Disturbi psicologici da trading online: quali sono e come curarli?

Pubblicato da TommasoP il: 12 Marzo 2019
Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Molto spesso non consideriamo il trading online come una mera attività speculativa, un sistema di investimento che ci consente di investire in borsa senza troppi problemi.

In tanti considerano il trading online come un gioco, un sistema atto a investire e guadagnare senza troppi sforzi. Purtroppo questo approccio è letteralmente errato.

Da questi primi atteggiamenti errati, possiamo notare che il trader, se si approccia con superficialità o avventatezza, potrebbe incappare in alcuni disturbi comportamentali che sono appunto causa di disturbo psichico nel trader.

In sostanza, il trading online è un’attività stressante. Non solo i trader alle prime armi ma anche i trader esperti sono d’accordo su questo principio. Allo stesso tempo, possiamo affermare che i trader sono destinati a comprendere e capire presto questo elemento in quanto lo vivono direttamente sulla propria pelle.

Ovviamente si tratta sempre e solo di elementi che con il tempo e con l’impegno si possono superare. Fare questo però non è semplice. E’ importante che ci si doti di una adeguata forza di volontà, di ferrea determinazione e del necessario bagaglio tecnico.

Consideriamo la peggiore delle ipotesi, possiamo dire che alcuni meccanismi potrebbero rischiare di rompersi. Si tratta ovviamente sempre e solo di meccanismi mentali.

Il trading online può portare ad alcuni disturbi mentali che devono essere risolti nel più breve tempo possibile.  Non siamo di fronte a vere e proprie malattie psichiatriche. Si tratta semplicemente di alcuni sintomi fastidiosi.

Di questo e di altro ve ne parleremo in questo nostro approfondimento.

Disturbi psicologici trading

Trading online: possibili disturbi

Dipendenza o solo investimenti sbagliati?

Trading online: possibili investimenti errati?

Trading online: possibili investimenti errati e dipendenza dal trading

Ci sono dei fattori che rendono il trading online particolarmente insidioso. Molti di questi sono legati al fatto stesso che si tratta di una forma di dipendenza che possa passare sotto silenzio per lungo tempo.

Coloro che investono nel trading online non tendono a sentirsi in colpa per il suo comportamento in quanto come avviene nei casi di altre dipendenze come si tratta di un comportamento di per sé socialmente accettato.

>>Approfondimento: Guadagnare con il Trading online: 7 consigli dai migliori trader del mondo

Come ci si accorge di dipendere dal trading online?

Dipendenza dal trading online

Dipendenza dal trading online

Come ci si accorge che si dipende dal trading online?

Ci sono dei sintomi che rivelano di un pericolo molto reale; ad esempio perdere troppo tempo dietro al computer e agli investimenti, trascurando famiglia, amici lavoro, ecc.;  allora dovete preoccuparvi seriamente.

Allo stesso modo, se tutto della vostra vita ruota intorno al trading, se state mettendo sempre più denaro nel processo, il disastro potrebbe essere dietro l’angolo.

Ci sono poi i segnali di frustrazione generale, come ad esempio aggressività e tentativi di sopprimere altri problemi personali. Si tratta tutti di segnali tangibili di dipendenza. In alcuni casi, nella peggiore delle ipotesi, anche l’incolumità personale e la salute fisica potrebbero essere compromesse seriamente.

Per altro attenzione a non prendere mai in prestito denaro da amici o usando una carta di credito per pagare un altro prestito. Anche questo è un segnale sicuro che avete un problema.

>>Approfondimento: Vivere di trading è possibile? [Ecco cosa fare, guida per aspiranti trader]

Dipendenza da trading online: quali sono i segnali principali?

Avere un obiettivo di investimento e pensare solo a guadagnare denaro vuol dire perdere solo tempo e denaro.

Se si è dei dipendenti da trading online, la necessità di fare soldi diventa la loro unica motivazione di guida. A causa di questa visione spesso si commettono degli errori di trading veramente rischiosi che poterebbero a volte essere anche abbastanza costosi.

Non possedendo un solido piano di investimenti si potrebbero fare delle scommesse che non hanno nulla a che fare con l’investimento e che si potrebbero in sostanza trasformare in giocatori d’azzardo.

A chi non piace infatti fare soldi! Per molti che investono sui mercati finanziari, però, non è solo un fatto naturale, ma una autentica scarica di adrenalina.

Molti spendono continuamente soldi e ore su ore per fare trading online senza guadagnare nulla. Sintomo che qualcosa non sta andando come dovrebbe.

Trascorrere 12 o più ore davanti allo schermo per cercare di investire sicuramente è sintomo di dipendenza dal trading. Questo potrebbe portarvi ad essere ossessionati dal trading ovunque vi troviate.

La maggior parte dei trader che sono dipendenti dal trading seguono costantemente i propri investimenti per paura di perdere.

Infine si finisce per rovinare le relazioni sociali, in quanto si perdono intere giornate a negoziare o a pensare al trading. In questo modo sicuramente sarà difficile mantenere delle relazioni.

Fare trading in maniera costante porta alla negligenza, alla frustrazione e alla fine delle relazioni. Meglio non rischiare di arrivare a questo punto e farsi aiutare per tempo.

Trading online: attenzione al Burnout

Cos’è il burnout?

Con il termine burnout intendiamo indicare una situazione caratterizzata dal vuoto emotivo che viene accompagnata spesso dall’apatia. A questi primi elementi  seguono dei periodi relativamente felici, caratterizzati dall’entusiasmo e dalla voglia di fare.

Tipicamente si tratta di atteggiamenti che li si ritrova nei lavoratori (soprattutto del terziario), spesso neo assunti che profondono sforzi ingenti in una nuova attività, aspettandosi da questa dei risultati che purtroppo non arrivano quasi mai.

Lo stesso atteggiamento potremmo dire lo si riscontra nel trading online.

A un certo punto prende sempre più piede la consapevolezza che gli sforzi fatti fino a quel momento siano completamente vani.

Si passa da uno stato mentale ad un altro e si passa da un fattore entusiastico ad una condizione clinica.

Ci sono dei trader che molto spesso sperimentano questa situazione.

Si tratta nella stragrande maggioranza dei casi di trader principianti, che hanno iniziato da poco a fare trading online e che non hanno la più pallida idea di come approcciarsi al trading online.

>>Se anche voi volete investire nel trading online in modo professionale e serio, non perdetevi la nostra guida su: Trading online per principianti: come gestire soldi e rischi?

È facile certamente comprendere in cosa consiste tutto questo e nel caso in questione, tutti gli sforzi precedono il burnout. Si tratta certamente della formazione, dell’esercitazione e dello studio intenso. Allo stesso modo, possiamo immaginare quelle che sono le aspettative (ovviamente positive) che affollano la mente dell’esordiente.

Purtroppo come sempre accade, arriva il momento di fare i conti che la realtà. Questa non sempre rispecchia i sogni. Come spesso accade si rivela meno felice del previsto in quanto potrebbero emergere delle disillusione che possiamo considerare come degli elementi pre-burnout.

Come si risolve il burnout nel trading online?

Certamente non è semplice. Lo si potrà risolvere allo stesso modo di come lo si risolve nella vita reale. Basta riposo e una rielaborazione delle aspettative, del significato che l’attività di trading ricopre o dovrebbe ricoprire.

Come sempre, prevenire è meglio che curare. In pratica, il consiglio sarebbe quello di non farsi illusioni e come tale affrontare il percorso di formazione con il giusto entusiasmo e acquisire la giusta consapevolezza delle difficoltà future che sono semplicemente inevitabili.

>>Approfondimento: Perché perdo i miei soldi con il trading online ?

Il Trading online crea dipendenza?

Trading online: perchè crea dipendenza?

Trading online: perché crea dipendenza?

Anche questo atteggiamento deve essere evitato il più presto possibile. Molto spesso questo lato oscuro viene ignorato da tutti quelli che investono nel trading e a volte anche dagli analisti. Lo potremmo definire come il lato ludico.

In pratica si potrebbe divenire dipendenti del trading online.

Allo stesso tempo si potrebbe essere coinvolti in questa forma di investimento e ci si potrebbe anche divertire. Possiamo dire che è una delle più grandi sfide che tutti i trader si trovano ad affrontare. Tutti coloro che investono nel trading online devono possedere del capitale da destinare agli investimenti.

Non è un caso che siano proprio le personalità più competitive quelle che avvertono il desiderio di tentare la carriera da trader.

Il problema? Questo sentimento (per altro molto genuino) di divertimento, potrebbe degenerare. Può davvero succedere? Sì, e il meccanismo ricorda quello della ludopatia. Quindi non si deve mai esagerare con gli investimenti.

Molti di noi sanno bene che oggi esiste la dipendenza dal gioco d’azzardo; allo stesso tempo esiste la dipendenza da trading online.

Ci sono dei meccanismi di premio e di sanzioni; se una persona è predisposta potrebbe compromettere il rapporto tra trading e trader, andando a disegnare un qualcosa di incredibilmente simile a un quadro clinico.

Oggi esistono dei sintomi abbastanza evidenti che non si differiscono dai sintomi di qualsiasi altra dipendenza. a volte le necessità di praticare un’attività incriminata è definita come sindrome di astinenza, ansia, senso di vuoto, ecc.

Come si combatte la dipendenza da trading online?

Per combattere questo atteggiamento ci si potrà rivolgersi a uno specialista che ci aiuti a superare l’ostacolo. Attenzione però alla dipendenza. In pratica, se la dipendenza è leggera ed è più simile a una assuefazione, un rimedio (per quanto drastico) sarebbe il distacco dal trading. Questo atteggiamento sarebbe sicuramente il migliore dio tutti.

Si potrà guarire dalla dipendenza-assuefazione da trading?

Certamente sì ed è per questo che basta provvedere con la sospensione dell’attività di trading. Un periodo di riposo forzato potrebbe portare qualche grattacapo all’inizio, ma non oltre.

Il trader avrà tutto il tempo per pensare al suo rapporto con il trading e a come poter investire in modo consono. Sappiamo bene che non si tratta di un percorso facile, anche quando di mezzo non c’è salute ma “solo” il rischio di perdere il proprio capitale e compromettere la propria vita sociale.

Il rischio più grande? Perdere il capitale investito

Chi è dipendente dal trading online solitamente non opera con saggezza e si ritrova a perdere tutto il capitale agendo e mettendo in pratica delle operazioni errate.

Prima di tutto è bene chiarire che si tratta di un atteggiamento tenuto da soggetti che si lasciano trasportare dal trading e che vedono questo investimento come una delle tante forme alternative di guadagno semplice. Un trader che opera per ore e ore e soffre di stanchezza cronica, non può ragionare lucidamente.

In secondo luogo, tutti i trader che dipendono dal trading online tendono ad essere poco lucidi e a prendere delle decisioni sbagliate. In breve, la questione è abbastanza seria. Se si avverte dei sintomi della dipendenza da trading, o anche solo della assuefazione, dite basta all’attività per un po’ di tempo.

>>Approfondimento: Libertà Finanziaria: cos’è e come raggiungerla con il Trading Online?

Cos’è il trading patologico?

Disturbi psicologici del trading: caso patologico

Disturbi psicologici del trading: caso patologico

Il trader compulsivo agisce allo stesso modo di come agisce un giocatore d’azzardo. In pratica esso si fa guidare dall’istinto più che dalle competenze e dalla ragione. Non ha il senso del fermarsi, non riconosce i propri limiti e finisce quasi sempre per perdere grosse cifre.

Si tratta certamente di un fenomeno molto sottovalutato.

Chi è il trader compulsivo?

Al momento non possiamo stilare un profilo del trader patologico. Non ci sono dati o statistiche. Quello che possiamo fare è analizzare il tutto tramite le testimonianze che abbiamo raccolto è emerso che questo disturbo interessa sia dilettanti che esperti del trading.

La dipendenza da trading è un problema che riguarda tutti gli investitori; non è raro che i professionisti della finanza si rivolgano a degli specialisti in vista di questi problemi, proprio per evitare che il problema giunga a dei livelli patologici.

Stress da trading online: cos’è e come curarsi?

Stress da trading online

Stress da trading online

Anche questo argomento è molto difficile da trattare. Solitamente lo stress derivante dal trading online non lo si riconosce per tempo. Allo stesso tempo, però, possiamo dire che lo stress da trading non deve essere vista solo e soltanto come una sciagura, un elemento cattivo, ma potrebbe essere considerato anche (a determinate condizioni) come un elemento che per certi versi potrebbe far bene.

Potrebbe essere il caso dello “stress acuto”, definito come una risposta dell’evoluzione che ha donato all’uomo per far fronte alle situazioni di emergenza e agli imprevisti.

Il problema è invece quando lo stress acuto si trasforma in cronico. Qui la preoccupazione si estende non solo all’evento imprevisto, ma anche al contesto specifico o a un’attività.

Ad esempio, come avviene per il trading online, molto speso nella vita quotidiana si si è colpiti da delle difficoltà che vengono percepite come insormontabili e allo stesso tempo si mantiene alta l’asticella degli obiettivi.

In pratica, possiamo dire che un individuo (in questo caso il trader) avverte una pressione continua può emergere lo “stress cattivo”.

Oggi si identificano diversi gradi di stress che vanno dal grado più leggero che quasi mai incide sulle prestazioni, a quello più grave che invece incide sulle performance.

Se lo stress è grave si potrebbe compromettere tutta l’attività di trading; questa può impattare sulla capacità di prendere delle decisioni, di leggere delle situazioni e di analizzare il mercato.

In casi estremi potrebbe diventare così insostenibili da allontanare il trader della sua attività; questo serve al fine di evitare una fonte di sofferenza.

Cosa è lo stress del trader?

Occorre comprendere cosa è in realtà lo stress. Lo stress da trading sulla base di quanto affermato è una normale reazione biologica del corpo ad un cambiamento difficile o pericoloso che viene percepito dall’ambiente circostante.

Possiamo definirlo come una forma di affaticamento che si viene a creare quando ci troviamo in una situazione dalla quale può dipendere qualcosa di importante per noi.

In molti casi, però, una buona dose di stress (nei limiti del possibile) potrebbe rappresentare un vantaggio, in quanto per ognuno di noi l’eccessiva rilassatezza può produrre danni a livello fisico, che psicologico. La mancanza di stress può essere un danno, come del resto un livello tropo elevato, che può diventare problematico soprattutto nella gestione.

Lo stress è il risultato del lavoro di un ormone che possono essere stimolanti nel breve periodo perché rilascia energia al cervello che gli consente di affrontare una situazione di pericolo incombente. Potrebbe provocare dei danni nel momento in cui persiste, in quanto potrebbe portare l’organismo ad ammalarsi.

Lo stress nel trader, lo porta a essere poco lucido e a non valutare attentamente situazione attraversata dal mercato. Potrebbe anche sfociare in una fiducia incondizionata delle proprie capacità. Per chi deve fare trading, lo stress è un elemento di primaria importanza che non deve essere sottovalutato.

Come si sconfigge lo stress da trading?

Solitamente sconfiggere lo stress è molto difficile; allo stesso tempo, possiamo dire che le condizioni affinché si sviluppi ci sono sempre e questi trader possono essere aiutati tramite un lavoro su se stessi e sulla propria personalità, una stringente attività di money management e risk management.

L’ansia da trading online

Ansia da trading online: come evitarla?

Ansia da trading online: come evitarla?

L’ansia è una condizione che cause molte sofferenze. Possiamo definire l’ansia come un disturbo cronico, che può avere una valenza comportamentale e clinica.

Nel primo caso, si parla quasi sempre di ansia intesa nell’immaginario collettivo, ovvero uno stato di preoccupazione latente ma non grave, che si traduce spesso e volentieri in un atteggiamento teso al lamento.

Nel secondo caso possiamo dire che ci si trova di fronte a dei disturbi seri, potenzialmente limitante, al cui confronto lo stress sembra una condizione da niente.

L’ansia, quella vera, potrà dunque peggiorare la vita?

Certamente sì in quanto potrebbe incidere sulla salute poiché genera dei sintomi fisici che vanno dalla palpitazione, all’eccessiva sudorazione, al comune ma evidentemente psicosomatico mal di pancia.

Il trading online potrebbe portare il trader a degli atteggiamenti di ansia; questo evento non si verifica di rado. Il tutto potrebbe insorgere nel momento in cui il trader non reagisce bene alle difficoltà, quando consente alla situazione di stress di degenerare.

Come curare l’ansia?

Purtroppo non è semplice. Certamente, non è una domanda semplice a cui potremmo rispondere se non con un’accurata diagnosi. L’unico rimedio al momento possibile è quello terapeutico.

Come fare trading prudentemente?

Investire sul mercato grigio con i Titoli di stato conviene?

Investire nel trading online prudentemente

Ci sono dei sistemi ce vi permettono di trovare una via d’uscita da questa situazione abbastanza pericolosa. Se fate trading con prudenza vi dovete assicurare di monitorare le vostre attività e mantenere il tutto sotto controllo.

In che modo? Semplicemente facendo trading in modo professionale. Per far questo si deve scegliere una piattaforma di trading semplice e allo stesso tempo che sia ben strutturata, legate e regolamentata.

Ecco il perché conviene oggi affidarsi a dei broker rinomati e affidabili, che abbiano regolare licenza per operare. Tutto questo vi permette di operare in modo professionale e starvene lontani da truffe e raggiri.

Un broker che si rispetti è un broker che mette in guardia il trader dalle possibili perdite. È questo che vi fornirà tutti gli elementi più importanti che vi aiuta a comprendere bene i rischi legati all’investimento.

Questi broker sono ottimi in quanto vi offrono anche la possibilità di fare trading con un conto demo gratuito al fine di mettervi in guardia dai rischi e dalle reali possibilità di investimento.

In fondo al nostro approfondimento troverete una serie di broker adatti a tutti voi. Non vi resta che scegliere quello che meglio si adatta alle vostre esigenze e analizzarne le caratteristiche con un conto demo.

Opinioni e considerazioni finali

A questo punto, siamo arrivati alla fine del nostro approfondimento; abbiamo analizzato in modo chiaro quali sono i sintomi riscontrabili in caso di dipendenza da trading online. Allo stesso tempo, abbiamo visto che il trading nei mercati finanziari è stimolante, eccitante e avvincente. Si tratta di un sistema che attira sempre più persone, speranzose che gli possa risolvere l’esistenza.

Tutto questo oggi viene reso semplice dai dispositivi mobili che alimentato l’approdo al trading online tramite smartphone o tablet.

Purtroppo tutto questo ha portato al rischio di dipendenza dal trading allo stesso modo di come accade nel gioco d’azzardo del casinò.

Possiamo infine mettervi in guardai dalla dipendenza da trading in quanto vi potrebbe costare caro, i vostri rapporti e le vostre risorse finanziarie. Se avete letto con attenzione anche voi in seguito riuscirete a riconoscere quelle che sono le causa di dipendenza da trading, i sintomi e come uscire dalla spirale discendente.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente.
ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Europar2010.org

Leggi articolo precedente:
Psicologia nel trading online 6
Psicologia Forex trading : il giusto stato mentale

Vi siete mai chiesti qual è il giusto stato mentale che un trader deve possedere? Ma soprattutto vi siete mai...

Chiudi