Investire in Fondi Etici conviene? Cosa Sono e Come Sceglierli?

Pubblicato da TommasoP il: 18 aprile 2018

Hai mai sentiti parlare di fondi etici? Se si, come certamente immaginiamo, allora ti sarai anche chiesto quale possa essere un modo utile per trarre profitto da questi fondi.

Quale miglior modo allora se non quello di investire nei fondi etici? Ma prima di fare questo, ti devi chiedere: conviene investire nei fondi etici? Bene in questa guida cercheremo di dare risposte concrete a tutti i tuoi dubbi.

Per farti comprendere bene come fare trading e come investire con essi, allora devi anche sapere cosa si intende con il termine fondi etici e solo dopo passeremo ad analizzare e ad approfondire l’argomento illustrandoti le opportunità diverse che hai in quanto risparmiatore e investitore.

Per far questo dobbiamo anche illustrarti le diverse opportunità che essi offrono anche perché non sono un comune asset di investimento su cui puntano tantissimi trader tutti i giorni. Si tratta pur sempre di un particolare tipo di investimento che possiamo dire anche che non è entrato a far parte della retorica mainstream.

Come in tutti i tipo di investimento che oggi sono presenti sul mercato, quelli che a noi interessa approfondire sono proprio, i fondi etici.

Sappiamo bene che gli investimenti sono sempre l’anima del sistema economico in cui viviamo.

Però si deve anche sottolineare il fatto che quando facciamo un investimento generico, non sappiamo mai su cosa stiamo investendo effettivamente e come tale non sappiamo davvero cosa indirettamente andiamo a finanziare visto e considerato che si investe ormai sempre sui azioni legate alle multinazionali.

Cosa cambia invece quando parliamo di investire in fondi etici? Cambia il modo di investimento e la base dell’investimento stesso.

Ecco anche il perché sono nati i fondi etici, che sono controllati in modo del tutto diverso. In pratica si tratta di evitare di investire in settori che vanno contro l’etica. Ecco quindi di cosa oggi ti vogliamo parlare.

investire-in-modo-etico

Investire in modo etico per salvare l’ambiente è possibile?

Investire nei fondi etici come investimento etico?

Investire nei fondi etici come investimento etico?

Investire nei fondi etici come investimento etico?

Potrebbe essere una giusta soluzione. Ma attenzione perché prima di addentrarci nell’argomento, vogliamo citare uno dei tanti motivi che ci ha spinto in quanto investitori a puntare su questi fondi.

Nello specifico, uno dei motivi principali, è di natura tecnica economica.

Nello specifico, questo tipo di fondo attiene alla sfera morale. In pratica permette a tutti i trader di mettere in pratica delle strategie e di adottare, in tutti i campi dell’esistenza, uno stile sostenibile, che è ben diverso dal tipo di vita comune che noi oggi svolgiamo.

Nota anche che quando parliamo di fondi etici, facciamo riferimento ad un tipo di investimento sostenibile. Per molti l’aggettivo sostenibile è qualcosa che è legato con l’alimentazione, o anche con il tipo di lavoro svolto o la tecnica utilizzata. Allo stesso tempo, possiamo dire che sostenibile potrebbe essere anche il momento di divertimento.

Ma allora, se tutto quello che gira introno a noi deve essere sostenibile, perché non possono esserlo anche gli investimenti? Da qui ne possiamo ricovare con certezza che gli investimenti devono essere sostenibili!

Da qui la nascita e l’esigenza di investimenti alternativi che prendono appunto il nome di fondi etici.

>>leggi anche: Come Investire 50.000 €? Migliori investimenti 2018

Fondi etici: Cosa Sono e Come Sceglierli?

Fondi etici: Cosa Sono e Come Sceglierli?

Fondi etici: Cosa Sono e Come Sceglierli?

Anche se molto attraenti in Italia, non vi è la mentalità dell’investimento nei fondi etici. Almeno non c’è per il momento. In un prossimo futuro certamente sì.

Oggi, sono in pochi coloro che investono con questi particolari fondi. Una percentuale irrisoria se confrontata con i trader che invece investono nel trading online o nel mercato delle criptovalute. Qui si parla di cifre molte alte, a volte anche con 6 zeri. Mentre i fondi etici sono ancora poco utilizzati.

Molto in questi anni è stato fatto anche se non rappresenta neanche un 10% del totale dell’investimento. Nonostante tutto, però si sta notando un atteggiamento differente da parte del trader nei confronti di questo tipo di investimento.

Infatti, in un contesto di crescente bisogno legato alla finanzia sostenibile, l’investimento nei fondi etici, è dato in forte aumento! Al momento però fondi etici sembrano essere appannaggio soprattutto degli investitori internazionali.

Per farti un esempio, se stiliamo una classifica dei paesi che investono di più nei fondi etici abbiamo Francia, la quale spicca con i suoi 58 miliardi. Mentre l’Italia è solo nona, con 5 miliardi.

>>leggi anche: Azioni Dropbox: investire con i CFD. Quotazione e grafico in tempo reale

Cosa sono i fondi etici

Ma nello specifico, in cosa consistono i fondi etici?

Attenzione: i fondi etici, nella realtà degli investimenti, non esistono come termine.

In molti hanno utilizzato questo termine per comodità. Da questi ne è poi venuto fuori il termine e si sono continuati a chiamati così.

Ufficialmente però, questo particolare tipo di investimento, è noto come SRI, Socially Responsible Investment. In italiano, Fondi Socialmente Responsabili.

Questi adottano criteri specifici, che possono essere riassunti nella sigla ESG, ossia Enviromental (criterio ambientale), Social (criteri sociali), Governance (criteri di trasparenza).

Cosa vuol dire questo?

Significa che rispetto ai fondi tradizionali, ovvero rispetto ai fondi comuni propriamente detti, i fondi etici mirano al rispetto dell’ambiente come anche al miglioramento delle condizioni ambientali.

In buona sostanza essi puntano a far crescere il tessuto sociale e anche a favorire direttamente il terzo settore. Lo fanno però in completa armonia e nel rispetto delle regole della trasparenza e della gestione molto più ferree.

Molto spesso, questi i fondi etici finanziano in maniera diretta le realtà no-profit.

Oggi ti possiamo dire che i fondi etici non sono molto diffusi. Essi hanno preso il via soprattutto a partire dai primi anni del nuovo millennio. A dire il vero il loro apprezzamento ha iniziato a farsi sentire già dalla metà degli anni ’90 anche se sono poi esplosi dal 2000 in poi.

Com’è potrai anche tu notare, è facilmente intuibile come essi sono cresciuti di pari passo alla diffusione di una sensibilità spiccata per i temi di cui abbiamo dato contezza poco fa.

Ecco che tutti i fondi etici, restano pur sempre fondi di investimento e come tali, condividono tre “presenze” con quelli tradizionali. Di seguito li analizzeremo.

>>leggi anche: Come investire in Gas Naturale? [Guida completa al trading CFD]

Partecipanti

Ovviamente, tutti i fondi etici al fine di portare a termine il loro scopo, per funzionare al meglio, hanno bisogno dei fondisti. Chi sono?

Si tratta di investitori-risparmiatori che immettono del denaro sul mercato in quanto desiderosi di investirlo in realtà che non sono quelle classiche legate al mondo degli investimenti che noi oggi tutti conosciamo.

Questi particolari tipi di investimento, rispettano i criteri ESG. Proprio come avviene nei fondi comuni, i partecipanti ai fondi etici acquisiscono delle quote del fondo stesso. Come vedi nella sostanza, funzionano come un qualsiasi altro fondo.

>>leggi anche: Forex o azioni: dove investire?

Società di gestione

Anche se non sembra, i fondi etici rientrano nel campo del risparmio gestito. Cosa vuol dire questo? Vuol dire che dietro vi è pur sempre una società che gestisce il denaro, ma anche che ne cura la raccolta, come anche cerca di organizzare il tutto e decide sugli investimenti da fare. In pratica si occupano della composizione del portafoglio.

Da questo punto di vista, è facile notare come la struttura dei fondi etici è praticamente identica a quella dei fondi tradizionali.

>>leggi anche: Quanto vale la Borsa italiana in tempo reale oggi? Come funziona?

Banche depositarie

Queste le possiamo definire come delle banche vere e proprie che hanno una specifica funzione. Quale? Si pongono la funzione di custodire il denaro, ovvero titoli del fondo che servono per mettere a disposizione la liquidità.

Nota che queste banche, svolgono anche un’attività di monitoraggio, ovvero di verifica del rispetto della normativa vigente da parte del fondo.

Questa caratteristica è comune sia ai fondi etici, sia anche ai fondi comuni.

Ci sono però da fare anche delle piccole precisazioni, che potremmo definire come delle caratteristiche.

>>leggi anche: Come guadagnare in Borsa? [guida per principianti]

Tutti i fondi etici non devono essere in nessun modo confusi con i fondi solidali.

Questi ultimi, impongono ai sottoscrittori di devolvere parte dei rendimenti a progetti utili alla comunità. Possono anche devolvere parte del loro rendimento all’ambiente.

Devi sapere che i fondi etici, in verità, sono dei fondi il cui scopo è quello di creare valore e quindi offrire un finanziamento a progetti no profit. E’ chiaro che devono sempre rispettare i criteri ESG.

Insomma, tutti i fondi etici non impongono ai sottoscrittori, che in questo caso si chiamano “fondisti” o “partecipanti” di devolvere alcunché.

>>leggi anche: Come Investire in Borsa oggi? Tutto quello che devi sapere sulle azioni

I meccanismi dei fondi etici

Anche da un punto di vista meramente strutturale, oggi non ci sono grosse differenze tra fondi etici e fondi tradizionali (fondi comuni). E’ chiaro che si tratta pur sempre di investimenti che rientrano nel campo del risparmio gestito.

Le vere differenze oggi si apprezzano sotto il profilo delle politiche e dalla strategia. Si deve quindi sottolineare il fatto che I fondi etici, non sono altro che degli strumenti di Investimento Socialmente Responsabile.

Come tali, hanno lo scopo di favorire la crescita e anche il raggiungimento degli obiettivi che si devono porre le realtà no-profit le quali sono sempre impegnate nella cura e nella preservazione dell’ambiente, se non anche nel miglioramento del tessuto sociale, e del supporto alle fasce deboli, nei progetti di recupero dei tossicodipendenti ed ex-carcerati etc.

Ma attenzione, perché questa è ancora solo una faccia della medaglia. La potremmo definire la parte più nobile e disinteressata.

Allo stesso tempo, come in tutti i tipo di investimento, abbiamo il rovescio della medaglia. Anche se si tratta sempre di un aspetto positivo, in quanto parliamo di un tipo di investimento etico, si deve considerare il fatto stesso che questi investono su aziende e società “normali”, quindi non no-profit.  Ma attenzione, perché queste devono comunque rispettare degli standard ben precisi.

In pratica si tratta di società che di fatto mettono in campo delle politiche aziendali che esaudiscono le esigenze di tutela dell’ambiente, come anche quelle della sicurezza della merce prodotta e dell’integrità dei servizi offerti. Ancora esse operano per il rispetto dei diritti alla salute se non anche quelli della sicurezza nei confronti di tutti i lavoratori.

Vi è poi da sottolineare anche il fatto che le società “ISR” non devono essere impegnate o coinvolte in attività giudicate poco nobili come ad esempio lo sono invece le società che commerciano armi (anche legale), la produzione e la distribuzione di tabacco, o anche quelle legate agli alcolici, ecc.

Insomma, tutti quelli che investono in questo settore, cercano come sempre di sottoscrivere un fondo etico. Si tratta di azioni di investimento destinate ad uno scopo non lucrativo, visto e considerato che nella maggior parte dei casi si tratta di investimenti in cui il denaro andrà o a progetti nobili, o anche ad aziende che come minimo, rispettano determinati valori.

In molti casi potremmo definirlo come il miglior modo, per portare avanti una idea di finanza sostenibili non solo a livello di opinioni e convincimenti, ma anche in concreto con atti pratici.

Vi è da analizzare poi anche un altro elemento che non possiamo trascurare. Questo serve al fine di comprendere meglio come funzionano i fondi etici.

In realtà, si tratterebbe di un altro punto che hanno in comune con i fondi comuni d’investimento che in molti conoscono come fondi tradizionali. In questo caso si deve fare la distinzione tra fondi passivi e fondi attivi.

>>leggi anche: Investire oggi: consigli e idee per investimenti redditizi

Come investire in fondi etici? Performance

banca etica

Banca etica: Come investire in fondi etici?

Al fine di investire nei fondi etici devi essere in contatto con coloro che dipendono dalle SGR società di gestione del risparmio. Oggi tra quelle che maggiormente sono conosciute abbiamo:

  1. Etica SGR con una market share del 43,5%
  2. Bnp Paribas , che detiene una quota di mercato del 21,6%
  3. Eurizon Capital con il 13,6%
  4. RAS
  5. A. M.
  6. BNL GESTIONI
  7. San Paolo Imi A. M.

Inoltre per fare parte di una di queste devi sottoscrivere un contratto con gli istituti bancari on-line.

Ad esempio se parliamo di RATING ovvero dei parametri di valutazione usati dalle aziende per costruire il ”portafoglio” dei fondi etici, si deve sempre valutare il modo con cui è possibile operare.

Si tratta molto spesso di operazioni in cui l’azienda opera tramite l’andamento dei titoli emessi, valutando anche i rischi, o anche i risultati finanziari ed infine l’affidabilità.

In breve, per investire i tuoi risparmi in un fondo etico devi sempre analizzare determinati parametri verso scelte che seguono le nostre convinzioni.

Cosa fare allora?

Scegliere la categoria

Il primo punto che si deve analizzare è la categoria. Molto dipende infatti dagli strumenti d’investimento scelti. Cosa vuol dire questo?

I fondi etici sono diversi tra loro per appartenenza a diverse categorie. Questi possono essere monetari, bilanciati, azionari e obbligazionari.

Quindi al fine di avere più affidabilità per investire in un fondo etico dobbiamo esaminare meglio cos’è che lo rende più adatto alle nostre necessità.

Nota invece che per investire in un fondo azionario a lungo termine devi solo considerare e ben accettare i rischi che sono collegati ad esso.

Nel caso in cui invece vuoi evitare i rischi devi investire nel breve termine in un fondo obbligazionario.

Valutare la trasparenza

Altro elemento caratteristico che si deve sempre considerare e che possiamo definire come uno dei criteri fondamentali da valutare, per investire nei fondi etici, è la trasparenza.

Ci sono oggi infatti, società di gestione che hanno un Comitato etico che vigila, al fine di mantenere uno stile di gestione volto a rispettare l’eticità e la responsabilità d’impresa.

Quello che tu devi fare è assicurarti che questo comitato etico abbia il diritto di veto, ovvero possa bloccare eventuali investimenti che vadano ad uscire dal codice etico.

E’ chiaro però che nonostante se si tratta di investimenti etici si tratta pur sempre di fondi di investimento, e quindi essi comportano tutti i rischi ad essi collegati.

Quindi la vostra non deve solo derivare dall’etica, ma anche dalla sicurezza che offre l’investimento.

Non si tratta di pochi i casi visto ce considerato che anche un istituto solido è possibile che fallisca e di conseguenza lasci i risparmiatori senza un centesimo. Quindi devi sempre valutare il rapporto che intercorre tra investimento, rendimento e rischio.

Fondi passivi

Si tratta di fondi che replicano, o tentano di replicare, all’interno del proprio portafoglio la composizione di un indice azionario. Si cerca di comporre sempre in questo caso un proprio portafoglio facendo esplicitamente riferimento a un determinato indice.

E’ chiaro che in questo caso si tratta sempre di un indice azionario etico, e come tale di un indice che di default fa riferimento solo titoli di società ISR (Investimento Socialmente Responsabile).

>>leggi anche: Conviene investire nel Forex oggi?

Fondi Attivi

Questo particolare tipo di fondo prevede invece una gestione più complicata! Si tratta di investimenti attivi nel vero senso della parola.

I gestori, infatti, compongono il portafoglio “manualmente”. Vuol dire che essi scelgono sulla base di ulteriori criteri che sono compatibili e che si riconoscono nell’acronimo ESG (Enviromental, Social, Governace):

  1. Titoli azionari
  2. Obbligazioni

Si sceglie tra questi 2 elementi quelli da inserire all’interno del portafoglio.

Inoltre è molto semplice anche intuire i costi di gestione di un fondo attivo sono per lo più alti rispetto a quelli legati ad un fondo passivo. Sia chiaro che questo argomento vale per qualsiasi tipo di fondo, quindi anche per quelli cosiddetti etici.

>>leggi anche: Trading ETF: cosa sono, come funzionano e come investire in ETF

Fondi etici rendimento: Conviene investire?

come investire con i fondi etici 6

Fondi etici rendimento: Conviene investire?

A questo punto, devi tu sapere analizzare quello che è il fondo che maggiormente si adatta alle tue esigenze di investimento. Devi analizzare determinati elementi e ti devi anche porre una domanda:

  • Si guadagna molto con i fondi etici?

Anche se non è un principio molto etico quando si tratta di investimenti, la prima domanda che ci si pone quando si investe è proprio quanto si riesce a guadagnare.

In linea di massima, stando anche a quello che possiamo definire come senso comune, oggi potremmo considerare questi fondi come dei fondi meno ricchi rispetto ai normali fondi comuni.

Questo lo si deve in modo particolare al fatto che vi è sempre il malcelato pregiudizio, secondo cui il bene non paga. Anche in questo caso, potremmo considerare questo pregiudizio poco appropriato.

Proprio per contrastare queste dicerie, ci sono state delle ricerche che hanno dimostrato che non ci sono sostanziali differenze, almeno sotto questo punto di vista tra fondi comuni tradizionali e fondi etici.

Quello che cambia, se analizziamo bene il tutto ed esaminiamo un preciso periodo storico, i fondi etici hanno reso molto di più rispetto agli altri. Ovviamente si deve sempre valutare e considerare tutto il contesto.

Il riferimento lo si fa in modo particolare al periodo pre-crisi e post-crisi.

La ricerca più esimente da questo punto di vista è quella riportata dall’Università di Tor Vergata, che ha indagato sul periodo 1992-2012.

La ricerca ha portato alla luce una certificazione in cui i fondi etici hanno performato meglio di quelli comuni.

I dati a sostegno di questa tesi derivano anche dallo studio dell’indice MSCI Word, che coinvolge le blue chip e le mid chip.

Si tratta di associazioni che rientrano sempre sotto la sigla ESG e che hanno fatto registrare una performance cumulata di 128,5.

Nel frattempo, si è cercato anche di analizzarne altre che sono analoghe definite “classiche”, e che si pongono come oggetto dei fondi comuni semplici, non etici, e che come tale hanno fatto registrare solo 124,7.

Nel caso in cui invece consideriamo le blue-mid chip presenti ormai in tutto il mondo, quindi anche dei paesi emergenti, la differenza arriva a 9 punti.

Infine, si deve anche considerare il caso del fondo BlackRock BGF New Energy, impegnato nel settore delle energie alternative, che ha fatto registrare un rendimento annuo medio del 25% per ben 3 anni di fila.

Certo una eccezionale, ma che rende l’idea di come i fondi etici possano essere davvero profittevoli.

>>leggi anche: IPO: Come funziona l’offerta pubblica iniziale? Cosa sono? Come investire? [Guida completa alle IPO]

Migliori fondi etici e affini

come investire con i fondi etici 2

Migliori fondi etici e affini

Il concetto di fondo etico non deve essere inteso in senso stretto, ma lo si deve intendere nel senso più ampio della sua eccezione. Ad oggi possiamo anche segnalare svariate tipologie e affini.

>>leggi anche: Le 25 banche di investimento migliori al mondo

Fondi etici classici

Questi sono tutti quei fondi che potremmo far rientrare nella categoria azionaria e che, offrono i rendimenti più alti anche se allo stesso tempo, sono considerati piuttosto rischiosi.

Fondo obbligazionario

Anche se offrono dei rendimenti più bassi con un rischio meno elevato, possiamo dire che sono quelli preferiti in quanto debilanciati. Si tratta in breve di fondi al cui interno al divisione è identica a quella dei fondi comuni.

>>leggi anche: Giocare in borsa on line: consigli su come investire in borsa

Fondi pensione etici

Sono dei fondi che si compongono sempre come dei fondi pensione, anche se gli investimenti vengono realizzati solo sulle aziende ESG.

Si tratta in breve di un modo “etico” di garantirsi una pensione integrativa.

>>leggi anche: Guadagnare con il Trading online: 7 consigli dai migliori trader del mondo

Social bon

Questo particolare fondo non lo possiamo invece definire proprio etico, in quanto il fondo, è meglio considerato come un’obbligazione.

Ne caso specifico, si tratta di obbligazioni per le quali la banca si impegna di spendere parte del suo profitto in progetti di natura sociale, ambientale, generalmente no profit.

Green bond

Definito come dei fondi dal concetto identico a quello precedente, si tratta sempre non di fondi ma di obbligazioni. Nel casso specifico trattasi di obbligazioni per cui la banca si impegna utilizzare parte del rendimento al fine di finanziare progetti anche se non possono essere intesi sociali in senso stretto, bensì si tratta di progetti atti allo sviluppo delle energie rinnovabili o anche all’efficienza energetica.

In questo panorama abbastanza complesso ed eterogeneo in cui oggi siamo coinvolti, si annidano importanti opportunità di profitto. Qui si parla anche di Banca Etica.

Si tratta di una banca in cui sono comprese anche il Gruppo Banca Popolare Etica che è l’unico istituto a collocare solo ed esclusivamente “prodotti” di natura etica.

Oggi possiamo dire che il punto di riferimento per chi vuole investire in fondi etici o in obbligazioni “sostenibili” sono i Social Bond e Green Bond.

Nel caso specifico, si impone una selezione delle società emittenti secondo i criteri ESG. Inoltre non si propongono solo fondi etici ma ci si organizza anche con dei fondi di microfinanza e crowdfunding.

Nota bene che in questi programmi, viene devoluto 1 euro ogni 1000 ad un fondo di garanzia per il micro-credito.

>>leggi anche: Come e dove investire in borsa? Guida per principianti su come giocare in borsa

Perché investire in Fondi Etici?

come investire con i fondi etici 4

Come e perché investire in Fondi Etici?

E’’ molto semplice ed intuibile il perché oggi in molti amano investire in questo settore. Cosa vuol dire nel dettaglio? Vuol dire che un investitore o un soggetto risparmiatore optare per un Fondo Etico.

Quindi investe in modo socialmente responsabile. Vuol dire ancora optare per i soli progetti che assumono un ruolo importante e che si pongono come scopo il beneficio della collettività e delle future generazioni, dato che si tratta di asset legati al rispetto delle tematiche sociali, etiche ed ambientali.

In pratica si tratta molto spesso di unire l’utile al dilettevole!

Per altro se consideriamo che oggi la finanza non ha più l’obiettivo prioritario di raggiungere un mero rendimento sul capitale investito, ma si pone come scopo quello di soddisfare nuove esigenze e sempre più bisogni espressi, impliciti e latenti, anche di natura filantropica e sociale.

Un altro grande motivo è quello di portare sempre di più i soggetti risparmiatori e i trader a far comprendere il perché investire in un Fondo Etico.

Come detto, questo fondo è molto trasparente e la sua trasparenza è garantita anche dalla presenza di un Comitato etico che vigila, affinché venga mantenuto uno stile di gestione del portafoglio volto a rispettare la Corporate Social Responsability.

Ad esempio anche se il Comitato etico gode del diritto di veto è chiamato a bloccare alcuni eventuali investimenti che sono contrari ai principi contenuti nel Code of Ethics.

Grazie poi ad una attenta strategia di investimento che analizzano tuti i Fondi Etici, tutti i risparmiatore hanno la convenienza di investire con i propri risparmi in fondi comuni aperti che rappresentano valori mobiliari di imprese e Stati i quali si impegnano al rispetto delle tematiche green, sociali e dei diritti umani.

In pratica si tratta di uno strumento utile non solo per la diversificazione dei propri investimenti ma anche per promuovere un futuro sempre più sostenibile soprattutto in vista delle generazioni future, senza dover rinunciare però alle opportunità di rendimento derivante dalla scelta di titoli azionari o obbligazionari.

E’ chiaro che i Fondi Etici comportano anche il sostenimento di un livello di rischio che deve essere valutato in sede di sottoscrizione dell’investimento.

Fondo etico e fondo solidale: le differenze

come investire con i fondi etici 5

Come investire con i fondi etici

A questo punto, non possiamo non considerare quelle che sono le differenze tra un fondo etico e un fondo solidale.

Anche se la differenza può essere considerata molto sottile, in realtà è presente. Possiamo quindi dire che i fondi solidali sono quel tipo di fondo all’interno del quale sono devoluti parte dei rendimenti, o parte delle commissioni richieste ai sottoscrittori, secondo iniziative e progetti di solidarietà.

Quindi mentre nei fondi solidali l’eticità non incide sull’operato del fondo, ovvero su come il fondo agisce, nei fondi etici questo aspetto influenza la natura stessa del fondo. In pratica è la ragione e la prerogativa!

Banca Etica come funziona

Ti sei mai chiesto come funziona Banca Etica? No? Allora quello che ti diremo di seguito è molto importante per te.

Essa mette a disposizione dei Valori Responsabili di Etica Sgr, ovvero la società di gestione del risparmio del Gruppo Banca Popolare Etica, ad oggi l’unica presente nel nostro Paese a collocare solo fondi comuni d’investimento di tipo etico.

E’ possibile oggi sottoscrivere direttamente online dalla propria Area Clienti, in Filiale o dal Banchiere Ambulante che si trova nella propria zona.

I fondi presenti al momento sono 5 e tutti investono in titoli di aziende e stati che sono per altro stati selezionati in base a dei criteri di responsabilità sociale e ambientale secondo un approccio di gestione non speculativo che guarda la creazione di valore in un orizzonte temporale sostenibile.

Caratteristiche di Banca Etica  

Selezione socio-ambientale degli emittenti

Etica Sgr parte dai dati forniti dalla società di consulenza inglese Eiris, la quale è specializzata nell’analisi sulla responsabilità sociale delle imprese e degli stati. Essa prosegue con un’ulteriore selezione sulla base di circa 50 indicatori propri.

Fondo Microfinanza e crowdfunding

Nel caso in cui invece si opti per sottoscrive i fondi Valori Responsabili essi devolvono 1 euro ogni 1000 ad un fondo di garanzia per progetti di microfinanza o crowdfunding in Italia.

Azionariato attivo

E’ possibile partecipare alle assemblee degli azionisti delle imprese nelle quali investe. Etica Sgr esercita i diritti di voto collegati anche a quelle che sono le azioni e sollecita invece la riflessione sugli aspetti sociali, ambientali e di governance delle imprese stesse.

Banca Etica offre per altro anche i fondi Valori Responsabili di Etica Sgr, la società di gestione del risparmio del Gruppo Banca Popolare Etica, che come detto è l’unica in Italia che colloca esclusivamente fondi comuni d’investimento etici.

Puoi anche tu sottoscriverli direttamente online dalla tua Area Clienti oppure in Filiale o dal Banchiere Ambulante della tua zona.

I fondi sono 5 e questo vuol dire poter investire in titoli di aziende e stati selezionati in base a criteri di responsabilità sociale e ambientale. Il tutto seguendo sempre un approccio di gestione non speculativo che guarda la creazione di valore in un orizzonte temporale sostenibile.

I 5 fondi al momento disponibili sono:

  1. Etica Obbligazionario Breve termine
  2. Etica Obbligazionario Misto
  3. Etica Rendita Bilanciata
  4. Etica Bilanciato
  5. Etica Azionario

Fondi Etici e trading online: differenze

Non tutti i trader e gli investitori sono uguali. Non tutti in trader di investimento la pensano in modo uguale. Cosa vuol dire questo?

Ci sono investitori ed investitori. Questo vuol dire che si tratta di diversificazioni di investimenti. Non tutti vogliono investire in fondi etici e non tutti vogliono investire in settori obbligazionari.

Cosa vuol dire questo? ci sono investitori che prediligono l’investimento in mercati finanziari che offrono magari dei rendimenti migliori anche se il rischio di sicuro non è limitato come i fondi d’investimento.

In questo caso parliamo di investire nel trading online.

Nota bene che il trading online, però potrebbe comportare la perdita dell’intero capitale investito a seguito di operazioni chiuse in negativo. Quindi il trader corre il rischio di perdere tutto il capitale investito in determinate operazioni.

Allo stesso tempo, però possiamo dire che il trading online ti permette oggi di investire in fondi comini grazie agli ETF e di investire in obbligazioni, ma anche in azioni, grazie al trading CFD e alle piattaforme di trading online.

>>Leggi anche: Piattaforme Trading Online regolamentate: Le migliori 2018 [Lista]

Oggi ad esempio puoi investire nel trading online grazie a tantissime piattaforme di trading online, tutte regolamentate ed autorizzate che puoi trovare sul nostro blog. Nello specifico noi oggi te ne proponiamo 2: IQ Option ed eToro.

IQ Option

iq option

Piattaforma di trading online IQ Option

Considerata la piattaforma di trading online per eccellenza, il broker IQ Option offre a tutti i trader la possibilità di utilizzare una piattaforma semplice e intuitiva, regolamentata ed autorizzata che puoi utilizzare sia con un conto demo sia anche con un conto reale.

Nota che il broker ti offre il conto demo gratuito da 10.000 € utile per prendere confidenza con la piattaforma ma anche per mettere in pratica le strategie di trading online.

Allo stesso tempo, ti offre un conto reale, dal deposito minimo basso di appena 10 € con il quale puoi accedere al trading online reale, con tarde minimi da 1 €.

Ecco il perché abbiamo voluto presentarti questo broker. Al momento è definito uno dei migliori sul mercato anche in merito al rapporto qualità prezzo.

Per altro oggi ti permette di investire e fare trading sfruttando anche la sezione formativa nel caso in cui tu sia alle prime esperienze.

Puoi anche analizzare tutti i dettagli del broker, grazie ai nostri approfondimenti:

Iq option: guide al trading online

Puoi anche testare il broker tramite l’apertura di un conto demo.

Fai trading con il conto demo gratuito da 10.000 € IQ Option! Trade minimi da 1 € e deposito minimo conto reale 10 €!

eToro

overlay-eToro-2

eToro: piattaforma di social trading online regolamentata ed autorizzata

Anche eToro non è da meno, considerando anche il fatto che oggi sempre più trader, principianti e non preferiscono investire con eToro. Perché scelgono questo broker? Molti amano la sua semplicità di utilizzo. Molti invece amano il conto demo gratuito illimitato. Altri ancora amano il conto reale dal deposito minimi di 50 €.

Altri ancora amano il social trading ed il copy tarde che sono eToro offre con la sua piattaforma.

Questo strumento ti permette di investire e fare trading non solo condividendo con gli altri trader la tua esperienza di trading ma anche perché ti permette di copiare i trader che si sono distinti per professionalità e replicarli sul tuo conto.

Tutto questo lo puoi fare senza troppe paure. Lo puoi fare anche se non sei un trader esperto. Sono i GURU eToro che in questo caso fanno trading al posto tuo.

Tu non dovrai far altro che scegliere quelli che per caratteristiche si assomigliano al tuo stile di trading.

Puoi ad esempio scegliere tra quelli che di seguito abbiamo riportato.

Trader più copiati negli ultimi 6 mesi

Trader Guadagno Rischio Copiatori
jaynemesis
Jay Edward Smith
-28,89%
5
10166
JeppeKirkBonde
Jeppe Kirk Bonde
0,01%
3
8055
Wesl3y
Wesley Warren Nolte
-19,51%
4
7733
AlexPlesk
Александр Плескачев
-17,39%
5
6324
goodgoing
Wayne Ryan
-13,09%
4
5020
MrThor7734
Thomas Barson
-35,69%
4
4747
stebliss
Stephen John Charles Bliss
-29,88%
5
4229
AlexandruCinca
Alexandru Cinca
-4,43%
3
3945
liborvasa
Libor Vasa
7,97%
4
3788
ALnayef
Fahad Alhajri
30,7%
3
3168

Puoi anche analizzare tutti i dettagli del broker leggendo i nostri approfondimenti.

Social trading e Copy trader: le guide eToro

  1. I migliori trader da copiare su eToro
  2. Come Comprare Bitcoin in Italia con eToro [guida completa]
  3. eToro truffa ? Ci sono esperienze e opinioni negative ?
  4. Trading Bitcoin con eToro [come investire in criptovalute su eToro]
  5. eToro: tutto quello che devi sapere per iniziare a fare trading online
  6. eToro Popular Investor: ecco come Xavier86 è diventato un Popular Investor
  7. Mirror Trading Forex Italia cos’;è VS Copy Trading Etoro [Opinioni]
  8. eToro scheda ricerca: strumenti professionali per il tuo portafoglio
  9. Guida eToro social trading: come evitare le truffe?
  10. eToro: forum – opinioni – FAQ
  11. Crypto CopyFund eToro dedicato alle criptovalute per investire in Bitcoin ed Ethereum
  12. Popular Investors eToro: Approfondimenti di Mercato e previsioni 2018
  13. Social Trading funziona? Opinioni Copy Trading eToro
  14. eToro come funziona ? eToro Login, opinioni, demo e recensioni

Puoi infine testare tutto quello che ti abbiamo premesso, tramite un conto demo gratuito ed illimitato.

Apri un conto di trading demo gratuito ed illimitato eToro. Prova il social trading ed il copy trader senza impegno!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avviso di rischio: Fare trading su Forex e CFD comporta un sostanziale rischio di perdite e c'è la possibilità di perdere tutto il capitale investito.Your capital might be at risk

Europar2010.org

Leggi articolo precedente:
Royal-Dutch-Shell
Azioni Petrolio – Petrolifere Migliori: sempre più in crescita? Dove Investire?

Anche se potrebbe sembrare scontato non lo è per tutti. Investire in azioni legate al petrolio, potrebbe essere una soluzione...

Chiudi