Broker con spread bassi: lista dei migliori in circolazione

Pubblicato da LorenzoB il: 11 Febbraio 2019 - Aggiornato il: 13 Ottobre 2020

Per broker con spread bassi si intendono gli intermediari finanziari online che offrono ai propri clienti un’operatività con una differenza fra prezzo di acquisto e di vendita molto ristretta. La scelta del broker non è affatto secondaria, infatti l’operatività di un trader è molto condizionata dal numero di asset presenti  sulla piattaforma del broker, dalla velocità di esecuzione, dagli spread e molti altri fattori ancora.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

In questo articolo stileremo una lista di broker con spread bassi che potrebbero fare al caso vostro con le loro principali caratteristiche. Prima di farlo spiegheremo le motivazioni che portano i trader a registrarsi presso un broker con spread bassi, ma soprattutto cosa significa.

Leggi anche MIGLIORI BROKER FOREX – Lista di broker affidabili e regolamentati

Broker con spread bassi
Broker con spread bassi: quali sono?

Specifichiamo che i broker con spread bassi che elencheremo in questa nostra guida sono tutti regolamentati dalle autorità di vigilanza competenti a offrire il trading online ai propri clienti. Tutti i broker da noi recensiti sono quindi affidabili dal punto di vista della sicurezza dei vostri fondi. Chiaramente il nostro approfondimento ha scopo puramente informativo e didascalico e quindi non costituisce in alcun modo un consiglio di investimento.

Broker con spread bassi: significato

Spread trading
Spread nel trading

Come abbiamo anticipato a inizio articolo i broker con spread bassi sono intermediari finanziari che offrono uno spread competitivo. La domanda ora quindi si sposta su un altro piano, che cos’è lo spread nel trading?

Lo spread nel trading non è altro che la differenza fra il prezzo bid e il prezzo ask. Il primo è la cifra che un compratore è disposto a spendere per acquistare un asset finanziario (bid), mentre il secondo corrisponde alla somma che il venditore offre per la cessione dell’asset selezionato(ask). Sostanzialmente lo spread nel trading è la differenza fra il prezzo di acquisto e quello di vendita, ossia i due valori che trovate accanto al bene su cui avete intenzione di fare trading presente nella piattaforma del broker dove avete effettuato la registrazione.

Lo spread  nel trading online indica la liquidità di mercato. Più esso si contrae più è alta la liquidità; viceversa più lo spread è alto più la liquidità scende. Infatti in assenza di compratori/venditori lo spread si allarga.

Alcuni broker online mettono a disposizione spread variabili, ossia che durante l’arco della giornata o per più tempo la differenza fra bid e ask può variare. Altri invece optano per spread fissi, che restano tali indipendentemente dalle condizioni di mercato. I primi tendenzialmente sono broker ECN, ovvero che seguono le vere quotazioni di mercato; i secondi sono invece broker market maker, i quali “fanno il prezzo di mercato”, dunque effettuano riquotazioni.

Conviene avere spread fissi o spread variabili? Ciò dipende dal trader. Alcuni preferiscono spread fissi così da avere la certezza di quando entrare ed uscire dal mercato; altri invece preferiscono gli spread variabili perché può essere un fattore in più da considerare.

Leggi anche Migliori Piattaforme di Trading Online italiane regolamentate [Classifica]

Perché iscriversi presso broker con spread più bassi?

broker spread
broker spread

È necessario considerare che lo spread è perlopiù un costo per il trader, mentre è un guadagno per il broker. Dunque più lo spread è alto più il trader perde denaro (o guadagna meno), mentre più lo spread è basso più il trader ottimizza i propri profitti cedendo meno denaro all’intermediario finanziario.

Dal momento che lo spread è una delle fonti di guadagno per il broker è naturale che in assenza di spread alti debba ricorrere all’imposizione di commissioni sul trading degli iscritti.

Molti broker con spread bassi fissano infatti commissioni per rientrare nel mancato guadagno derivante gli spread ristretti.

A chi conviene operare con broker con spread bassi? Tendenzialmente a tutti quei trader che fanno trading scalping o perlomeno intraday. Al netto delle commissioni infatti il costo spesso è minore. Gli scalper infatti chiudono posizioni con pochissimi pip di guadagno e con spread alti sarebbe impossibile concretizzare un guadagno.

L’esigenza per uno scalper di operare su broker con spread bassi è quindi molto alta.

Per saperne di più sul trading scalping leggi questo articolo >>> Lo Scalping nel Forex

Possiamo inoltre aggiungere che sostanzialmente che i broker per scalping sono i broker con spread più bassi.

Conclusa l’introduzione su cosa sono gli spread bassi e a chi convengono, parliamo ora dei broker che offrono una contenuta differenza fra prezzo bid e prezzo ask.

DUKASCOPY EUROPE – Spread estremamente competitivi

Dukascopy Europe è un broker europeo regolamentato lavora costantemente per fornire ai propri Clienti spread estremamente bassi, fornendo accesso diretto al famoso SWFX – Swiss FX Marketplace pool di liquidità di Dukascopy che annovera tra I suoi fornitori le più grosse banche.

Particolarmente competitiva è l’offerta riguardante il Forex, gli altri strumenti di negoziazione, in cui questo broker primeggia costantemente, sono I CFD su titoli azionari, indici azionari, materie prime, criptovalute, bond ed ETF.

Apri un conto demo gratuito su Dukascopy!

Gli spread offerti da Dukascopy Europe partono da: 

EUR/USD: 0.1 Pip

USD/JPY 0.2 Pip

EUR/JPY 0.4 Pip

GBP/USD 0.6 Pip

Dukascopy Europe offre inoltre la sua innovativa ed avanzata piattaforma, la JForex3, assistenza in Italiano, protezione da saldo negativo e possibilità di aprire conti completamente online.

Plus500: spread bassi su indici e azioni

Plus500 spread bassi
Plus500: piattaforma di trading online

Plus500 è un broker con spread bassi, che ha sede ad Haifa (Israele), ma ha aperto filiali a Londra e Cipro e per questo può essere considerato un broker europeo. Plus500 ha ottenuto infatti la licenza dalla CySEC cipriota, sintomo che il broker è ritenuto affidabile.

Oltre alla sua affidabilità il broker è scelto da moltissimi trader per via dei servizi offerti, ma soprattutto per gli spread molto bassi e competitivi su indici e azioni e su molti altri mercati. Per esempio lo spread sul cambio euro dollaro è inferiore a 1 pip.

Un altro punto di forza è costituito dall’elevato numero di mercati disponibili su cui fare trading CFD. Si può operare sulle coppie di valute del Forex, sugli indici, su un gran numero di azioni, sulle criptovalute e sulle materie prime.

Plus500 offre un conto demo gratuito, dove i trader potranno operare con denaro virtuale e quindi al riparo da rischi. Potrete allenarvi e imparare a conoscere la piattaforma gratis e in seguito potrete decidere se aprire o meno un conto reale e iniziare a investire sul serio!

Registrati oggi stesso e apri un conto demo su Plus500!

IG: broker amministrato con spread bassi

IG è un broker con spread bassi ed attivo da moltissimo tempo, più di 40 anni!

Su IG.com sono presenti molti mercati con oltre 16.000 asset finanziari fra Forex, indici, criptovalute, azioni, materie prime e tanto altro ancora.

Un punto di forza di IG è la sua funzione di sostituto d’imposta. Infatti grazie se scegliere il regime amministrato non dovrete pensare a nessun calcolo fiscale perché penserà a tutto il broker.

Inoltre IG è un broker che offre spread molto competitivi, ciò sarà utile ad ottimizzare i vostri guadagni, dato che per i trader lo spread è un costo!

Non sei ancora convinto del broker IG? Testalo con un conto demo gratuito!

Conto demo gratis per te su IG.com

Prova il trading Forex & CFD su IG aprendo un conto demo gratuito! Scopri i vantaggi e le potenzialità del broker!

Iscriviti gratis*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.