Cosa sono i Fondi Flessibili? Quali sono i Migliori? Rischi e Opinioni

Pubblicato da TommasoP il: 13 novembre 2018

In questa guida analizzeremo un particolare tipo di investimento legato ai fondi comuni. Parleremo dei fondi flessibili, cosa rappresentano e quali sono i rischi ad essi connessi. Lo faremo analizzando anche le diverse opinioni inerenti ai principali investimenti.

La prima cosa da fare è analizzare il mondo dei fondi comuni di investimento il quale si è arricchito negli ultimi anni, di nuove tipologie e nuove metodologie per l’investimento del capitale. A queste si sono aggiunte anche le nuove prospettive di rischio e di guadagno per il risparmiatore.

In pratica, parlando della categoria fondi flessibili, parliamo della categoria più elastica e presente al suo interno. Si tratta a ben vedere di una categoria di fondi estremamente eterogenea, all’interno del quale si trovano dalle possibilità aggressive a meno rischiose.

Questo vuol dire che muoversi nel mondo degli investimenti all’interno della sezione fondi flessibili non è sempre facile. Ecco anche uno dei motivi per il quale noi abbiamo cercato di analizzarli con l’intento anche di stilare una guida il più possibile competa su questa tipologia di strumenti.

fondi flessibili

fondi flessibili: come investire?

Cosa sono i fondi flessibili?

fondi flessibili

Cosa sono i fondi flessibili?

Partiamo dalla definizione. Questa ci serve al fine di comprendere bene come operano i fondi flessibili. Ma per farlo è opportuno anche ricordare brevemente che cosa sono i fondi comuni di investimento.

Per definizione, i fondi comuni d’investimento, sono dei capitali che vengono gestiti dalle cosiddette società di gestione. Sono queste che si preoccupano di raccogliere il capitale presso i risparmiatori e di investirlo successivamente secondo le regole del fondo stesso che hanno costituito.

Tipicamente questi fondi si possono dividere per categoria in relazione ai limiti che si sono auto-imposti. Tra questi ricordiamo i fondi obbligazionari, fondi azionari, fondi immobiliari, ecc.

I fondi flessibili, sono invece definiti come i fondi che permettono di investire a mani libere, mettersi alla ricerca della migliore composizione ritenuta ottimale per il loro portafoglio. Essi non hanno alcun vincolo di percentuale dell’investimento in questo o in quell’altro strumento.

Il risultato? Un mercato di fondi flessibili, estremamente variegato e che presenta delle ottime opportunità per l’investitore.

Che cos’è il V.A.R.?

Il V.A.R. tipicamente accompagna i fondi flessibili. Si ricorda infatti che i fondi flessibili moderni sono sempre, o quasi sempre, accompagnati da questo indice, detto V.A.R.

Il V.A.R. è l’acronimo mutuato dal mondo della finanza di lingua anglosassone e che identifica value at risk, ovvero la quantità di valore che è effettivamente nel rischio di essere perduto.

Anche se potrebbe sembrare (per l’investitore meno esperto) un indice interessante, per la valutazione del fondo in quanto tale non lo è, perché presenta dei grossi limiti come vedremo di seguito.

I calcoli possono essere sbagliati

Cosa vuol dire questo? Vuol dire che si può rischiare più di quanto si crede e quindi si potrebbe anche perdere più di quello che si possiede.

L’indice V.A.R. in questione viene calcolato attraverso l’analisi di alcune serie storiche. Esse sono passate al setaccio e sono anche combinate da complessi algoritmi che animano un po’ tutte le società di gestione attualmente presenti sul mercato.

Il risultato? In molti casi l’indice VAR è meno preciso di quello che vorrebbero farci credere coloro i quali sono interessati alla vendita del fondo.

Si possono anche valutare in modo profondamente sbagliato sia il rischio che effettivamente si corre sia anche lo strumento definendolo molto meno rischioso di quel che si crede.

Il V.A.R. però non presenta alcun profilo di maggior affidabilità e come tale dovrebbe essere considerato al pari di tutti gli strumenti d’investimento e per tanto non è sufficiente al fine di considerare l’indice relativamente preciso del rischio che stiamo per correre.

Mai lasciare carta bianca alla società di gestione

Quando si investe con i fondi flessibili, non si deve mai dare carta bianca alla società di gestione. Bisogna sempre ricordarsi che si sta effettuando un investimento con denaro proprio e come tale mai concederlo in mano a chi gestisce il fondo.

Questo vuol dire anche definire gli investimenti non adatti al nostro stile e come tale sono divenuti, successivamente alla nostra sottoscrizione, molto più rischiosi di quanto avevamo preventivato in principio.

E’ molto importante per l’investitore evitare di dare assoluta libertà alla società di gestione. Si può infatti inseguire l’investimento più interessante e più redditizio, orientando e spesso snaturando in senso positivo il patrimonio che viene conferito.

Come sempre ci sono i pro e i contro che devono essere necessariamente valutati e presi in considerazione prima ancora di iniziare ad investire con questi strumenti.

Come sempre si tratta di elementi che possono essere interessanti e allo stesso tempo pericolosi sia che si tratta di investitori esperti sia che si tratta di investitori poco esperti.

Fare attenzione alle commissioni

Il discorso delle commissioni è invece comune a tutti i tipi di investimenti. Anche quando si tratta di fondi. Essendo tale non è possibile fare delle discriminazioni tra i fondi flessibili e tutte le altre tipologie di investimento.

Ancora prima di iniziare ad investire, ancor prima di pensare di gestire in assoluta libertà il capitale o di affidarlo agli esperti del settore, sarebbe il caso di ricordarsi che questi soggetti ricevono una ricompensa sotto forma di commissione. Esse fanno riferimento alle seguenti commissioni:

  • Ingresso: si pagano quando si apre il fondo;
  • Gestione: si pagano in percentuale rispetto al capitale investito e possono anche superare il 2%. Per molti versi queste possono essere superiori ai guadagni che si sono conseguiti con il fondo stesso;
  • Performance: sono attivate solo nel caso in cui il fondo abbia avuto una performance migliore rispetto al benchmark di riferimento.

Quali sono i fondi flessibili migliori? Come individuarli?

Individuare i fondi flessibili: come fare?

Individuare i fondi flessibili: come fare?

Al momento non ci sono dei parametri che possono far giudicare la bontà del fondo. Esiste solo il rendimento che viene ottenuto con il passare degli anni. Questo parametro anche se interessante è molto limitativo in quanto non riesce comunque ad assicurare lo stesso rendimento del passato.

Nonostante tutto ci sono dei fondi flessibili che meglio di altri operano sul mercato; sono quelli che hanno garantito i migliori rendimenti ai propri sottoscrittori.

Symphonia Fortissimo

Fortissimo è considerato come un fondo flessibile/bilanciato, con un coefficiente di rischio medio. Esso viene gestito dalla Symphonia SGR. Possiede un indice di volatilità pari al 10% circa e gli ultimi 5 anni è stato uno dei migliori in quanto ha fatto registrare un aumento del suo valore di oltre il 90%.

Anche se un fondo relativamente giovane, è riuscito ad imporsi da subito con dei rendimenti fuori mercato. Il fondo, dopo il boom iniziale, è calato di molto anche se fa registrare un segno positivo con un +21%.

Axa World Funds Global Optimal Income F EUR

Anche Axa lo consideriamo un fondo abbastanza interessante che negli ultimi 3 anni ha reso un +9% a tutti coloro che hanno sottoscritto quote del fondo. Si sono registrare anche delle ottime performance in questo anno che si attestano introno al 10%.

Il tutto tiene conto di un fondo che opera principalmente all’interno del settore obbligazionario e come tale presenta un profilo di rischio abbastanza basso se considerato e confrontato con gli altri fondi bilanciati.

Merril Lynch Beach Point Diversified

Il suo valore nominale viene espresso in Sterline Inglesi e d oggi opera con ampia libertà, lasciando (da statuto) carta bianca alla società di gestione.

Anche se attivo da meno di 36 mesi il fondo fa registrare nell’ultimo anno un +12,55%. Trattasi di un rendimento abbastanza alto anche per i fondi strutturati multi-asset come lo questo.

La maggior parte dell’investimento viene effettuato su titoli obbligazionari ad alto rischio, ovvero quelli di tipo corporate e quelli emessi da stati in via di sviluppo. Per certi versi è considerato abbastanza appetibile e interessante ma solo per coloro che hanno intenzione di investire in un settore dal rischio elevato e dagli elevati rendimenti.

H20 Multibonds

Si tratta di un fondo obbligazionario flessibile che solo negli ultimi anni ha basato i suoi investimenti principalmente in obbligazioni portoghesi, greche e italiane.

Anche in questo caso si deve notare che anche se il fondo può garantire rendimenti molto interessanti per chi investe; esso si ferma a percentuali che si attestano intorno al 22%. Questo lo è stato nell’arco di 5 anni,ed ancora continua ad incassare dei rendimenti molto interessanti.

Adatto a investitori che hanno un profilo di rischio relativamente alto, esso lasciare carta bianca al gestore del fondo al fine di muoversi tra gli strumenti che fanno registrare un rischio medio-alto.

Come scegliere il fondo flessibile “giusto”? Consigli

fondi flessibili

Fondi Flessibili: quale scegliere?

Al fine di scegliere il giusto fondo flessibile, che meglio si presta alle caratteristiche dell’investitore, è possibile utilizzare un pratico schema, il quale permette di individuare quello che è il fondo flessibile migliore per le tue esigenze. I punti ce si devono seguire sono i seguenti:

Controllare la composizione attuale del portafoglio

Si tratta in sostanza di indicazioni molto utili soprattutto in merito alla gestore del fondo. Nello statuto però nulla vieta che il fondo sia completamente rivoluzionato.

Informarsi su siti indipendenti

E’ opportuno consultare sempre le giuste informazioni. Si deve dunque consultare le informazioni offerte degli analisti, le quali offrono un prospetto interessante per il fondo stesso.

Considerare sempre le spese

Esse possono variare grandemente da fondo a fondo e sono spesso molto più alte dei rendimenti che ci sono offerti.

Considerare sempre la solidità della SGR

Al momento ci sono SGR semi-sconosciute le quali possono offrire dei rendimenti alti e sono legate a dei grandi gruppi finanziari i quali invece possono rendere meno. Tra gli strumenti che vengono creati, gestiti e diffusi dai principali operatori finanziari, possiamo trovare anche quelli che meglio di altri fanno al caso nostro.

Fondi flessibili VS hedge fund

I fondi flessibili non possono essere considerati come gli hedge fund. Questo errore viene spesso commesso da investitori poco esperti dei sistemi di funzionamento e della finanza.

Purtroppo questo non deve essere considerato come qualcosa di reale in quanto, al di là di quello che si possa pensare, i fondi flessibili tendono ad adagiarsi verso determinate forme di investimento ed anche perché hanno delle strutture organizzative e di gestione completamente diverse.

Non si deve mai pensare di essere dei geni degli investimenti e non si deve mai pensare di essere Warren Buffet.

>>Leggi anche: Warren Buffett bitcoin: 10 motivi che sbaglia le previsioni 2018-2020

Consigliamo anche di analizzare le altre forme di investimento presenti all’interno della nostra categoria INVESTIMENTI al fine di diversificare il portafoglio.

Forme di investimento alternative

Se non si possiedono determinate somme per investire con un fondo e si è più propensi ad investire sui mercati finanziari, in modo serio e professionale , allora scegli di farlo con le piattaforme di trading online regolamentate ed autorizzate come quelle riportate.

IQ Option: trading CFD

iq option

Piattaforma di trading online IQ Option

Scegli di investire e fare trading CFD direttamente dalla piattaforma  IQ Option che offre un conto demo gratuito da 10.000 € ed un conto reale dal deposito minimo di appena 10 € e trade minimi da 1 €.

Non perdere tempo! Apri il tuo conto demo gratuito su IQ Option!

Il broker offre tantissime semplici opportunità di investimento, grazie anche alla piattaforma semplice da utilizzare ed allo stesso tempo professionale.

Infine scegliendo questo broker per investire nel trading online, si deve sapere che si investe sfruttando il servizio di formazione gratuito IQ Option.

Esso è composto da  video lezioni , che permettono di imparare non solo ad utilizzare la piattaforma, ma anche i diversi strumenti di trading che essa offre.

Asset disponibili IQ OPtion

Per altro scegliendo IQ Option, scegli anche la possibilità di investire su un mercato diversificato e quindi operare su:

  1. Materie prime;
  2. Mercato Forex;
  3. ETF;
  4. Criptovalute, ecc.

Caratteristiche / vantaggi IQ Option

  • Piattaforma regolamentata ed autorizzata CySEC;
  • Conto demo gratuito;
  • Trade minimi da 1 €;
  • Layout multi-grafico;
  • Analisi tecnica;
  • Quotazioni storiche;
  • Piattaforma mobile;
  • Strumenti di trading eccellenti;
  • Avvisi sulla volatilità;
  • Aggiornamenti di mercato;
  • Stock screener;
  • Calendari;
  • Newsletter.
Fai trading con le strategie di trading CFD. Investi con IQ Option e metti in atto tutti i trucchi con il conto demo gratuito da 10.000 €!

Guide al trading online IQ Option

Trading 24Option con i segnali di trading gratuiti

24Option: broker di trading online

24Option: broker di trading online

Anche 24Option è un ottimo broker in termini di trading online, adatto sia per il trading forex, sia anche per le strategie di trading CFD su azioni societarie.

Grazie a 24Option puoi scegliere di investire e fare trading sfruttando i segnali di trading gratuiti che ti vengono offerti da questo broker.

Grazie al conto demo gratuito è possibile mettere in pratica la strategia di trading online basata su azioni e il trading CFD.

Non importa che si tratti di trader esperti o no! 24Option è adatto a tutti i trader.

A tutto questo si aggiunge la possibilità di sfruttare un conto demo gratuito o reale con un servizio di formazione davvero eccellente e la possibilità di fare trading sfruttando la leva.

Per maggiori dettagli, consulta il servizio di assistenza clienti 24Option!

Prova a investire con il conto demo gratuito 24Option mettendo in pratica le migliori strategie di trading

Tutti i dettagli sul broker li puoi trovare analizzando le nostre guide:

Social trading eToro

overlay-eToro-2

eToro: piattaforma di social trading e di copy trader

eToro lo possiamo considerare come uno dei broker migliori presenti sul mercato. Grazie a questo broker puoi scegliere di fare trading su di un conto demo gratuito ed illimitato o anche con un conto reale, anche se questo prevede un deposito minimo da 200 €.

Apri il tuo conto demo gratuito ed illimitato su eToro

Se si sceglie di investire con eToro, si scegli di investire con i CFD grazie ad un broker di social trading. Esso offre la possibilità di sfruttare in qualunque momento la complicità degli altri trader e condividere con essi tutte le strategie di trading forex.

E’ possibile anche scegliere di copiare gli altri trader. A tal proposito riportiamo quelli che anno fatto registrare le migliori performance.

Non importa essere un trader esperto o meno. Quello che conta è scegliere il giusto trader da seguire, anche se non si conoscono gli asset su cui questo investe. In questo modo, puoi replicare le loro performance ed ottenere una percentuale di successo maggiore.

Tutti gli aggiornamenti e approfondimenti sul social trading sono disponibili all’interno delle nostre guide:

Social trading e Copy trader: le guide eToro

  1. I migliori trader da copiare su eToro
  2. eToro truffa ? Ci sono esperienze e opinioni negative ?
  3. eToro: tutto quello che devi sapere per iniziare a fare trading online
  4. eToro Popular Investor: ecco come Xavier86 è diventato un Popular Investor
  5. Guida eToro social trading: come evitare le truffe?
  6. Social Trading funziona? Opinioni Copy Trading eToro
  7. eToro come funziona ? eToro Login, opinioni, demo e recensioni

Trading Markets.com

Trading Forex con Markets.com

Piattaforma di trading mobile

Markets.com, è un broker di trading online che offre la possibilità di investire e fare trading non solo sugli indici di borsa ma anche su tantissimi altri asset sottostanti grazie alle sue piattaforme di trading online, regolamentate ed autorizzate.

Al momento si presenta, al pari delle precedenti, come una delle più importanti presenti sul mercato; essa è una delle migliori anche per professionalità e flessibilità che offre navigabilità e ottimo utilizzo delle funzioni.

Una delle caratteristiche principali di Markets.com è la disponibilità delle seguenti piattaforme di trading WebTrader e mobile Android e iOS, PC, MT4.

La sua piattaforma è per altro sicura in quanto trattasi di un broker regolamentato CySEC ed autorizzato CONSOB che gli permette di operare sia a livello europeo, sia anche a livello Italiano.

Grazie a markets.com è possibile investire a prescindere dal tipo di piattaforma utilizzata con una serie numerosa di strumenti avanzati utili ad effettuare le migliori e più complete analisi possibili sui seguenti asset sottostanti:

  1. Indici;
  2. Azioni;
  3. ETF;
  4. Valute;
  5. Materie prime, ecc.
Apri il tuo conto gratuito su Markets.com. Prova a fare trading CFD con una piattaforma regolamentata ed autorizzata!

>>Leggi anche i nostri approfondimenti sul broker:

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB.
ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Europar2010.org

Leggi articolo precedente:
hedge-fund
Cosa Sono gli Hedge Fund e come Investire?

Molto spesso quando si investe il proprio capitale lo si fa affidandosi ad un promotore finanziario o rivolgendosi direttamente alla...

Chiudi