Le criptovalute possono mai sostituire le valute tradizionali?

Pubblicato da TommasoP il: 21 novembre 2017

Potranno mai le criptovalute prendere il posto dell’euro, del dollaro, della sterlina?

Noi abbiamo raccolto in questa breve riflessione quelle che sono le nostre opinioni e le riflessioni degli esperti.

Sappiamo bene che le criptovalute sono le protagonisti degli ultimi anni soprattutto nel trading online.

In particolare il 2017 si + rivelato l’anno decisivo facendo segnare delle performance mai registrare prima d’ora, soprattutto se parliamo di investimento speculativo.

In sostanza le monete digitali hanno conquistato l’interesse di tantissimi trader, come anche di analisti e addetti ai lavori tanto che oggi occupano sempre le prime pagine dei giornali economici.

Esse hanno delle prestazioni uniche tanto che potremmo definirle ai limiti della realtà.

In breve esse si sono tradotte in apprezzamenti a 4 cifre nel breve termine ovvero in un tempo massimo di 18 mesi.

Il punto di riferimento per tutti i trader è il Bitcoin, la criptovaluta per eccellenza, che al momento conta un valore di svariate migliaia di dollari. Ancora oggi non sembra intenzionato a cedere anche se come tutti gli strumenti finanziari fa registrare alti e bassi.

Tuttavia, non sono solo i BItcoin ad aver fatto registrare delle ottime performance, ma anche le altre criptovalute, come ethereum e Ripple, solo per citarne alcune, hanno fatto registrare delle performance senza precedenti tanto che oggi possiamo dire che tutte le altre valute digitali si sono tagliata una buona fetta di mercato.

Alla luce di quanto affermato fino ad adesso, è facile comprendere come le criptovaluta hanno fatto registrare una vera e propria invasione del mercato.

Ora ci si potrebbe chiedere:

Le criptovalute potranno mai sostituire le valute tradizionali?

In breve ci si chiede oggi se Bitcoin, Ethereum, Litecoin potranno mai prendere il posto del dollaro, dell’euro, della sterlina? Saranno questi in grado di configurarsi almeno come delle alternative?

Investire in criptovalute: 5 regole da tenere in considerazione

Le criptovalute potranno mai sostituire le valute tradizionali?

E’ chiaro che non possiamo rispondere a queste domande su due piedi, come anche non è semplice.

E’ necessario, infatti, capire cosa prima di tutto cosa sono realmente le criptovalute e specificare in quale campo debba avvenire questa sostituzione.

Eco dunque che il primo passo da compiere è capire:

Cosa sono le criptovalute

Definiamo con questo termine, tutte le valute digitali che sono anche conosciute come cripto-currencies o valute virtuali le quali sono esattamente delle monete virtuali protette da sistemi più o meno complessi e sicuri di criptazione.

E’ chiaro che esse non hanno un corrispettivo in carta, reale e materiale.

Ecco dunque la differenza tra le monete digitali e le monete reali.

Ma attenzione, questa è solo una delle tante differenze.

In secondo luogo, le criptovalute sono definite tali, perché esse non hanno alle spalle una banca centrale o altro tipo di istituto che possa farne le veci.

Questo presuppone dunque che la liquidità non è regolata da iniziative di tipo politico-monetario.

In sostanza, non ci potrà mai essere (o almeno per il momento) una manipolazione di interessi, da parte di banche. Al massimo ci potrebbe essere solo una manipolazione attraverso dei meccanismi prestabiliti e automatismi di natura prettamente tecnica.

Ancora, esse prevedono dei sistemi di protezione che potremmo dire non incidono solo dal punto di vista della sicurezza, ma anche dal punto di vista operativo. Questo vuol dire che possono essere influenzate solo e soltanto sulle modalità di transazione.

In linea di massima, possiamo affermare che le criptovalute sono molto più esposte agli shock finanziari, visto e considerato che non hanno un organismo che invece possa risolvere le criticità in maniera diretta.

Allo stesso tempo, esse possono liberamente ed indipendentemente essere quotate poiché la loro quotazione dipende esclusivamente da quanto accade nel mercato.

A causa di questo e dei meccanismi predisposti al fine di rendere tutte le operazioni sicure come anche le transazioni, esse sono più lente.

Ad esempio, se vuoi pagare con una valuta tradizionale, attraverso un sistema digitale, è questione di pochi secondi (come ad esempio i POS).

Al contrario, invece, pagare con una criptovalute, richiede un processo molto più lungo e molto più approfondito.

Le criptovalute come mezzo di investimento

Molti se lo chiedono ma ancora pochi hanno realmente trovato la risposta.

Come fare per investire in criptovalute: Guida pratica

Le criptovalute come mezzo di investimento

Per rispondere a questa domanda, deve essere abbastanza chiaro cosa siano le criptovalute, ma soprattutto quali siano le maggiori differenze tra esse e le valute tradizionali.

Solo sulla base di questo, è possibile riflettere sulla questione “sostituzione/alternativa”.

Abbiamo visto più volte e più volte ne abbiamo approfondito il concetto senza però grossi risultati, se le criptovalute possono sostituire realmente le valute tradizionali. Ancora oggi non possiamo darvi una risposta certa, perché ci sono dei problemi tecnici che devono anche essere risloti prima ancora di poter lanciarle sul mercato come valute reali.

In breve, molto dipende dalla funzione di riferimento, che a nostro avviso oggi è duplice:

  1. Potrebbero essere utilizzate come mezzo di investimento;
  2. Le si può utilizzare come mezzo di pagamento.

E’ chiaro che nel primo caso, l’obiettivo di chi utilizza la valuta è guadagnare e quindi accrescere il capitale.

Nel secondo caso invece, è acquistare o vendere beni e servizi.

Ma analizziamo il primo punto: gli investimenti.

In questo caso, potremo rispondere affermativamente e quindi le monete digitali possono sostituire quelle reali.

In breve si utilizzerebbero le criptovalute come mezzi di investimento, o meglio asset, che sono dotati di dignità già adesso simile a quella delle valute tradizionali.

In alcuni casi possiamo anche dire che è molto più conveniente!

Molti sono i trader infatti i trader che vogliono investire in Bitcoin, Ethereum, Litecoin  e non con l’euro, il dollaro, la sterlina.

Questo è un dato di fatto! Visto e considerato che le criptovalute sono un fenomeno che riguarda soprattutto il trading, è possibile investire e fare trading online sulle criptovalute al fine di guadagna tantissimo.

Ma attenzione è sempre molto importante prendere le giuste precauzioni e soprattutto sapere come si investe nel trading online con le criptovalute.

Non ci si deve mai improvvisare trader. Il trading online è pericoloso e potrebbe compromettere l’intero tuo capitale.

Ma perché è conveniente investire in cripotvalute?

Per risponder a questa domanda, ti basta guardare alle loro performance.

Il Bitcoin è il capofila e su questo non c’è dubbio!

Se si considerano anche i tassi di crescita è possibile notare come esso oggi sfonda quota 7200 dollari.

A seguire poi ci sono le altre valute virtuali come l’Ethereum, che la possiamo definire una delle protagoniste che ha fatto registrare delle ottime performance al pari delle altre.

Questo presuppone che il mercato delle criptovalute è davvero vitale e quindi in grado di attrarre un numero sempre maggiore di investitori.

Vi è poi un ultimo aspetto considerato importante per le cripotvalute e che le rende desiderabili:

  • assenza del rischio, “manipolatorio”.

Questo vuol dire che le banche centrali per preservare la funzionalità del sistema e raggiungere obiettivi di tipo economico come ad esempio inflazione al 2%, manipolano la quantità di liquidità.

Come?

Agendo sulla leva dei tassi di interesse.

Questo incide profondamente sui prezzi, i quali si muovono in questo caso a prescindere da ciò che accade nel mercato.

Al contrario, invece, le criptovalute, non possono essere attaccate dalle banche centrali in quanto non hanno nessun potere.

In pratica tuto questo vuol dire che non c’è nessuno che può influire tanto, e in maniera così arbitraria sui prezzi.

Un aspetto che molti lo considerano un’arma a doppio taglio.

Infatti l’assenza delle banche centrale, potrebbe essere considerata come un elemento positivo ma solo nel caso in cui si parla di manipolazione.

Diversamente è un elemento negativo come ad esempio quando ci si trova di fronte a degli shock finanziari, soprattutto se esogeni.

Infatti, se il mercato va in crisi, non c’è nessun organismo in grado di risolvere la situazione dall’esterno.

Si deve anche considerare il rischio bolla.

Questo perché alle diverse fasi di crescita esagerate, corrisponde molte volte ma non sempre, un crollo repentino e disastroso.

Ora, sulla base di questo concetto, possiamo dire che le criptovalute sono nel pieno della loro fase si crescita.

Per tale motivo non possiamo, nonostante le ottime performance, non tenere in considerazione la possibilità di una eventuale esplosione di bolla, in quanto si tratta pur sempre di una eventualità che si deve mettere in conto.

Le criptovalute come mezzo di pagamento

Migliori broker criptovalute: caratteristiche

Le criptovalute come mezzo di pagamento

A questo punto cerchiamo di esaminare anche un altro aspetto, ovvero la possibilità che queste siano utilizzate come mezzo di pagamento.

Se infatti abbiamo appurato che le criptovalute possono oggi rappresentare una buona alternativa alle valute tradizionali, è chiaro che non possono sostituirle almeno per il momento.

Da un certo punto di vista invece della questione mezzo di pagamento, è possibile considerare alcune riflessioni che non sono sicuramente del tutto ottimiste.

La verità?

E’ che al momento le criptovalute le possiamo intendere come un mezzo di pagamento poco conveniente almeno per i prossimi 10 anni.

Il motivo?

Non è adatta la gente comune ad accettare queste come mezzo di pagamento. Al momento non vi è una cultura delle valute digitali e le istituzioni non aiutano in questo campo.

Il successo di una valuta infatti lo si deve al grado di fiducia che gode presso i potenziali utilizzatori.

Se non ci si fida di una valuta, questa viene poco utilizzata e quindi non serve al suo scopo.

La gente comune non ha una conoscenza approfondita sulla materia. Per altro la sola percezione, laddove questa conoscenza esiste, tende ad associare le criptovalute al trading e solo al trading online.

Una concezione a nostro vedere sbagliata del tutto, messa in campo da gente che non ha approfondito appieno i vantaggi che esse comportano.

Oltre ai problemi di immagine, che certamente potrebbero essere risolti, vi sono anche dei problemi di natura tecnica.

Anche in questo caso, la verità è legata al pagamento con le criptovalute.

Questo potrebbe essere considerato come un processo lungo e molto lento, che poco si sposa con le necessità di chi invece, nella vita acquista e vende beni e servizi.

Sono molto lente visto e considerato anche il loro sistema di sicurezza, il quale si basa sulle blockchain, e che impone una scrittura di tutti i registri anche a livello globale per tutte le volte che si eseguono delle transazioni.

Le Banche Centrali corrono ai ripari

Non è bene considerare però la diffusione capillare delle criptovaute, visto e considerato che questa diffusione senza controllo se potrebbe compromettere la stabilità di interi stati e di intere banche centrali.

Queste stanno infatti già correndo ai ripari, adoperando una strategia tale da incanalare le criptovalute nei binari della legalità.

Una tra le prime anche che sembra intenzionata legalizzare le criptovalute è la Banca Popolare cinese che sembra aver già in serbatoio un prototipo di criptomoneta nazionale.

Il suo interesse?

Divenire la prima Banca Centrale al mondo a diffonderla.

Allo stesso modo, si sono già inserite a ruota la Banca Centrale giapponese, la BCE, la Banca Centrale olandese e quella russa.

Pare però essere iniziata una corsa contro il tempo, perché c’è ad esempio il rischio che le banche centrali, possano reagire troppo tardi.

Trading online sulle criptovalute con IQ Option

Qual è il modo migliore per comprare Bitcoin?

Qual è il modo migliore per comprare Bitcoin?

Uno dei miglior broker per far trading online sulle criptovalute è IQ Option, il quale offre differenti soluzioni di trading.

In breve con esso puoi investire  fare trading sia utilizzando un conto demo gratuito da 10.000 € sia anche investendo con un conto reale attraverso un deposito minimo di appena 10 €.

In questo modo, puoi sfruttare una piattaforma regolamentata ed autorizzata come anche differenti altre caratteristiche che solo un broker di questa portata potrà offrirti.

In breve con Iq Option puoi investire e fare trading sfruttando tantissimi asset sottostanti, non solo cripotvalute ma anche Forex, materie prime, indici e azioni.

Investi in modo semplice e veloce con una piattaforma di trading online regolamentata ed autorizzata CySEC.

Apri un conto demo IQ Option

Tutti i dettagli sulla piattaforma e sul trading da esso offerto, sono disponibili all’interno dei nostri approfondimenti.

Considerazioni finali

Il problema è stato alleggerito si negli ultimi tempi, ma il vecchio Bitcoin ancora oggi impiega parecchio tempo per essere “trasferito”.

come prelevare bitcoin da IQ Option

Investi in semplicità con IQ Option e il trading su criptovalute IQ Option

Anche se oggi si parla di appena 10 minuti grazie alle nuove blockchain del Bitcoin Cash e di Ethereum, purtroppo lo dobbiamo considerare come un tempo abbastanza lungo, per altro molto lontani dagli standard delle valute tradizionali.

Ovviamente in questo caso parlami di valute digitali, e noi come la maggior parte della gente comune siamo certi e consideriamo le banconote come il metodo più rapido in assoluto per tutti, oggi come nel futuro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli della stessa categoria

*Your capital might be at risk.

Europar2010.org

conto demo
Leggi articolo precedente:
Migliori exchange criptovalute 2018: come sceglierli
Exchange di Criptovalute migliori: quali sono e come funzionano?

Attenzione: per tutti coloro che vogliono fare trading online ma non sanno quali sono e soprattutto cosa sono i migliori...

Chiudi