Cosa Sono i Covered Warrant? Come Sfruttarli per Investire?

Pubblicato da TommasoP il: 8 novembre 2018

Ancora una volta si torna a parlare di strumenti per l’investimento. In questa guida vogliamo approfondire i Covered Warrant, che rappresentano dei particolari titoli derivati i quali sono negoziati in Borsa e offrono la possibilità (come avviene per l’opzione standard) di poter acquistare e vendere un determinato titolo alla scadenza.

Certe volte capita anche che parlando di titoli derivati, la questione può farsi relativamente complessa, a dispetto delle semplificazioni dei promotori finanziari, dei consulenti e delle banche.

Il nostro scopo è quello di analizzare ben cosa sono e come sfruttare i Covered Warrant. Lo faremo analizzando il loro funzionamento in quanto strumento di diversificazione del portafoglio.

Covered Warrant

Cosa sono i Covered Warrant?

Covered Warrant

Covered Warrant

Cosa sono i Covered Warrant?

Come sempre partiremo dal principio e cercheremo i dare una definizione di Covered Warrant.

I Covered Warrant li possiamo definire in tutto e per tutto dei contratti di opzione, al pari di quelli che siamo abituati a vedere sui mercati OTC.

Ogni covered warrant offre a tutti la possibilità di acquistare e vendere ad una determinata scadenza un determinato titolo e sempre ad un determinato prezzo.

Data questa definizione elementare, molti la interpretano come una questione piuttosto complicata. Noi cercheremo di renderla ancora più semplice spiegando come è fatto un titolo di questo tipo in modo da comprendere immediatamente come funzionano questi strumenti.

Come si compone un Covered Warrant?

Molto semplicemente si deve supporre che vi sia un titolo negoziato nel SEDEX, ovvero il mercato di borsa dedicato a questi strumenti. Questo titolo incorpora al suo interno il diritto di:

  • Acquistare un titolo finanziario;
  • Vendere un titolo finanziario.

Il titolo varia in base al tipo di opzione incorporata.

Supponiamo che il titolo finanziario sia ENI azioni ordinarie. Supponiamo anche una loro scadenza (31 Dicembre prossimo). Supponiamo anche un determinato prezzo di 15 euro.

Alla scadenza potrebbe accadere che il titolo ENI in borsa valga 15.22 euro. Questo vuol dire che la nostra opzione vale 15.22 – 15.00 (prezzo alla scadenza del covered warrant) = 22 centesimi;

A questo punto ci si deve chiedere:

E’ davvero conveniente cambiarlo per guadagnare 22 centesimi dall’operazione? Per altro si consideri anche che i 22 centesimi sono lordi e a questi devono essere detratti sia i costi del covered warrant, sia anche le tasse.

Covered Warrant: quando comprarli?

Covered Warrant

Covered Warrant: quando comprarli?

Il covered warrant è un titolo grazie al quale è possibile scommettere sul valore futuro di un titolo finanziario. Se volessimo scommettere su un rialzo, allora compreremo un covered warrant con opzione d’acquisto. In caso contrario, acquisteremo un’opzione di vendita.

Deve essere chiara anche la differenza con i futures, in quanto ci troviamo di fronte ad un titolo che ci offre la possibilità e non l’obbligo di acquistare o vendere il titolo. Questo è considerato come un sottostante del contratto di opzione e quindi possiamo avvalerci del non esercizio dell’opzione, nel caso in cui non fosse veramente conveniente.

Si tratta di strumenti interessanti adatti per investire puntando al rialzo e al ribasso futuro limitando i possibili danni. Se invece, l’opzione incorporata nel covered warrant non è conveniente, allora ci ritroveremo a pagare un costo, quello del covered warrant.

Quali sono gli elementi tipici del covered warrant?

Al momento ci sono degli elementi tipici del covered warrant, i quali ci aiutano a comprenderne bene il il funzionamento. Per tale motivo ricordiamo che essi hanno le seguenti caratteristiche:

  • Un titolo sottostante, tipicamente un’azione (ma può trattarsi di qualunque tipo di titolo finanziario);
  • Un prezzo definito come un costo che paghiamo per avere l’opzione;
  • Uno strike price, ovvero il prezzo al quale si può esercitare l’opzione (nel caso del nostro esempio 15,20 euro);
  • Una scadenza.

Covered Warrant VS opzione classica: differenza

Al momento la differenza principale del Covered Warrant è quella con le opzioni. Per tale motivo si deve tenere presente che il primo è cartolarizzato (è un titolo finanziario vero e proprio) e come tale viene negoziato su mercati regolamentati come il SEDEX in Italia.

Le opzioni classiche, invece, non possono essere considerate come dei titoli finanziari, ma solo dei contratti, sono negoziati nel mercato OTC, over the counter (mercati secondari non regolamentati). I Covered Warrant al contrario delle opzioni possono essere emessi soltanto da alcuni istituti bancari.

Diversi tipi di covered warrant esotici

Al momento esistono differenti tipologie di covered warrant compresi anche quelli esotici, ovvero dei titoli che includono opzioni più complesse di quelle standard. Tra questi ricordiamo:

Covered Warrant Call Spread

Si tratta di contratti con spesa più contenuta e con la combinazione di un’opzione call e una put che replicano le performance del titolo sottostante fino a un certo livello.

Covered Warrant Rainbow

In questa tipologia, il sottostante è calcolato sul rapporto tra due attività finanziarie, puntando ad una maggiore performance di una delle due attività rispetto alle altre.

Covered Warrant Corridor

Prevede il pagamento da parte dell’emittente di un flusso di denaro fisso, ma solo a patto che nei giorni di rilevazione, il valore del sottostante sia all’interno di un certo intervallo fissato dal titolo.

Covered warrant digitali

Questi pagano un rebate, ovvero un flusso di denaro fisso al raggiungimento di un certo valore da parte dell’attività sottostante.

Covered warrant e leva finanziaria

Essendo come detto dei titolo cartolarizzato, come avviene per i derivati, anche per i covered warrant è possibile operare con una leva finanziaria. Nel momento in cui si comprano questi titoli è possibile replicare e moltiplicare l’andamento in positivo e in negativo di un determinato titolo.

Attenzione però alla leva. Questa al contrario di quanto avviene per la leva finanziaria classica, è soggetta a dei costi che prescindono da quelli legati ai contratto. Li possiamo definire, nel caso di titolo cartolarizzato, come costi di titolo.

Covered Warrant: dove si possono comprare?

Covered Warrant

Covered Warrant

I covered warrant in Italia possono essere negoziati presso il SEDEX, ovvero il mercato regolamentato da Borsa Italiana per i titoli di questo genere.

Non essendo un prodotto OTC sono emessi dalle banche e come tali sono regolati e venduti tramite borsa.

Si tratta di strumenti rischiosi?

Certamente lo sono anche questi, come per altro avviene per tutte le altre tipologie di investimento. Se si trovassero al di sotto dello strike point, l’opzione non sarebbe conveniente e si perderebbe tutto il capitale investito.

Esempio

Si ipotizzi un acquisto di 1000 covered warrant a 1.30 euro per azioni ENI, con strike point a 15.30 e scadenza al 31 Gennaio 2019.

Si consideri la somma spesa pari a 1.30 euro per acquistare i covered warrant. Quindi al momento ci si trova a -1.300 euro di bilancio.

Al 31 Gennaio 2019 ENI viene negoziato a Piazza Affari a 14.82 euro per azione. Questo vuol dire che siamo al di sotto dello strike point. In pratica non è per nulla conveniente esercitare l’opzione. Quindi si perde 1.30 euro (investiti).

Supponiamo invece il caso contrario; al 31 Gennaio 2019 Eni viene negoziata ad esempio a 16.10 euro. Ci troveremo: 16.10 – 15.30 (strike point) = 0.80 euro di guadagno per warrant acquistato. Avendone acquistata una quantità pari a 1.000, avremo: 1000 x 0.80 = 800 euro di profitto.

Differenza tra covered warrant e warrant classico

Questa differenza la si riscontra solo nel sottostante. Il warrant classico ha come sottostante un’azione, mentre il covered warrant ha come sottostante qualunque tipo di titolo finanziario.

E’ possibile usare i covered warrant come assicurazione?

Certamente sì! Come avviene per tutti i derivati e i simili, i covered warrant possono essere utilizzati al fine di assicurare un altro investimento. Anche in questo caso, al fine di comprendere bene il tutto, facciamo un esempio.

Immaginiamo di aver acquistato azioni ENI a 13.20 euro. Supponiamo che abbiamo investito seguendo una strategia di lungo periodo. Siamo dunque obbligati a non vendere prima del Gennaio 2020.

Nel caso in cui si volesse proteggere il capitale da eventuali ribassi eccessivi del titolo, è possibile acquistare un covered warrant put (ovvero di vendita) a 13.20 o ad un prezzo molto simile, ma che abbia la stessa scadenza.

Supponiamo che un titolo di questo tipo costi 0.650 euro. Utilizzando la stessa quantità utilizzata nell’esempio precedente, avremo una spesa per 1.000 azioni di 650 euro. Questo avviene al fine di tutelare l’investimento da eventuali ribassi eccessivi.

Solo nel caso in cui, il rendimento non dovesse avere quello aspettato, è possibile esercitare l’opzione predefinita, pagando questa assicurazione 650 euro su 13.20 x 1000 = 13.200 euro di investimento.

In questo caso, si sta operando con delle tecniche molto complesse che sono in genere ad esclusivo appannaggio dei fondi comuni con gestione avanzata.

Conviene investire in covered warrant?

Come in tutti gli investimenti, anche in questo caso, molto dipende dal trader e dalla sua propensione al rischio, come anche dalle capacità finanziarie e di previsione dei prezzi.

Ci si torva di fronte a degli strumento che devono essere considerato necessariamente come degli strumenti avanzati, per altro complessi e molto rischiosi. A nostro avviso, sono meglio adatti per coloro che hanno delle ottime capacità d’investimento che sanno sfruttare al meglio queste possibilità d’investimento con questi particolari strumenti finanziari.

Il consiglio degli esperti, come anche l’opinione degli investitori che li utilizza, è sempre quello di evitare le sirene delle banche e dei promotori. Infatti questi titoli non sono adatti al piccolo risparmiatore che vogliono investire con degli strumenti a basso profilo di rischio.

Solo nel caso in cui si dovesse bilanciare un portafoglio tranquillo, allora, si potrebbe utilizzare i covered warrant al fine di differenziare e proteggersi da eventuali andamenti avversi dagli altri titoli. Purtroppo, non tutti sanno che il mondo degli investimenti è complesso e articolato.

Come investire sui titoli di borsa Italiana?

Come detto in precedenza, è possibile investire sui covered warrant in Italia tramite il SEDEX, ovvero il mercato regolamentato da Borsa Italiana per i titoli di questo genere.

In questo caso è opportuno scegliere strategie di trading CFD offerte dalle piattaforme di trading online regolamentate ed autorizzate che noi di seguito riporteremo. A ben vedere sono piattaforme che offrono una garanzia del capitale depositato ma non la riuscita dell’investimento, in quanto, in questo caso tutto dipende dall’abilità del trader di prevedere il mercato.

Il trading online è infatti molto rischioso e si potrebbe perdere tutto il capitale investito in caso di operazioni chiuse in negativo.

IQ Option: trading CFD

iq option

Piattaforma di trading online IQ Option

Scegli di investire e fare trading CFD direttamente dalla piattaforma IQ Option che offre un conto demo gratuito da 10.000 € ed un conto reale dal deposito minimo di appena 10 € e trade minimi da 1 €.

Non perdere tempo! Apri il tuo conto demo gratuito su IQ Option!

Il broker offre tantissime semplici opportunità di investimento, grazie anche alla piattaforma semplice da utilizzare ed allo stesso tempo professionale.

Infine scegliendo questo broker per investire nel trading online, si deve sapere che si investe sfruttando il servizio di formazione gratuito IQ Option.

Esso è composto da  video lezioni , che permettono di imparare non solo ad utilizzare la piattaforma, ma anche i diversi strumenti di trading che essa offre.

Asset disponibili IQ OPtion

Per altro scegliendo IQ Option, scegli anche la possibilità di investire su un mercato diversificato e quindi operare su:

  1. Materie prime;
  2. Mercato Forex;
  3. ETF;
  4. Criptovalute, ecc.

Caratteristiche / vantaggi IQ Option

  • Piattaforma regolamentata ed autorizzata CySEC;
  • Conto demo gratuito;
  • Trade minimi da 1 €;
  • Layout multi-grafico;
  • Analisi tecnica;
  • Quotazioni storiche;
  • Piattaforma mobile;
  • Strumenti di trading eccellenti;
  • Avvisi sulla volatilità;
  • Aggiornamenti di mercato;
  • Stock screener;
  • Calendari;
  • Newsletter.
Fai trading con le strategie di trading CFD. Investi con IQ Option e metti in atto tutti i trucchi con il conto demo gratuito da 10.000 €!

Guide al trading online IQ Option

Trading 24Option con i segnali di trading gratuiti

24Option: broker di trading online

24Option: broker di trading online

Anche 24Option è un ottimo broker in termini di trading online, adatto sia per il trading forex, sia anche per le strategie di trading CFD su indici di borsa.

Grazie a 24Option si può scegliere di investire e fare trading sfruttando i segnali di trading gratuiti che ti vengono offerti da questo broker. Grazie al conto demo gratuito è possibile anche mettere in pratica la strategia di trading online basata su azioni e il trading CFD.

Non importa che si tratti di trader esperti o no! 24Option è adatto a tutti i trader.

A tutto questo si aggiunge la possibilità di sfruttare un conto demo gratuito o reale con un servizio di formazione davvero eccellente e la possibilità di fare trading sfruttando la leva.

Per maggiori dettagli, consulta il servizio di assistenza clienti 24Option!

Prova a investire con il conto demo gratuito 24Option mettendo in pratica le migliori strategie di trading

Tutti i dettagli sul broker li puoi trovare analizzando le nostre guide:

Social trading eToro

overlay-eToro-2

eToro: piattaforma di social trading e di copy trader

eToro lo possiamo considerare come uno dei broker migliori presenti sul mercato. Grazie a questo broker puoi scegliere di fare trading su di un conto demo gratuito ed illimitato o anche con un conto reale, anche se questo prevede un deposito minimo da 200 €.

Apri il tuo conto demo gratuito ed illimitato su eToro

Se si sceglie di investire con eToro, si scegli di investire con i CFD grazie ad un broker di social trading. Esso offre la possibilità di sfruttare in qualunque momento la complicità degli altri trader e condividere con essi tutte le strategie di trading forex e non solo.

E’ possibile anche scegliere di copiare gli altri trader. A tal proposito riportiamo quelli che anno fatto registrare le migliori performance.

Non importa essere un trader esperto o meno. Quello che conta è scegliere il giusto trader da seguire, anche se non si conoscono gli asset su cui questo investe. In questo modo, puoi replicare le loro performance ed ottenere una percentuale di successo maggiore.

Tutti gli aggiornamenti e approfondimenti sul social trading sono disponibili all’interno delle nostre guide:

Social trading e Copy trader: le guide eToro

  1. I migliori trader da copiare su eToro
  2. eToro truffa ? Ci sono esperienze e opinioni negative ?
  3. eToro: tutto quello che devi sapere per iniziare a fare trading online
  4. eToro Popular Investor: ecco come Xavier86 è diventato un Popular Investor
  5. Guida eToro social trading: come evitare le truffe?
  6. Social Trading funziona? Opinioni Copy Trading eToro
  7. eToro come funziona ? eToro Login, opinioni, demo e recensioni

Trading Markets.com

Trading Forex con Markets.com

Piattaforma di trading mobile

Markets.com, è un broker di trading online che offre la possibilità di investire e fare trading non solo sugli indici di borsa ma anche su tantissimi altri asset sottostanti grazie alle sue piattaforme di trading online, regolamentate ed autorizzate.

Al momento si presenta, al pari delle precedenti, come una delle più importanti presenti sul mercato; essa è una delle migliori anche per professionalità e flessibilità che offre navigabilità e ottimo utilizzo delle funzioni.

Una delle caratteristiche principali di Markets.com è la disponibilità delle seguenti piattaforme di trading WebTrader e mobile Android e iOS, PC, MT4.

La sua piattaforma è per altro sicura in quanto trattasi di un broker regolamentato CySEC ed autorizzato CONSOB che gli permette di operare sia a livello europeo, sia anche a livello Italiano.

Grazie a markets.com è possibile investire a prescindere dal tipo di piattaforma utilizzata con una serie numerosa di strumenti avanzati utili ad effettuare le migliori e più complete analisi possibili sui seguenti asset sottostanti:

  1. Indici;
  2. Azioni;
  3. ETF;
  4. Valute;
  5. Materie prime, ecc.
Apri il tuo conto gratuito su Markets.com. Prova a fare trading CFD con una piattaforma regolamentata ed autorizzata!

>>Leggi anche i nostri approfondimenti sul broker:

Consigliamo anche di analizzare le altre forme di investimento presenti all’interno della nostra categoria INVESTIMENTI al fine di diversificare il portafoglio.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB.
ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Europar2010.org

Leggi articolo precedente:
materie-prime
Come investire in Materie Prime? Guida Agli Strumenti Finanziari su Comodities

Quante volte hai pensato di investire su petrolio, gas naturale, oro e altre materie prime? Sicuramente sono state tante le...

Chiudi