Money Management, gli errori da evitare

Pubblicato il: 20 giugno 2014 - Aggiornato il: 22 luglio 2015
3 Views

Quando si parla di money management di parla letteralmente di “gestione dei fondi” anche se più pragmaticamente si parla di gestione del rischio. Infatti, il rischio è una componente fondamentale dell’investimento in Borsa, perciò è bene sempre considerare la sua presenza al fine di restare sempre in allerta e non commettere errori. Un trader non dotato di un buon money management è un po’ come un paracadutista senza il paracadute. Per non precipitarvi e farvi male, in questo articolo vi forniremo dei consigli molto utili da tenere a mente e fare vostri.

Per conoscere meglio la componente del rischio, abbiamo pensato di mettervi di fronte ad alcune tipologie di errori che si possono commettere durante il trading in Borsa.

1. Non avere un piano di money management. Ok, è la cosa più banale, ma di certo la più importante di tutte. Occorre avere un piano. Perciò una volta che finirete di leggere questa lista di errori, prendete nota di tutte le considerazioni che vi verranno in mente e aggiungetela alla lista di azioni o altri titoli su cui investire nei prossimi giorni.

2. Componente emotiva. Non sottovalutate il vostro umore. Per fare trading occorre essere distaccati da ogni tipo di forte sentimento, sia negativo che positivo. Occorre essere lucidi e concentrarsi sulle operazioni da effettuare.

3. Non utilizzare gli stop loss o utilizzarli male. Gli stop loss sono dei particolari tipi di ordini che possiamo impostare sulla piattaforma di negoziazione al fine di ridurre le perdite in caso di ribassi repentini. Una volta raggiunto un determinato minimo da noi impostato, la quotazione del titolo avvisa il software di rivendere il titolo acquistato. In questo modo ridurremo drasticamente eventuali gravi perdite.

4. Il volume della posizione nello scambio. Per ogni singola operazione il buon trader non estenderà la contrattazione oltre i limiti di finanziamento del conto. Fissate una percentuale di finanziamento per i singoli trade (es. 1%-5%) e utilizzate sempre la stessa percentuale.

5. Volere sempre “più del più”. Vi sembrerà strano leggere questa frase: “per incassare i profitti bisogna incassarli”. Ora pensateci bene. Vi è mai capitato di voler continuare a mantenere una posizione con il solo pensiero che questa avrebbe potuto fruttarvi sempre di più? Per incassare, occorre chiuderle, le posizioni. Chiudetele al momento che ritenete più opportuno senza ripensare mille volte al fatto se abbiate fatto bene o male. Procedete con un altro investimento.

6. Averaging. Che sarà mai l’averaging? Detto anche “doubling up on a losing position”, l’averaging è di fatto uno dei peggiori errori che potreste fare nel trading. Consiste nell’affrontare un loosing trade con l’aggiunta alla posizione perdente ad un prezzo più basso, con la speranza/convinzione che il mercato cambierà verso. E’ vero, può funzionare, ma a meno che non siate dei geni/super esperti molte volte questo vi farà perdere.

7. Usare la leva come fosse prezzemolo. La leva non costa nulla ma potrebbe costarvi grosse perdite se iniziate ad usarla con leggerezza. Utilizzatela per i trade in cui credete (e che avrete studiato) maggiormente, ma sempre con moderazione.

8. Investire i soldi necessari per una normale vita quotidiana. Qui la questione si fa seria perciò non si scherza. Per investire in Borsa o fare trading fissatevi un budget in base alle vostre entrate, al netto di tutte le spese che dovete affrontare per vivere dignitosamente, da soli o in famiglia. Calcolate ad esempio un tetto massimo di investimento del 5% sui vostri guadagni mensili.

Seguite questi consigli per non cadere negli errori che molti principianti possono commettere. In teoria sono semplici da leggere, ma possono diventare difficili da attuare. Perciò, vi consigliamo una sorta di allenamento mentale, per rimanere distaccati, sereni ed oggettivi per tutte le vostre operazioni di trading e nello studio dei titoli su cui investire.

Lascia un commento

Altri articoli della stessa categoria

Il Trading con CFDs, Forex, Opzioni Binarie e altri prodotti finanziari comporta un significativo rischio di perdita del proprio capitale.

Europar2010.org

conto demo
Leggi articolo precedente:
FED e UE, si riparte

Per i mercati azionari e valutari c'è stato lo start ad un periodo che si preannuncia molto intenso e decisivo...

Chiudi