtuale è nata con lo scopo di offrire a tutti coloro che la utilizzavano, la possibilità di sfuggire alle maglie delle banche centrali.

Esso è nato come strumento di pagamento e di investimento totalmente autonomo e indipendente.

Cosa ne pensano le Banche centrali?

Per altro oggi è molto probabile che le banche centrali interverranno, anche se non in maniera ufficiale e concreta, ma con la classica forward guidance.

Non ci resta da fare altro che attendere le dichiarazioni da parte di figure di spicco le quali mettono in guardia gli investitori dai possibili rischi della speculazione, come anche dell’eccessiva volatilità che “quasi strutturalmente” coinvolge il Bitcoin.

In pratica rappresenta la possibilità di avere una volta per tutte una regolamentazione.

Se questo accade, il prezzo delle criptovalute ne risentirà, in quanto verrebbe meno uno dei principi che ha reso grande il Bitcoin: la completa autonomia.

Attenzione perché per molti non è visto come un bene ma come un limite, considerato dunque come un effetto collaterale.

Anatoly Knyazev: analisi e previsioni

Anatoli Knyazev

Anatoli Knyazev

Di questo ne è convinto anche Anatoly Knyazev un esperto di blockchain e criptovalute, secondo cui afferma che:

il peso di una regolamentazione più invadente” si manifesterà a pieno attraverso un evento che sarà causa di “un forte turbamento per l’intero settore, alla stessa maniera della stretta operata dalla Cina a settembre su ICO ed exchanges”.

Le Altcoin cresceranno, anche se il Bitcoin sarà sempre il re e manterrà lo scettro.

Considera che le AltCoin altro non sono se non delle criptovalute minori come ad esempio Ethereum e Litecoin ma anche Ripple, Monero etc.

Tutti i dettagli e gli approfondimenti in merito li puoi trovare all’interno delle nostre guide:

In sostanza secondo quanto riportato dagli esperti, il 2018 potrà essere il trampolino di lancio per queste come anche un forte anno per la crescita dei Bitcoin.

Si è sempre più convinte che il Bitcoin non mollerà mai la sua posizione da leader. Per altro è molto forte ed è legato a un fattore tecnico come anche ad un fattore psicologico e di percezione.

Noi oggi possiamo confermare in base a quelle che sono le analisi fino a questo momento riportate che è e sarà almeno per un paio d’anni, il punto di entrata dei nuovi investitori in criptovalute.

Lev Sokolin: quale effetto per il Bitcoin?

Lev Sokolin

Lev Sokolin

Un’idea che viene confermata anche da Lev Sokolin, chies strategist specializzato nel settore financial tech per la società inglese Autonomous Research.

Egli dichiara chiare lettere che:

Il Bitcoin ha un effetto rete magnifico che non riesco ad immaginarmelo superato da un’altra altcoin.

Per altro non si pensa minimamente a quelli che oggi possono essere i difetti del Bitcoin e nemmeno quello che sotto un certo punto di vista tecnico potrebbe ricoprire il ruolo di “migliore valuta virtuale”.

Si dice, anche che tali difetti non causeranno, una perdita di prestigio a favore di altre criptovalute.

Lev Sokolin, afferma anche che il 2018 è l’anno in cui una delle criptovalute attualmente nella Top 10 è destinata al crollo.

Ancora oggi non abbiamo il suo nome, ma sulla base di questo ti consigliamo di investire con il solo scopo di speculare. Al fine di speculare in modo serio e professionale consigliamo di farlo con i broker di Trading online regolamentati come ad esempio IQ Option e eToro.

Trading Bitcoin con Iq Option

IQ Option è il broker che ti permette di investire e fare trading su ben 12 criptovalute, con la possibilità di investire e fare trading con un conto demo ma anche con un conto reale.

iota-criptovaluta- trading iq option

Criptovaluta- trading iq option

Nota bene che il conto demo ti offre ben 10.000 € di denaro virtuale che ti serve per investire, conoscere la piattaforma e pianificare i tuoi investimenti.

Considera anche che esso offre la possibilità di fare trading con trade minimi da 1 €. Questi non cambiano se si tratta di un conto demo o di un conto reale.

Infine, puoi anche scegliere di fare trading sulle valute digitali con un conto reale dal deposito di appena 10 €.

Puoi anche investire e fare trading su altri asset come anche acquistare OTN. Non ti resta che aprire il tuo conto demo IQ Option e iniziare oggi stesso a fare trading con criptovalute.

Puoi registrare oggi stesso il tuo account di trading …

Tutti i dettagli li puoi trovare all’interno delle nostre guide:

Una IPO legata alle criptovalute?

wallet bitcoin

A questo punto, teniamo anche a fare una precisazione. Le IPO non sono le ICO.

Anche se assomigliano molto, non le si deve assolutamente confondere.

Per chiarezza ti possiamo dire che le IPO sono le “offerte iniziali” e come tali sono legate al lancio di una nuova azione.

In questo caso, l’emittente fissa un prezzo, e il titolo fa il suo esordio venendo venduto a quella cifra, il resto lo fa il mercato.

Al contrario, invece, le ICO rappresentano più che altro un complesso strumento di crowdfunding.

All’interno del mercato valutario digitale, una società sviluppatrice altro non fa che proporre una ICO la quale è legata a un progetto, che spesso consiste nella creazione di una valuta virtuale.

Nota bene che in cambio di una unità di prezzo definita, rilascia dei token, che possono essere convertibili nella nuova criptovaluta, quando questa ha fatto il suo esordio nel mercato.

Il mercato dello scorso anno, ad esempio, è stato letteralmente invaso dalle ICO, il quale oggi rappresenta un segnale di vitalità importante.

Fino ad adesso, nessuna IPO.

Michael Graham: previsioni 2018

Ancora la nostra analisi continua riprendendo le considerazioni di Michael Graham, che altro non è se non l’analista della società di wealth management Canaccord Genuity.

Egli afferma:

quest’anno il pubblico assisterà ad alcune IPO legate alle cripto e ad altre legate in maniera più ampia alla blockchain”.

Anche se asdesso non vi è nulla di ufficiale, potrebbe succedere anche questo. D’altronde, il 2017 ci ha riservato sorprese incredibili.

Il Bitcoin diventerà un payment network.

Al momento, il Bitcoin è utilizzato come mezzo di investimento speculativo.

In pochi al utilizzano come riserva di valore.

Vi sono anche quelli che possiamo definire i più temerari che immaginano una evoluzione in bene rifugio, fino a sostituire il dollaro, l’euro, persino l’oro.

Un’ipotesi che certamente che è da considerare solo e soltanto come speculativa visto e considerato che il

Bitcoin non ha il fisique du role atto a ricoprire questa importante funzione.

Vi sono anche coloro che affermano che il valore reale del Bitcoin è svanito e che esso è nato con lo scopo di essere considerato un mezzo di pagamento alternativo.

Quello che invece noi oggi possiamo vedere è che il Bitcoin ha ben poco del mezzo di pagamento:

  1. transazioni lente;
  2. poco scalabile;
  3. molto volatili.

Trevor Koverko: il bitcoin come mezzo di pagamento

Trevor Koverko

Trevor Koverko

Vi è poi invece chi crede che il Bitcoin possa trasformare in un mezzo di pagamento o, almeno, in un network di pagamenti. Di questo se ne fa carico Trevor Koverko, CEO di Polymath, che ha dichiarato:

“Attualmente il Bitcoin viene utilizzato come risorsa speculativa e riserva di valore. Solo nel caso in cui emergessero soluzioni come ad esempio quella Lightning Network (che oggi rappresenta una rete decentralizzata che utilizzata le funzioni degli smart contract per consentire pagamenti immediati, con valute scalabili), allora il Bitcoin li potrebbe prendere in riferimento e come tale si potrebbe assistere ad un aumento di valore.

La vera domanda che oggi ci possiamo porre è:

  • Il Bitcoin avrà il coraggio di adottare questi accorgimenti?
  • Le sue hard fork saranno sulla falsariga del Bitcoin Cash?

Il numero degli investitori aumenterà?

Non lo possiamo dire con certezza ma tutto quello che ti possiamo dire è che la previsione più realistica tra quelle citate in questo articolo è proprio questa.

Secondo alcuni analisti per altro, si potrebbe assistere ad un numero di investitori delle criptovalute potrebbe aumentare fino a raggiungere soglia 50 milioni.

E’ di questo avviso anche Yonatan Sela, responsabile per lo sviluppo aziendale di YouNow, che rappresenta oggi una società molto interessante la quale utilizza le blockchain per costruire un nuovo ecosistema multimediale.

Sela, affida al Bitcoin un ruolo molto diverso da quello che si auspica Sikolin: non un mezzo di pagamento, bensì riserva di valore.

Ad ogni modo, si può ragionare sulla sua previsione oggi?

Non lo possiamo confermare con certezza ma sulla base di quelli che sono i numeri in nostro possesso oggi, possiamo dire che gli investitori in criptovaluta raggiungano presto i 50 milioni.

Nota però che investitori sono solo e soltanto i trader, ossia quelli che speculano acquistando e vendendo valute. Non i possessorio.

Nel caso in cui invece parliamo di investitori che detengono la valuta digitale a lungo termine, allora in quel caso parliamo di un valore come lo è appunto i 50 milioni molto realistico.

Quello di cui invece noi siamo oggi convinti è che la questione in merito alle valute digitali è molto delicata, e si deve prestare particolare attenzione. Questo perché un possibile crollo delle criptovalute potrebbe portare alla rovina milioni di persone come anche alla diffusione di una percezione negativa e allontani gli investitori recenti.

Ecco anche uno dei motivi per il quale ti consigliamo di mettere in pratica un buon piando di money management e di investire solo quello che potresti per altro permetterti di perdere.

Leggi anche: Money Management, gli errori da evitare

eToro: trading Bitcoin con il copy trader

eToro-Copyfunds

Puoi scegliere di investire e fare trading online predisponendo una buona strategia di investimento, con il broker eToro il quale ti offre non solo un conto demo illimitato e gratuito, ma anche un conto reale dal basso deposito e che ti permette di fare trading con la piattaforma open book eToro.

Essa in pratica ti permette di investire e fare trading copiando gli altri trader. Puoi anche scegliere di condividere le tue strategie, le tue scelte di investimento con la community eToro e apprendere dalle strategie messe in pratica dagli altri trader.

Puoi infine copiare i trader che hanno fatto registrare le migliori performance come ad esempio quelli di seguito riportati, copiarli sul tuo portfolio e investire su di essi.

Trader più copiati negli ultimi 6 mesi

Trader Guadagno Rischio Copiatori
FabianMarco
Fabian Gerspacher
12,31%
3
5555
ALnayef
Fahad Alhajri
14,36%
3
4194
chocowin
Kanokpong Aroonrote
60,59%
5
3321
liborvasa
Libor Vasa
4,73%
3
2750
MarianoPardo
Mariano Pardo
7,93%
3
2465
fifty-five
Albert Dietrich
0,07%
2
2192
OlivierDanvel
Olivier Jean Andre Danvel
4,72%
2
2157
harshsmith
Harshvir Kang
29,56%
3
1931
reinhardtcoetzee
Reinhardt Gert Coetzee
0,91%
4
1655
Alderique
Aaron Wee Chong En
1,75%
3
1508

Se vuoi avere maggiori dettagli in merito alle strategie di social trading e di copy trader, non ti resta che richiedere il tuo account demo gratuito, cliccando sul link riportato.

Investi con i Bitcoin e le altcoin grazie al copy foundd eToro

In alternativa puoi sempre approfondire l’argomento con le nostre guide:

24Option trading criptovalute

24Option: piattaforma di trading regolamentata ed autorizzata

24Option: piattaforma di trading regolamentata ed autorizzata

In alternativa a questi 2 broker su descritti, puoi scegliere di investire su valute digitali con il conto demo gratuito offerto da 24Option o anche con un conto reale.

Grazie a questo broker puoi investire in modo professionale considerando che come i precedenti broker anche questo è regolamentato ed autorizzato.

Apri un conto di trading 24Option ed investi suiBitcoin e gli altri altcoin grazie alle diverse strategie di investimento che esso ti mette a disposizione! Non perdere altro tempo! Investi pianificando le tue strategie di trading online!

>>Leggi anche:

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente.
ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Europar2010.org

Leggi articolo precedente:
libertex
Libertex trading come funziona: opinioni, demo e recensione

Libertex è la piattaforma di trading innovativa facente capo a Indication Investments Ltd e membro del gruppo Forex Club. Questo...

Chiudi