Trading Criptovalute: quali sono gli errori più frequenti dei trader?

Pubblicato da TommasoP il: 17 Dicembre 2018

Da diverso tempo ormai sempre più trader sono alla ricerca di un metodo alternativo per investire i propri soldi. Molti hanno deciso di farlo puntato al trading online e alle criptovalute. Alcuni di questi però si sono buttati a capofitto in questa attività non sapendo bene cosa fossero. Il risultato? Hanno perso tantissimi soldi.

Purtroppo non tutti i trader sanno come investire con i Bitcoin e soprattutto come fare trading con le criptovalute. Per questi soggetti si tratta di investimenti totalmente sconosciuti.

Molto spesso i trader principianti commettono i maggiori errori. Lo scopo di questa nostra guida è proprio quello di aiutare i trader a riconoscere gli errori più frequenti e ad evitarli.

Partiamo dal principio: fare trading online non è semplice, figuriamoci farlo con un asset altamente volatile come le criptovalute.

Purtroppo molto spesso i trader principianti compiono questi errori perché presi dalla foga dell’investimento. Non sanno bene da dove iniziare e soprattutto si affidano a broker che non offrono formazione completa e adeguata al loro stile di trading.

Ma procediamo un passo alla volta e cerchiamo di comprendere prima di tutto quali sono gli errori maggiormente commessi e poi quali sono i broker migliori per investire in criptovalute che offrono la migliore formazione.

trading criptovalute

Investire in criptovalute: conviene? Errori da evitare

Volatilità nel trading criptovalute

Per definizione la volatilità è considerata come la capacità delle quotazioni di muoversi sul mercato in un senso o in u altro.

Questo vuol dire imporre ai trader (che scelgono di investire in criptovalute), di impostare un ottimo risk management (che prevede nel caso specifico un’impostazione legato a strategie complesse) che difficilmente si imposta (con detti parametri) su altri asset come azioni, ETF, materie prime, ecc.

>>Leggi anche: Come investire per guadagnare con le Criptomonete? Opinioni e Quotazioni

Non perdere tempo! Apri il tuo conto demo gratuito su IQ Option!

Market mover indefiniti

Tutti gli asset sono influenzati, in un modo o nell’altro, da market mover fissi. Si tratta di informazioni e di pubblicazioni che avvengono in modo regolare su determinati dati. Al momento, possiamo definire le criptovalute come acefale. Peraltro esse sono esenti da istituzioni regolatrici, come invece avviene per le valute tradizionali.

>>Leggi anche: Come investire in Materie Prime? Guida Agli Strumenti Finanziari su Comodities

Manipolazione del mercato

Non essendoci regole precise in merito al trading sulle criptovalute e non essendoci istruzioni tali da rendere questo mercato sicuro, non possiamo affermare che esiste una funzione di protezione. Se questa esistesse, come per gli altri asset, aumenterebbe la probabilità (anche solo con la forza della liquidità) che il mercato venga manipolato.

Attenzione perché non stiamo parlando di iniziative illegali o illecite, ma di azioni in grado di creare qualche grattacapo in più per i trader retail.

>>Leggi anche: Come investire al meglio nel 2019? Guida all’investimento

Novità del mercato

Sappiamo bene che il mondo crypto è uno dei mercati più recenti in assoluto. Essendo tale ci sono delle dinamiche che non sono molto chiare e come tale sono in piena evoluzione.

Il tutto rende l’attività di trading e le criptovalute in particolare un mercato altamente imprevedibile. È risaputo anche che sia l’imprevedibilità, sia l’incertezza, sono nemici degli investitori. Infatti a causa di questa complessità è molto più facile fare errori rispetto a quando si fa trading in altri mercati.

>>Leggi anche: Trading Bitcoin con eToro [come investire in criptovalute su eToro]

Sbagliare il Position Sizing

Cosa vuol dire?

Partiamo dal fatto che le criptovalute possiedono un’estrema volatilità che determina, nel trader meno esperto e preparato, una percezione molta pericolosa. Anche impostando un money management efficace, il problema nel lungo periodo potrebbe non risolversi.

In questo caso un ottimo consiglio potrebbe essere quello di trattare, soprattutto da questo punto di vista, il trading con le criptovalute come qualsiasi altro stile di trading.

Cosa vuol dire questo?

Vuol dire analizzare e impostare bene le tecniche di money management e di risk management.

>>Leggi anche:

È opportuno anche investite un capitale massimo pari alla somma che ci si può permettere di perdere. Se non siete esperti di money management, potrebbe bastare la classica formula di Kelly secondo la quale non si dovrebbe mai investire più del 2% del denaro presente sul conto.

Quali sono le migliori criptovalute per il 2019?

Investire sulle migliori criptovalute

Passiamo ora ad un altro caso.

Se siete dei trader arditi, ovvero siete dei trader con un profilo di rischio alto, allora potreste raggiungere un massimo del 5%. Salire oltre questa percentuale, non è consigliabile!

È importante dunque maturare la giusta mentalità nel trading online a prescindere dall’asset che si utilizza. È la tecnica in ogni caso che stabilisce la strada da intraprendere. Il money management allo stesso tempo rappresenta l’unico vero baluardo contro la perdita di capitale. Questo vale non solo per le strategie di trading basate su criptovalute ma anche per tutti gli investimenti legati al trading online.

Dare per scontata l’estrema volatilità: conviene?

Mai commettere questo errore. Non si deve mai, nel trading online, dare per scontato qualcosa. Tutto quello che si deve fare è guardare ed analizzare il grafico dell’asset sul quale si vuole puntare per capire quanto esso sia volatile.

Certamente il mercato delle crypto è l’asset class più volatile di tutti i tempi. In caso di oscillazioni (succede anche all’interno della stessa giornata), esse possono segnare risultati a doppia cifra.

Il tutto lo si deve a dei fattori molto importanti, che possono compromettere la particolarità dell’asset prescelto. Molto spesso questo avviene quando si passa da un mercato “tranquillo” ad un mercato “molto volatile”.

Qual è questo errore?

Credere in un imminente rialzo dell’asset crollato. Ad esempio se le quotazioni di una criptovaluta sono crollate non si deve mai pensare che presto si riprenderanno, andando a ritracciare quanto perso o addirittura superare i valori di partenza. Si deve sempre attendere ed essere molto cauti sul mercato.

Questo errore viene solitamente commesso dai trader che considerano il mondo delle crypto come un mercato semplice, quando in realtà, si tratta di un mercato imprevedibile.

Il rischio che si corre è quello di fare trading in modo completamente errato! Come? Rimanendo incastrati in una posizione in perdita drammatica!

È dunque opportuno trattare le criptovalute come un qualsiasi altro asset! Un esempio potrebbe essere fatto anche con l’asset euro/dollaro. Quando questo crolla, si è davvero sicuri che nel breve termine esso possa recuperare terreno?

In pratica, si deve sempre opportunamente valutare attentamente il tutto e fare il medesimo ragionamento anche quando si fa trading con le criptovalute.

Trascurare l’analisi tecnica

Non è un buona tecnica nel trading online trascurare l’analisi tecnica. Si tratta di un grave errore che non deve essere commesso in nessun caso. Infatti, se si da per scontato che il prezzo del Bitcoin ritracci le perdite del 2018, allora certamente si sta ignorando in parte o del tutto l’analisi tecnica.

È chiaro che non si deve assolutamente trattare l’analisi tecnica come la cura dei mali del trading online. Non è l’antidoto definitivo contro le incertezze!

La cosa certa è che l’analisi tecnica aiuta parecchio, conferendo al trading online anche un’aura di scientificità capace di evitare il peggio e porre le condizioni per il profitto.

Se siete dei trader che amano fare l’analisi fondamentale in funzione delle criptovalute, si deve considerare la difficoltà di questo, in quanto mancano dei market mover stabili.

L’analisi tecnica è soggetta alle stesse dinamiche che si apprezzano nelle altre tipologie di trading. Solo dopo aver imparato cos’è l’analisi tecnica e come si muove, allora la si può applicare ai diversi mercati.

Allo stesso tempo, investire con l’analisi tecnica non vuol dire utilizzare ciecamente determinati indicatori, ma essere capaci di leggere il mercato con uno sguardo di insieme, contestualizzando i movimenti.

Questa attività è molto importante anche quando si fa trading sulle criptovalute.  La volatilità di questi asset, infatti, potrà facilmente causare disorientamento e allo stesso tempo fare in modo che i trader non capiscono o fraintendano la direzione in cui sta andando il mercato.

Quello che non si deve mai fare è trascurare l’analisi tecnica. Si deve imparare a recepire i segnali, valutarli e agire di conseguenza.

Tenere posizione aperta troppo a lungo

Anche questo errore potrebbe compromettere totalmente il capitale. Un errore grave peraltro collegato alla volatilità. Se quest’ultima viene interpretata in malo modo e la si intende come infallibile tendenza a ritracciare le perdite e si corre il rischio di compiere l’ennesimo errore, ovvero quello di tenere la posizione aperta troppo a lungo.

Questo errore viene commesso dai trader poco esperti. Sono questi che una volta analizzata la loro posizione, una volta appreso che questa sta generando perdite (perché si è andati long e i prezzi stanno scendendo vorticosamente), ci si convince di tenere la posizione aperta in attesa di un rialzo. Peraltro ci si convince anche che questa soluzione sia la migliore. Il motivo?

Semplicemente perché nel breve tempo si spera che i prezzi risaliranno. Ci si convince anche che questi risalgono nell’arco della stessa giornata.

Si tratta di un approccio a due problemi; in primo luogo, il ritracciamento nel breve e medio periodo è tutt’altro che scontato. Va contro i principi del risk management.

>>Leggi anche: Trading online per principianti: come gestire soldi e rischi?

Questo comportamento (tipico dei trader alle prime armi), non è invece tenuto in considerazione dai trader che investono su azioni, ETF ed altri asset. Un comportamento di questo tipo non prevede stop loss e nel caso in cui li prevede, li ignora.

È chiaro che se si sceglie di fare trading online con le criptovalute senza stop loss vuol dire investire in un settore sapendo di rischiare in modo pericolosissimo. Se non si sta attenti si potrebbe finire per cadere in rovina. Dunque, che fare?

Meglio impostare degli stop loss, praticare un buon money management e impostare un ottimo risk management. Queste tre soluzioni offrono efficacia protezione del capitale e permettono di guadagnare con il trading delle criptovalute.

IQ Option criptovalute

IQ Option criptovalute

Investi su criptovalute in odo serioe professionale con la giusta formazione grazie al broker IQ Option!

Scegliere il broker con superficialità

Errore che non deve mai essere commesso! Mai scegliere un broker per sentito dire! Si deve sempre provare la piattaforma offerta e lo si può fare tranquillamente con il conto demo gratuito.

Meglio scegliere sempre e solo piattaforme di trading online regolamentate come quelli da noi consigliati in fondo in questo articolo e riportati in tabella. Esse ben si adattano al trading su Bitcoin e criptovalute anche perché sono tutti regolamentati ed autorizzati.

In alternativa, se si vogliono conservare le criptovalute, ovvero se le si vuole comprare e detenere allora si possono sfruttare gli Exchange, che però non si prestano a dinamiche d’investimento speculativo.

Se invece si vuole investire nel trading facendo trading intraday, con orizzonti un po’ più ampi, la soluzione ideale del momento è quella di fare riferimento solo a strumenti derivati come i CFD.

>>Leggi anche: Trading su criptovalute con CFD: esempio pratico [guida completa]

Ecco il perché si deve fare sempre attenzione nello scegliere il broker. Non lo si deve mai scegliere solo analizzando alcuni aspetti come ad esempio i criteri di convenienza. È vero che l’offerta è sterminata e anche varia, ma allo stesso tempo non è raro trovare broker poco affidabili.

È opportuno seguire sempre norme del buon senso e valutare attentamente la posizione del broker. La si deve fare sempre prima di fare il passo definitivo e iscriversi.

Le valutazioni devono avvenire analizzando attentamente anche la questione informativa. Il broker deve rispondere in maniera esaustiva alle seguenti domande:

  1. Eroga informazioni specifiche sul suo conto?
  2. Possiede una licenza? Gli estremi di questa licenza sono comunicati con chiarezza?
  3. Che feedback restituiscono gli utenti?

Queste sono solo alcune delle domande che un trader si deve porre prima di scegliere il broker. Anche quando si tratta di criptovalute.

Ignorare le tipicità del mercato

Tutti gli errori che fino a questo momento riportati hanno tutti la stessa convinzione di fondo, cioè che il mercato delle criptovalute sia diverso dagli altri asset, tanto da rendere legittima una deroga alle regole che permette ai trader di ottenere un profitto mettendo sempre in sicurezza il proprio capitale.

Questa convinzione è errata, molto pericolosa e come tale invitiamo tutti i trader a mettere in campo le necessarie precauzioni (soprattutto in termini di money e risk management) e a praticare un’analisi tecnica regolare.

Non si deve mai dare per scontato la volatilità e non si deve mai scegliere broker a casaccio per il giusto di sceglierne uno.

Tuttavia non è opportuno porre le criptovalute sullo stesso piano degli altri asset. Questo non vuol dire ignorare le sue specificità, considerando anche che le valute virtuali rappresentano un unicum nella storia del trading.

Ogni trader si differenzia dagli altri per caratteristiche e tecniche che incidono sul modo di fare trading.

Un esempio potrebbe essere la decentralizzazione, considerato come un elemento tecnico e di governance che influenza profondamente la vita di tutti i trader che come abbiamo detto provoca una certa difficoltà nel fare l’analisi fondamentale.

Quest’ultima non deve essere trascurata ma la si deve fare in modo alternativo, tenendo conto delle particolarità delle criptovalute.

Cosa vuol dire?

Vuol dire che non si deve fare riferimento a market mover fissi, in quanto all’interno del mondo delle crypto non ci sono. In quanto trader devi invece essere capace di leggere istantaneamente le dichiarazioni dei policy maker che, partendo da posizioni distanti, possono giocare un ruolo importante nel mondo delle criptovalute, soprattutto in termini di regolamentazione.

Il miglior modo per approcciarsi alle criptovalute è il seguente: ci si deve comportare (sul fronte della protezione del denaro), come se le criptovalute fossero un asset tradizionale. Allo stesso tempo, però, si devono considerare le specificità di questo strano mercato.

Fai trading su Bitcoin con il conto demo gratuito illimitato di eToro
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente.
ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Europar2010.org

Leggi articolo precedente:
the ethereum code truffa
The Ethereum Code Bot robot truffa? Recensioni opinioni

Partiamo dal presupposto che The Ethereum Code Bot non ha nulla a che vedere con la cripotvaluta ethereum. Questo sistema...

Chiudi