Grexit, la Grecia al Bivio

Pubblicato da Roberto Ricci il: 29 Giugno 2015 - Aggiornato il: 12 Febbraio 2019
3 Views

Torna l'ombra della Grexit dopo il mancato accordo tra Grecia e FMIPare che finalmente si sia arrivati ad una vera svolta, in Grecia, o meglio ad un bivio. Tuttavia, se l’esito di questo bivio prima dipendeva dagli accordi tra governo greco e ‘Troika’, ora invece dipende dal popolo greco tutto, chiamato ad esprimersi ad un referendum il 5 luglio prossimo. In questo referendum si chiederà agli elettori se restare o meno in Europa, se accettare o meno le condizioni dei creditori, oppure avviare la macchina per la Grexit, ovvero l’uscita della Grecia dall’Eurogruppo e quindi dall’euro.

A tal proposito, Tsipras si è già schierato, tornando alle posizioni della scorsa campagna elettorale, chiedendo agli elettori di votare per l’uscita dall’eurozona.

Le motivazioni di questa scelta si potrebbero trovare in due avvenimenti:

– La creazione di una corrente interna al proprio partito, Syriza, del tutto scontenta della nuova versione troppo interlocutoria del proprio portavoce
– La rottura delle trattative, che potrebbero anche dipendere, almeno in parte, dal primo elemento

Sta di fatto che la Grecia ha abbandonato unilateralmente il tavolo, definendo le proposte dell’eurozona irrispettose e avvilenti, non ricevibili. Non era chiaro se fosse un ultimo tentativo per tirare la coperta il più possibile dalla propria parte. Ad ogni modo, il risultato è che si è arrivati al referendum al 5 luglio, che ha già creato scompiglio sui mercati finanziari.

Effetto della Grecia sui Mercati

Il fallimento delle trattative ha fatto perdere i due sedute 1.000 punti al Ftse Mib e fatto ribassare diversi listini europei con in testa il CAC e il DAX. Gli indici i Parigi e Francoforte hanno aperto in mattinata con un pesante ribasso, superiore al 3%, sicuramente un passo indietro rispetto al territorio guadagnato nelle ultime settimane e non solo. Si torna praticamente ai livelli di inizio anno.

Ciò che maggiormente preoccupa tuttavia è il futuro, prevalentemente per questi tre aspetti:

– Conseguenze economiche per gli stati creditori
– Attività delle piazze azionarie, che si avvicinano alla chiusura del secondo trimestre, un dato che sarà fortemente appesantito dagli ultimi eventi, in varie tipologie di macro
– Possibili spinte anti euro in seguito a ciò che diverrebbe un precedente

Negli ultimi anni i mercati hanno dimostrato che vengono rinforzati da situazioni di certezza. L’attuale situazione è invece totalmente caotica i cui esiti, tutti, sono del tutto incerti. Politica a parte, i mercati finanziari hanno dimostrato che gli investitori internazionali preferiscono un euro stabile e nello specifico degli accordi con la Grecia.

L’unico fattore positivo, di tutto ciò, è che almeno si giungerà ad una decisione, ad un esito. Il futuro della Grecia sarà incerto, ma almeno si potrà delineare una strada per chiarire il percorso da intraprendere a seconda dei propri obiettivi.

Correlazione del Giappone

La crisi delle trattative greche non colpisce solo l’Europa ma anche il Giappone, strettamente correlato con la situazione greca per via degli investimenti. L’indice Nikkei paga anche l’attuale rinforzo dello yen sul dollaro. Un duro colpo dopo le recenti sessioni in ripresa che avevano fatto ben sperare per la ripresa del Giappone.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente.
ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Europar2010.org

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Leggi articolo precedente:
Perché si inizia a fare trading e come si diventa professionisti
Perché ho iniziato a fare trading?

Hai iniziato a fare trading e sei ancora ai primi giorni di negoziazione. Hai da poco imparato ad usare la...

Chiudi