Bitcoin truffa o funziona ? Investire in Bitcoin è un affare? Opinioni

Pubblicato da TommasoP il: 7 ottobre 2017 - Aggiornato il: 11 ottobre 2017

Come più volte abbiamo detto le criptovalute sono molto popolari soprattutto in questo periodo.

Questo vuol dire che sono anche tanti quelli che si stanno domandandosi se è il bitcoin truffa o è una realtà ed un affare.

L’unica certezza che noi oggi abbiamo è quella di non aver compreso appieno il loro funzionamento e molti se ne approfittano proponendo anche i più disparati metodi che potrebbero farti diventare ricco magari anche in una notte!

A questo punto, quindi ci si potrebbe chiedere se il  bitcoin è una truffa? Ma allo stesso modo potremmo anche chiederci se funziona veramente.

In breve:

  1.  ci si può fidare del bitcoin o no?
  2. Come si fa a guadagnare con il Bitcoin?

In questo approfondimento cercheremo di comprendere tutto questo, avvalendoci anche delle analisi condotte da alcuni importanti trader e investito di fama mondiale.

Devi considerare che oggi purtroppo su internet girano diverse truffe.

Molte utilizzano anche il nome di Bitcoin ma da qui a dire che sono una truffa, non è corretto.

Ecco perché noi cercheremo di spiegarti cosa sono veramente i BitCoin e se possono essere considerati o meno una truffa visto anche che non sono regolamentati.

Quindi conoscere le truffe ed evitarle anche in merito ai BitCoin è già un passo molto importante.

Noi ti consigliamo in quasi tutti i casi di investimento online di essere per un attimo anche abbastanza critico, proprio per evitare facili truffe.

E’ chiaro che chi ha comprato Bitcoin qualche anno fa oggi possiamo definirlo un miliardario. Qualche anno fa nessuno li considerava.

etoro bitcoin

BitCoin

Come nascono i Bitcoin?

bitcoin

bitcoin

Non vi sono dati certi in merito alla nascita del Bitcoin e della Blockchain.

Non si sa molto e soprattutto non si sa come siano riusciti il 16 agosto 2008 a creare e una moneta virtuale che molti hanno paragonato alle invenzioni più importanti degli ultimi 100 anni, insieme a quelle di Einstein e Von Neumann.

Di Bitcoin e del suo protocollo che ne rende possibile l’utilizzo chiamato blockchain, si è scritto invece parecchio.

Sappiamo anche che i Bitcoin sono nati nel cuore dell’era dell’informazione, eppure avere informazioni sulla sua paternità è impossibile. La sua origine oggi più che mai è leggenda.

BitCoin truffa: considerazioni

Oggi i BitCoin sono il bene rifugio per eccellenza alla pari anche dell’oro e di altre materie prime.

Le criptovalute sono una fortuna per chi le possiede ma bisogna considerare anche che non sono controllate da nessuna autorità centrale e questo può portare a confondere un po’ le idee.

Da qui ne deriva il fatto che i Bitcoin NON sono una truffa! Tuttavia ci sono tante truffe che vengono create nascondendosi dietro il nome critpovalute e/o Bitcoin.

Oggi ti possiamo dire che una delle possibili truffe che sta circolando in internet è il Bitcoin Code.

Qui un certo Stefano Savarese dice che con un robot inventato da lui si può diventare ricco in 24 ore!

Ma se questo è vero, perché non tiene una tale invenzione nascosta e solo per lui?

A nostro avviso meglio diffidare … se invece vuoi provarla, puoi farlo a tuo rischio e pericolo.

Un’altra possibile truffa potrebbe essere quella legata al MT.GOX ovvero un bitcoin exchange, cioè una borsa in cui venivano scambiati i bitcoin.

E’ chiaro che fino al 2014 questa era l’unica borsa in cui transitavano le valute digitali e quindi vuoi o non vuoi quella era!

Tutto funzionava per il meglio finché un giorno sono spariti la bellezza di 360 milioni di dollari.

Inizialmente si era anche pensato che il bitcoin fosse arrivato alla fine della sua esistenza … oggi invece possiamo affermare il contrario.

Da qui in poi, sono nate altre truffe che man mano sono state denunciate alle autorità.

Tra queste possibili truffe ricordiamo ad esempio:

  • Onecoin;
  • Swisscoin;
  • Coinspace con la truffa S-Coin, ecc.

Molto spesso succede che le truffe bitcoin nascono come degli schemi Ponzi o anche catene di S.Antonio dove chi entra per primo riceve le remunerazioni man mano che la gente investe.

Nota: con i soldi dei “truffati” pagano gli interessi dei primi entrati. Grazie a questi sistemi, è possibile che guadagnano solo i primi entrati, mentre gli ultimi restano con il cerino in mano e con le dita bruciate.

Bitcoin truffa e sistema ponzi

La truffa subdola è quella che coinvolge i familiari a cui ovviamente si crede ciecamente.

Ecco perché noi sempre ti consigliamo di operare con broker che sono regolamentati, proprio al fine di evitare delle truffe.

Sono questi gli unici che ti possono garantire il tuo capitale e sono questi che ti offrono le criptovalute quotate di cui si conoscono i prezzi.

Certo è che chi guadagna e non crede che sia il Bitcoin una truffa, sa bene anche che esiste un metodo più affidabile al fine di speculare sulla quotazione delle criptovalute.

Se vuoi conoscerlo anche tu, continua a leggere questa guida.

E’ chiaro che se si utilizza una piattaforme regolamentate e con licenza europea, dove gli investitori sono tutelati da organismi di controllo finanziari e con registrazione CONSOB le truffe sono meno probabili se non pari a zero.

Quindi al fine di speculare in modo sicuro anche considerando il problema inerente la gestione dei fondi il modo migliore è sempre e solo quello di ricercare un broker regolamentato che permetta le contrattazioni e il trading di CFD, sui mercati finanziari, che comprendano anche il prezzo del Bitcoin e delle criptovalute.

Essendo che i broker sono regolamentati, essi non sono truffe.

In questo modo sei al sicuro da possibili truffe da parte di broker che si basano sullo schema Ponzi! Quindi presta particolare attenzione.

Come evitare le truffe Bitcoin

A questo punto, cercheremo di capire come evitare la bitcoin truffa e scoprire invece un metodo semplice che possa farci guadagnare sul serio?

Come evitare le truffe Bitcoin

Come evitare le truffe Bitcoin

Per far questo, il primo consiglio che ti possiamo dare è quello di evitare di partecipare a investimenti su criptovalute sconosciute e senza quotazione.

Ad esempio il OneCoin non è mai stato quotato; allo stesso modo l’S-Coin che non ha un prezzo di mercato.

Nonostante tutto, sono in tanti i trader che  si sono fatti abbindolare da amici e parenti che sono stati anche a loro volta truffati e coinvolti da un meccanismo senza uscita.

Bitcoin truffa: livelli di sicurezza

In merito a quanto fino a questo punto detto, devi considerare che la criptovlauta è una valuta digitale in cui vengono utilizzate tecniche di crittografia al fine di regolare e proteggere la generazione e il trasferimento di fondi in moneta.

Bitcoin truffa: livelli di sicurezza

Bitcoin truffa: livelli di sicurezza

Oggi, possiamo dire che le più famose borse o exchange nel mondo affrontano ogni giorno molti tentativi di hacking, ovvero il pirataggio informatico.

Ci sono poi alcune borse che nel passato hanno subito delle perdite dovute proprio a degli attacchi di hacher informatici.

Quindi nel caso in cui anche tu desideri una piattaforma che sia protetta e offra un sistema di sicurezza impenetrabile allora devi cercare la migliore e la più sicura.

Considera che il CryptoCurrency Security Standard (CCSS) è lo standard che protegge tutti i sistemi informativi che utilizzano le criptovalute.

Il sistema CCSS è stato suddiviso in tre livelli:

Livello I considerato come il livello base in cui il sistema informativo ha dimostrato di proteggere le proprie risorse informative con livelli elevati.

Livello II  definisce un sistema informativo che supera forti livelli di sicurezza con ulteriori controlli migliorati.

Livello III  sistema che detiene alti livelli di sicurezza che sono aumentati con politiche e procedure formalizzate.

A questo si deve aggiungere anche che i sistemi e i livelli CCSS standardizzano le tecniche e le metodologie degli scambi di criptovalute in modo anche che gli utenti finali possano prendere delle scelte informate su quale piattaforma utilizzare per il loro trading di valuta digitale.

E’ chiaro che una piattaforma di trading online che offre cripto valute deve possedere determinati requisiti minimi di sicurezza, ovvero:

  • autenticazione a due fattori;
  • email crittografate PGP;
  • monitoraggio portafoglio 24/7;
  • riserva monetaria a cauzione dei clienti.

BitCoin: opinioni e considerazioni degli esperti

Bitcoin, per M&G Investement non è una truffa

BitCoin: opinioni e considerazioni degli esperti

BitCoin: opinioni e considerazioni degli esperti

Secondo quanto affermato da Eric Lonergan, il gestore del team Multi-Asset di M&G Investments, l’importanza della criptovaluta segue un’influenza che potrebbe essere molto importante per il prossimo futuro in vista anche di un possibile progetto della moneta.

E’ chiaro anche che sulla base dei rendimenti altissimi di quest’anno, il bitcoin attira sempre una maggiore attenzione soprattutto da quando l’ad di JP Morgan, Jamie Dimon, l’ha definita “una truffa che finirà per saltare per aria”.

Ma tutto questo sarà vero?

Eric Lonergan afferma che l’importanza del bitcoin oggi non può risiedere solo nel prezzo corrente ma anche nella tecnologia blockchain su cui poggia, che si riverserebbero sull’influenza che esercita in vista di una futura  progettazione della moneta stessa.

Il motivo per cui potremmo definirla come qualcosa di eccezionale, è il fatto che possiamo anche considerarla come una moneta “intelligente” che si autoregola.

Infatti, al di la di tutto, l’intelligenza del bitcoin poggia sull’applicazione di una regola molto semplice:

  • la quantità si espande fino a 21 milioni e poi “cresce” allo zero percento.

Quello che interessa di questa regola è il fatto che secondo Lonergan, i pregi non sono tantissimi e sono per altro già stati discussi.

Infatti l’ intelligenza del denaro si può estendere in molti modi interessanti.

Sotto il profilo economico, un passo avanti in termini di intelligenza sarebbe quello di progettare una moneta che potrebbe espandersi e contrarsi di pari passo con la domanda.

Incorporare quindi questo aspetto nel dna della valuta che renderebbe ridondante il processo decisionale delle banche centrali, a beneficio di tutti”.

E’ chiaro che l’intelligenza si potrebbe esprimere anche tramite finalità sociali e quindi la valuta potrebbe autoregolarsi in termini di attività per le quali viene impiegata, con la possibilità anche di premiare e penalizzare tali impieghi in base al rispettivo impatto sociale.

Questo almeno è quanto afferma Lonergan.

Egli ancora continua affermando che:

si potrebbe anche arrivare a immaginare una valuta totalmente intelligente, che sia in grado di raccoglie dati e anche elaborare le proprie regole di distribuzione e crescita.

BitCoin: opinioni negative per Tony Yates

Tony Yates definito come uno dei migliori analisti invece si professa pessimista in vista della moneta e della prospettiva di innovazione.

La sensazione che ha potrebbe essere la base di un vantaggio della valuta digitale rispetto alla moneta garantita dallo Stato cui siamo abituati.

Se per Lonegran, i bitcoin potrebbero divenire una moneta vera e propria, che potrebbe essere accettata come lo è già per alcuni stati per i pagamenti e utilizzata quindi da moltissime persone, per Tony non lo sono e non lo saranno mai.

Una “valuta” dovrebbe essere scambiabile con altre valute sul mercato.

Il BitCoin è la sola progettata per avere un’offerta limitata, e detiene la caratteristica unica di essere emessa dal settore non statale.

Il reddito generato dall’emissione è stato disperso attraverso soggetti privati, nell’ambito di un sistema decentrato”.

A questo punto, sulla base di queste 2 considerazioni, effettuate dagli analisti, possiamo riportare 2 distinte osservazioni:

La prima, in cui possiamo definirli come un fenomeno straordinario da cui possiamo imparare molto.

Cosa rivela al riguardo?

La moneta non viene garantita da niente e nessuno; né dal gettito fiscale, né dall’oro e neanche dai diritti sui beni.

Il valore della moneta risiede solo nella esternalità della rete e delle persone che l’accettano come tale.

La confusione nasce appunto dall’estrema difficoltà di costruire una rete di utenti.

Per essere definita come valuta deve per tanto avere sostegno e forza da parte anche di uno stato o dalla Fiat che altro non è se non un ordine di emanazione governativa.

Si deve anche considerare che, una volta che la rete è stata creata, la moneta non ha più bisogno di garanzie né di decreti governativi.

Oggi, considerando quella che è la vera natura del BitCoin, la moneta non presenta un valore intrinseco e per tanto non potrebbe essere usata per scopi alternativi.

La seconda considerazione il cartalismo, ovvero l’idea che la moneta sia accettata in quanto si chiede di usarla al fine di pagare le tasse, esalta la distinzione cruciale.

Un modo che possiamo definire unico al fine di creare una rete di utenti che utilizzano quella valuta, è esigere il pagamento da parte di uno Stato delle Imposte con quella valuta.

Ma per questo si dovrà sicuramente attendere ancora parecchio tempo.,

Ecco quindi i motivi che spingono Tony Yates a non essere tanto fiducioso.

Dan Davies: considerazioni e opinioni sulla nascita del BitCoin

Un’altra analisi in merito alla criptovaluta Bitcoin potrebbe essere quella di Dan Davies, il quale fornisce una spiegazione molto coerente del perché è stata creata.

Il Bitcoin ha potuto costruirsi una rete di utenti proprio perché risponde a una chiara esigenza economica e finanziaria.

Questo però non spiega per intero il motivo del successo che ha avuto nella creazione della rete.

Tutto quello che possiamo fare è cercare di capire perché tutti i pagamenti illegali legati al contrabbando avvengono in BitCoin.

Secondo il gestore del team Multi-Asset di M&G Investments, potremmo definire il bitcoin come una moneta dalle capacità straordinarie che rileva ciò che dovremmo già sapere della moneta e molto spesso invece non è chiaro in quanto non ci sono garanzie e il suo valore risiede semplicemente in una massa critica di utenti esistenti.

In sostanza il bitcoin dimostra che la“base monetaria è tutt’altra cosa rispetto ai depositi, che secondo Friedman e Tobin hanno definito una quasi moneta.

In generale, se le banche cominciassero a prestare bitcoin e ad accettare depositi in bitcoin, è chiaro che il sistema bancario sipoggia sui bitcoin e quindi con base monetaria elettronica decentrata.

Quei depositi avrebbero delle proprietà molto diverse dal bitcoin e nessuno potrebbe garantire i rimborsi.

In sostanza il bitcoin oggi ha fatto a meno delle banche e lo potrebbe anche fare in futuro, considerando che sono stati creati quasi 200 miliardi di dollari in Bitcoin.

Questo vuol dire che le riserve non devono necessariamente essere distribuite attraverso le banche, in quanto una ricchezza in questo modo distribuita è prassi sola delle istituzioni e del regime monetario.

E’’ dunque possibile trarre tanti insegnamenti anche dalla contabilità delle banche centrali e questo è un elemento molto importante per Lonergan il quale osserva con attenzione che è molto evidente che la base monetaria non è una passività.

Nessuno potrebbe oggi pagare interessi sulle riserve di bitcoin, visto e considerato che la dispersione va oltre il sistema bancario.

Il non pagare interessi sulle riserve potrebbe anche non provocare  un’iperinflazione immediata da bitcoin”.

Purtroppo la quantità di moneta emessa ha sempre avuto e continua ad avere la sua importanza.

Il bitcoin è stato progettato per avere un’offerta limitata.

Nel momento in cui pensiamo alla moneta noi non facciamo altro che immaginarla nel contesto di un’economia nazionale o regionale e quindi assegniamo alle valute un valore rapportato ai livelli di prezzo interni.

Per quanto riguarda invece le valutazioni dei cambi, è possibile guardare ai tassi reali i quali rispetto a quelli nominali, tengono conto delle tendenze di inflazione relative fra le economie.

La prossima grande sfida, che il bitcoin deve affrontare come moneta”, secondo Lonegran, riguarda la modalità di affermazione in rete.

La domanda potrebbe essere una sola: Perché mai dovrei voler usare il bitcoin per comprare e vendere prodotti e servizi, invece di una valuta alternativa?

Una linea che si potrebbe utilizzare è quella inerente i costi di transazione, anche se crediamo sia molto più difficile di quanto possa sembrare e quasi impossibile, considerando il prezzo volatile del bitcoin.

La volatilità del prezzo è un costo, che riflette il ruolo limitato di questa valuta come unità di conto.

Molti commercianti oggi accettano pagamenti in bitcoin, e ci sono varie aziende tecnologiche di alto profilo che accettano questo pagamento.

Allo stesso tempo, però, i prezzi sono indicati in dollari e convertiti all’istante.

Al massimo, tengono qualche scorta a fini di ricerca e sviluppo speculativi”.

Purtroppo non possiamo avere un’idea di quale possa essere il valore equo del bitcoin visto e considerato che ancora oggi c’è troppa incertezza.

Gli asset che generano i flussi di cassa sono i più facili da valutare, visto e considerato che contemplano rendimenti attesi.

Per questo oggi possiamo dire che è abbastanza difficile assegnare un valore alle valute.

Ad esempio la sterlina si può scambiare a due dollari o a un dollaro, allo stesso modo e senza che i prezzi relativi subiscano variazioni di rilievo.

Il bitcoin invece è una valuta, di cui non esiste un’economia specifica ben definita. Per fare un esempio, possiamo dire che i dollari internazionali cominciassero a essere scambiati in modo indipendente. In quale modo reagiremmo in termini di valutazione?

L’unica cosa certa ad oggi è che i bitcoin hanno grande importanza e questo rileva un futuro alternativo sia per la moneta in generale sia anche per la moneta nello specifico.

Vantaggi di utilizzare i CFD con il Bitcoin e le criptovalute?

A questo punto, sulla base di quelle che sono le considerazioni fin qui svolte e sulla base anche di quelle che sono le opinioni degli esperti passiamo ad esaminare come fare trading con i CFD su Bitcoin.

BitCoin: opinioni e considerazioni degli esperti

BitCoin: opinioni e considerazioni degli esperti

Fare trading con i CFD presuppone diversi vantaggi, ma è anche chiaro che noi non possiamo riportarli tutti.

Tra quelli che maggiormente possono essere presi in considerazione, ricordiamo:

  • Assenza di commissioni;
  • Piattaforme con licenza europea.

Questi sono quelli più importanti e che devi valutare sempre prima di tutti gli altri.

Nota attentamente che con il trading CFD puoi guadagnare e speculare sia quando il prezzo del Bitcoin sale che quando scende.

Devi poi anche prevedere in anticipo la direzione del prezzo.

Ai vantaggi su elencati si aggiungono poi altre caratteristiche come ad esempio la facilità di utilizzo della piattaforma.

E’ chiaro che per far questo non occorre leggere complicati manuali ma la piattaforma deve essere intuibili e semplice nell’utilizzo.

Quali sono le migliori piattaforme di criptovalute

Oggi non ti possiamo dire che esistono solo 2 o 3 piattaforme, ma bensì esistono tante e differenti piattaforme di trading che permettono al trader di investire in criptovalute con CFD e che permettano anche la compravendita di criptovalute diretta.

IQ Option

Il broker IQ Option lo possiamo definire come uno dei migliori broker anche perché offre una piattaforma innovativa iq Coin (per il trading di criptovalute).

iq option asset

IQ Option: piattaforma di trading CFD

IQ Option è uno tra i broker di criptovalute più innovativi. Ogni mese aggiunge nuove piattaforme e nuovi strumenti e ti offre anche la possibilità di investire in modo serio re professionale grazie alla sua regolamentazione CySEC.

Tra i leader broker di trading online in Europa e tra i più popolari sul mercato, esso offre anche un’assistenza sempre a disposizione con prelievi a termine di legge.

Il deposito mimo richiesto per aprire un conto reale è di solo 10 € e questo permette anche di avere accesso diretto ai tornei di trading online.

IQ Option come detto ti offre IQ COIN appena apparsa sui social network e sta già cominciando a diventare il più popolare metodo per fare trading di criptovalute.

Oltre al trading di Criptovalute e Criptomoneta, con IQ Option puoi investire in opzioni digitali, come anche in contratti per differenza su azioni, indici, materie prime e Coppie di valuta, utilizzando la piattaforma IQ Option.

Iscriviti gratis*

Apri un conto Demo IQ Option

Prova il trading CFD con il conto demo gratuito di IQ Option e fai trading sui Bitcoin con IQ COIN! Trade minimo 1 € Deposito minimo 10 €!

Tutti gli approfondimenti sul broker sono disponibili all’interno delle nostre guide:

Markets.com miglior broker per trading bitcoin

Questo lo potremmo definire come un broker di vecchia data, che di certo è da sempre uno fra i migliori broker per investire in Bitcoin.

Markets-Bitcoin

Fai trading sui Bitcoin con il broker Markets.com

Esso detiene tantissime caratteristiche importanti che puoi approfnidre leggendo la recensione completa ed altri approfondimenti.

Intanto ti diciamo che esso detiene licenza europea, quindi è un broker sicuro che permette di focalizzarsi sugli andamenti in una sorta di social trading, di quello che stanno facendo gli altri trader e operatori sul mercato.

Le criptovalute con Markets.com possono essere scambiate anche durante il weekend.

Iscriviti gratis*

Apri un conto Demo Markets.com

Prova il trading CFD con il conto demo illimitato e gratuito di Markets.com! Fai trading in modo serio e professionale sui Bitcoin con Markets!

Tutti gli approfondimenti sul broker sono di seguito disponibili:

Commissioni di trading con il bitcoin

Oggi il tasso di cambio è solo una parte dell’intera equazione di trading.

Commissioni di trading con il bitcoin

Commissioni di trading bitcoin

Al fine di comprendere quanto costerà comprare la moneta elettronica che desideri, attraverso una specifica piattaforma di trading, devi prendere sempre in considerazione il totale dei soldi che hai speso nei confronti alle monete digitali totali che hai ricevuto.

La tariffa più comune che incontrerai mentre commerci Bitcoin o altre criptovalute è la tassa di transazione, la quale variare da uno 0,3% fino anche al 3%.

Tutte le volte che desideri utilizzare la piattaforma di trading, devi considerare le commissioni.

Crediamo sia molto importante che tu sappia e conosca quelle che sono le commissioni di deposito e di ritiro del broker.

In qualità di trader devi depositare in anticipo alcuni soldi per iniziare a scambiare criptovalute.

Oggi sono in talte le piattaforme di trading che addebitano commissioni di ritiro per prelevare le proprie monete elettroniche.

Ci sono poi le tasse di transazione, di deposito e di ritiro che sono addebitate dopo l’acquisto e questo vuol dire che la vendita potrebbero far sfumare dei profitti che invece erano evidenti prima della transazione.

Considera sempre le commissioni che ti sono addebitate da parte del broker e fare un sempre un paragone con le altre piattaforme per vedere chi è alla fine che ha le condizioni migliori.

Bitcoin truffa o reale affare di investimento?

A questo punto è bene chiarire un piccolo particolare: non è vero che il Bitcoin truffa.

Bitcoin truffa o reale affare di investimento?

Bitcoin truffa o reale affare di investimento?

Al massimo possiamo definire truffa coloro che vendono metodi di arricchimento rapido o schemi Ponzi come in precedenza illustrato

Al fine di evitare le fregature e le truffe è molto importante che tu tenga presente quanto fino a questo momento ti abbiamo detto.

Inoltre, considera che il bitcoin è una criptovaluta e non un metodo per diventare ricchi in 24 ore!

Questo vuol dire che puoi tradare e investire su di essa ma solo seguendo alcuni particolari accorgimenti:

  1. Usare solo broker con licenza europea e registrazione CONSOB;
  2. Focalizzarti sul Bitcoin e non su criptovalute mai sentite;
  3. Studiare il mercato delle cripto valute;
  4. Trovare le opinioni e le analisi del mercato.

Oggi il mercato delle cripto valute cresce in modo esponenziale e questo lo si deve in particolar modo a 3 fattori:

  1. la fornitura costante di offerte di moneta iniziale (ICO);
  2. l’interesse sostenuto dagli investitori;
  3. un numero crescente di fondi di investimento che fanno trading sulle criptovalute.

Considera infine che le criptovalute come il Bitcoin possono essere scambiate utilizzando una borsa o exchange.

Al fine di far questo devi considerare la compravendita di cripotvalute e che puoi farlo usando delle piattaforme di trading online in cui è possibile acquistare, vendere e scambiare bitcoin nei confronti di altre valute digitali e valuta tradizionale come i dollari USA o Euro.

A questo punto , se anche tu ti consideri un trader che ha la capacità e le forze per divenire un trader di successo, non ti resta che scegliere la giusta piattaforma o il miglior broker di trading di cripto valute ed iniziare oggi stesso a tradare e speculare su di esse.

Inizia prima di tutto con un conto demo che ti permette non solo di mettere in pratica quanto appreso in teoria, ma anche di testare la piattaforma e comprendere come esse si muovono sul mercato.

Ecco perché appena 2 paragrafi fa ti abbiamo presentato le 2 piattaforme più affidabili che oggi ci sono sul mercato.

BitCoin truffa VS Onecoin truffa

OneCoin è definito come una truffa da parte delle autorità Antitrust.

BitCoin truffa VS Onecoin truffa

BitCoin truffa VS Onecoin truffa

Questo vuol dire che non è possibile fare promozione di onecoin ed anche coloro che lo fanno sono soggetti a sanzioni nella migliore delle ipotesi.

In questo caso, succedeva che tutti i soldi di chi investiva con questo sistema, venivano depositati presso una banca bulgara e poi chissà dove smistati, forse in banche di paradisi fiscali.

Quindi nel caso in cui ancora ci sono broker che ti offrono l’investimento in onecoin, devi rifiutare l’offerta perché sono illegali e soprattutto è reato attirare persone in questo metodo truffa.

Truffa coinspace s-coin

Anche di Coinspace abbiamo discusso diverse volte di una possibile truffa.

Truffa coinspace s-coin

Truffa coinspace s-coin

Questo perché sono statti tanti gli italiani truffati, che non sono riusciti ad uscirne dal cerchio della truffa.

E’ chiaro che non dovrai dar retta a chi ti vuole far credere che puoi guadagnare senza muovere un dito.

Criptovalute / valute offerte oltre al bitcoin dai Broker

Criptovalute / valute offerte oltre al bitcoin dai Broker

Criptovalute / valute offerte oltre al bitcoin dai Broker

Per investire e fare trading con i Bitcoin, devi innanzitutto considerare la giusta piattaforma ma poi devi anche considerare la coppia di valute è la quotazione a cui essa è collegata.

E’ chiaro che il valore dei bitcoin come quello delle altre criptovalute è determinato dal suo confronto con un’altra valuta.

Quando si acquista una coppia di valute, devi considerare che si acquista la valuta di base e si vende la valuta quotata.

In questo caso il prezzo della domanda (ask) della coppia di valuta, determina quanto si otterrà in valuta quando si vende un’unità della valuta base.

Ci sono poi anche alcune piattaforme di criptovalute che offrono le seguenti coppie di valute:

  • BTC/USD;
  • BTC/JPY;
  • XEM/JPY;
  • BTC/SGD;
  • BTC/AUD;
  • BTC/IDR;
  • LTC/CNY;
  • BTC/CNY;
  • DOGE/CNY;
  • BTC/INR;
  • BTC/HKD;
  • BTC/INR;
  • BTC/EUR.

Dove comprare e vendute criptovalute?

Il processo per comprare e vendere criptovalute e bitcoin è semplice.

Ti basta seguire quello che di seguito ti diciamo.

  1. Trova la piattaforma di trading cripto valute più adatta alle tue esigenze.
  2. Registrati al fine di creare un portafoglio digitale grazie al quale puoi salvare in modo sicuro la propria valuta digitale.
  3. Scegli il mettodo per versare e prelevare e nel caso di carte di credio, connetti la tua carta di credito / conto bancario affinché tu possa vendere una valuta (come i dollari USA, Euro o RMB) contro Bitcoin.

A questo punto, non ti resta che acquistare e vedere Bitcoin, Ethereum, Litecoin o altra moneta digitale per iniziare il trading di criptovalute.

Cosa si intende per limiti di acquisto imposti nelle borse di criptovalute?

La maggior parte delle borse di valute digitali oggi detengono un limite di sicurezza che è  abbastanza alto.

Questo vuol dire che puoi acquistare la moneta digitale in diverse modalità se hai abbastanza soldi.

Nonostante tutto però ci sono alcune limitazioni nella quantità di monete acquistabili nel periodo settimanale e mensile.

In questo caso parliamo di un sistema di sicurezza noto come dimensione del blocco.

Il problema della dimensione del blocco è molto più che una semplice tecnica. Infatti essa potrebbe definire il futuro della crittografia come valute di riferimento.

Quindi, in questo caso, qual è la dimensione del blocco?

In questo caso, si deve tenere presente che ogni blocco del blockchain di Bitcoin è in grado di contenere 1MB di dati.

Quindi un blocco di bitcoin è di 1 megabyte.

Questo vuol dire che esiste un limite a quante transazioni possono essere inserite nei blocchi di Bitcoin.

Una dimensione del blocco corrente limita l’utilizzo di Bitcoin a 4-7 transazioni al secondo.

Maggiore è la dimensione del blocco e maggiore saranno le commissioni che possono ricevere i “minatori” senza la necessità che gli utenti ne paghino di più elevate.

Ecco perché ancora una volta ti consigliamo di controllare bene i limiti di acquisto offerti dalla piattaforma di trading su cui poi intendi iscriverti con il fine di fare riferimento solo ai broker regolamentati per evitare la Bitcoin truffa.

Tasso di cambio offerto sulle criptovalute

Ancora oggi non esiste un tasso di cambio “ufficiale” per le criptovalute.

Tasso di cambio offerto sulle criptovalute

Tasso di cambio offerto sulle criptovalute

Quelli più importanti per ovviare al problema prendono 3 o 4 grosse borse (exchange) di valute digitali e fanno la media istantanea della quotazione di riferimento.

Oggi, infatti i prezzi delle monete digitali si basano sul prezzo medio della borsa di riferimento.

Devi anche considerare il tasso di cambio di una valuta base e quello di una controvaluta, che viene espresso come il prezzo di una cripto moneta in termini di un’altra valuta.

Al fine di calcolare i tassi di cambio, le piattaforme che utilizzi considerano diversi fattori, come ad esempio liquidità e capacità di prelievo affidabili e lo “slippage”.

Se vuoi un consiglio, controlla sempre il tasso di cambio che ti viene offerto per la criptovaluta che desideri vendere prima di completare la tua compravendita.

Leggi anche: Cambio Bitcoin / euro: quotazione e grafico in tempo reale

Cosa muove davvero Bitcoin e perché è impossibile fermarlo

Ecco che oltre alle analisi, ed al modo su come investire con i Bitcoin, si devono fare delle cosniderazioni sulla criptovaluta.

Oggi si parla del Bitcoin! Tutti ne hanno parlato e molto ancora sono quelli che da oggi in poi ne parleranno.

Tutti oramai lo conoscono.

La criptovaluta per eccellenza permette di effettuare transazioni economiche anche senza passare da intermediari bancari si presta a divenire la cripto valuta per eccellenza.

Purtroppo possiamo affermare con certezza che ci sono delle criticità inerenti ai Bitcoin i quali purtroppo non godono di una grandissima reputazione.

Ci sono dei dubbi in merito avanzati da coloro che li utilizzano e dell’utilità che se ne può fare.

Devi considerare anche che oggi i Bitcoin e Blockchain non sono due cose troppo diverse.

Molti anzi usano i 2 termini come sinonimi.

Quindi possiamo affermare con certezza che l’entusiasmo che è divampato in tempi recenti è dovuto al fatto che si è scoperto che la Blockchain ha una gamma di applicazioni tendenzialmente infinite.

Questo permettere a tutti di collaborare attraverso delle relazioni lavorative, professionali, contrattuali, senza dover fare appello ad un’autorità centrale che ne sancisca la validità.

Puoi quindi immaginare come il Bitcoin è utilizzato per i pagamenti di beni e servizi.

Solo che la Blockchain può essere applicata a tutto ciò che necessita che una relazione, uno scambio, sia garantito.

Considera anche che possiamo definire la Blockchain una macchina perfetta, un algoritmo inattaccabile, che genera e garantisce fiducia tra le persone all’interno di una comunità.

E’ la Blockchain la vera forza di Bitcoin.

Questo per il semplice fatto che al’interno della Blockchain sono registrate tutte le transizioni che vengono effettuate in Bitcoin dalla prima volta che è stato utilizzato (2009) ad oggi.

Lo potremmo quindi definire come un vero e proprio libro contabile aperto, e controllabile da tutti.

In sostanza, tutti possono controllare la Blockchain, ma nessuno la può possedere.

La ragione? Risiede nel fatto che ogni transazione deve essere approvata dal 50% più uno dei nodi della catena di blocchi.

BitCoin = comprendere la BLOCKCHAIN

Come in tutte le cose, anche nel bitcoin vi è una base.

Alla base di esso vi è un meccanismo a tratti vertiginoso e a tratti complesso. Quello che sappiamo con certezza e che oggi i Bitcoin sono accessibili a tutti.

Ne fanno uso circa 8 milioni di persone nel mondo.

Al fine di ottenerli e quindi tradare la criptovaluta ci si può rivolgere a società di trading che convertono i vostri soldi in Bitcoin, creandovi un wallet (portafogli) di moneta virtuale.

In alternativa puoi sempre acquistarli da chi ne ha e ne vuole vendere in cambio di contanti o ricaricando una carta prepagata.

La cosa che devi considerare e di cui ne siamo certi è che al fine di usarlo e decidere di comprarne bisogna conoscerli bene.

Per fare questo si devono conoscere alcuni elementi come ad esempio il funzionamento della catena di blocchi.

Per far questo suddividere mola spiegazione in 5 concetti chiave.

RETE

Essi possono essere considerati come una rete peer-to-peer ovvero una rete tra pari di computer.

Come in tutte le reti, anche in questa avvengono degli scambi di informazioni.

Il Bitcoin di fondo altro non è che un’informazione.

Ovvero lo potremmo definire anche come un file che ha un controvalore economico e che permette a chi lo possiede anche di comprare beni e servizi all’interno della rete.

Maggiore è il numero di chili utilizza e maggiore è la possibilità di usarlo.

Difficile stabilire quanti siano.

Oggi ce ne sono in giro  16 milioni.

Il numero delle monete crescerà fino ad un massimo di 21 milioni e il suo traguardo si pensa possa essere raggiunto entro il 2140. Dopo di chè essi saranno esauriti.

All’interno della rete verranno scambiati beni e servizi solo con quei 21 milioni di Bitcoin, il cui prezzo dovrebbe tendere sempre a salire.

A  garantirne l’utilizzo anche in merito alle transazioni minori è la capacità di avere fino a 8 decimali (0,00000001).

Questo vuol dire che quando i Bitcoin saranno esauriti i decimali potrebbero aumentare, al fine di garantire transazioni più basse.

Un bene come l’oro, finito, e infinitamente divisibile.

BLOCCHI

E’ chiaro che che i soggetti che mettono in circolazione i nuovi Bitcoin sono alcuni attori della rete,ovvero  professionisti che sfidano a risolvere i codici che proteggono nuovi Bitcoin.

Noi li possiamo definire come blocchi e stano li a formare una catena di blocchi, appunto.

Chi è in grado di farlo è chiamato miner o minatore.

I primi avevano un compito relativamente facile.

Infatti appena nato il Bitcoin non aveva alcun valore e tale è rimasto fino a

qualche anno.

Il codice che lo proteggeva era piuttosto semplice.

In quel tempo i bicoin venivano regalati.

Vi è poi da considerare anche la complessità che aumenta nel caos in cui il tempo impiegato a risolvere il codice tende a diminuire come anche diminuisce la complessità nel caso in cui aumenta il tempo necessario ai miner.

Quello a cui oggi si punta è di possedere un blocco risolto ogni dieci minuti.

Sbloccare un blocco della catena libera oggi 25 Bitcoin.

Questo vuol dire che ogni blocco liberato dà a chi lo libera un premio di 25 Bitcoin.

Quindi avremo circa 25 mila dollari.

Nel caso in cui il protocollo viene liberato un blocco di Bitcoin ogni 10 minuti circa, vuol dire che ogni giorno vengono liberati circa 5 milioni di dollari in Bitcoin.

25 mila dollari per 25 bitcoin ogni dieci minuti.

Cosa garantisce il timing?

Questo è garantito dall’algoritmo stesso che è alla base della blockchain.

La soluzione più geniale di tutte potrebbe proprio essere questa.

Più aumentano i player e la loro potenza di calcolo, maggiore saà la sua complessità e questo vuol dire anche aumentare l’equilibrio interno al sistema.

NODI

Definiamo con questo termine le parti della rete che garantiscono la correttezza delle transizioni.

La potremmo anche definire come la parte più politica, del Bitcoin.

Se fino a qualche tempo fa a garantire i passaggi di denaro o di beni erano solo le istituzioni come le banche o i notai, oggi vi è un terzo elemento appunto i Bitcoin.

Un notaio diffuso, come anche una banca centrale disseminata nell’Internet.

Li potreste pensare anche come dei libri contabili inventati che contengono tutti i passaggi di monete da un capo all’altro della rete.

In pratica un libro in cui vengono segnati da dove partono e dove arrivano i soldi. Questi nodi devono garantire che tutto sia a somma zero. Sono circa 6000 oggi.

Tutti possono diventare un «nodo» scaricando un programma e l’intero libro contabile di tutte le transizioni in Bitcoin che avvengono nel mondo e controllarne l’autenticità.

Non devi far altro che scaricare un client Bitcoin Core, avviarli sul tuo computer compresa anche la blockchain.

In quel momento diventa un nodo della rete Bitcoin, proprio come scaricando eMule,

E’ chador che tutto questo sistema è Aperto e controllabile da chiunque.

Ma perché uno si dovrebbe mettere a controllare la bontà delle transizioni?

Per il semplice fatto che si posseggono i Bitcoin e questo vuol dire che è un controllo fatto da chi li ha e non vorrebbe perdessero valore a causa di un bug o di una truffa.

Molto spesso anche si tratta di siti che offrono questo come servizio. E’ chador che per tutto c’è sempre un un ritorno economico di qualche tipo nella catena di blocchi.

SICUREZZA

Anche la sicurezza è un punto fondamentale del valore di Bitcoin. Non esiste diversamente che uno dovrebbe mollare contanti e carte di credito per farsi un wallet in Bitcoin altrimenti.

Il Bitcoin ha dimostrato di poter essere una rete sicura di pagamento in grado di garantire da un lato transizioni corrette e verificate grazie ai nodi, e dall’altro di garantire l’anonimato a protezione dei dati.

Fa gola a chiunque voglia per qualche motivo tenere riservati i propri dati.

Sono i nodi e i minatori a garantire la sicurezza di tutto il sistema.

Sono loro insieme anche ai registri che sono inattaccabili a garantire che con una moneta non vengano fatti più di un pagamento.

Il problema legato a tutte le monete è legato ai doppi pagamenti e contraffazione.

Il Bitcoin invece non possono essere contraffatti.

Non si può pagare 2 volte con la stessa quantità di valuta (o se volete con la stessa stringa di codice visto che non è una valuta materiale).

Questo per il semplice fatto che il sistema non lo permetterebbe e poi non lo consentirebbero i guardiani della rete.

AVIDITA’

Ai miners e controllori conviene che tutto quanto sia sempre perfetto e inattaccabile anche perché è il loro lavoro e la loro fonte di guadagno.

La correttezza di Bitcoin è sempre quella che tutti gli attori della rete di pagamenti vogliono e ogni passaggio che controllano e verificano dà loro una piccola percentuale in bitcoin per il lavoro svolto.

Una fee in Bitcoin considerata anche come la moneta con cui vengono retribuiti per il loro lavoro.

Se lo facessero male i loro guadagni si assottiglierebbero. Nel caso in cui invece crollasse la rete si azzererebbero.

Ogni transizione deve essere data per buona dal 51% dei nodi della rete.

Tutti i possessori dei registri controllano tutto, e questo garantisce una velocità delle transazioni che è impossibile per un istituto di credito.

L’avidità in questo caso rende perfetto il Bitcoin.

Esso è dunque inattaccabile da parte della Blockchain.

Avidità è perfezione del protocollo. Il gioco di Bitcoin è tutto qui.

Quali sono le CRITICITA’?

Oggi non sappiamo chi è che garantisce la blockchain anche perché nessuno la può controllare e quindi non vi è colui che garantisce e controlla la catena di blocchi.

Ti possiamo solo dire che a nessuno converrebbe investire tanti soldi per comprare i nodi per controllare un volume di scambi nella rete inferiore all’investimento stesso.

Anche perché una volta scoperto, chi userebbe più bitcoin?

Quindi questo vuol dire che cercare di controllare la rete è inutile. La catena si bloccherebbe.

Il valore di bitcoin diventerebbe zero e quindi nullo.

Non possiamo essere sicuri al 100% che questo non succede, ma possiamo essere certi che se si verifica si tratta solo di qualcuno con un portafoglio enorme e con la volontà di buttare al vento una incredibile quantità di denaro.

BITCOIN considerazioni e caratteristiche

Bitcoin è la moneta.

Blockchain è il protocollo che ne rende possibile e sicuro l’utilizzo.

Questo deve essere chiaro.

Molto spesso vengono utilizzati come sinonimi ma rappresentano 2 cose distinte.

Blockchain è un protocollo aperto, che può essere scaricato, fruibile e replicabile da tutti per qualsiasi applicazione.

E’ l’essenza della filosofia peer-to-peer per gestire transazioni, conoscenze, creazione di valore, condivisione di beni.

E’ Blockchain l’elemento davvero rivoluzionario di Bitcoin.

Tutto questo può essere applicato a qualsiasi ambito della vita sociale, politica e economica di un gruppo umano.

Non ci saranno più terze parti, come controllori, notai, istituti centrali, ma tutti possono gestire la rete di blocchi che validano le operazioni.

Di fondo l’obbiettivo è quello di sostituire tutte le istituzioni centrali con una rete orizzontale, aperta e condivisa.

Tramite la Blockchain, Bitcoin ha smesso di essere un elemento dirompente per i mercati finanziari, e comincia ad esserlo invece per quelli non finanziari.

Allo stesso modo, la proprietà intellettuale di opere, per la creazione di beni, per il controllo di oggetti connessi alla rete (internet of things), perfino elezioni politiche.

E Bitcoin non è nemmeno l’unica criptomoneta.

Sulla base di questa tecnologia ne sono nate settecento altre e il più famoso e usato è l’Ethereum.

Leggi anche:  Cambio Ethereum / euro: quotazione e grafico in tempo reale>>

Nel 2014 i trader di tutto il mondo hanno investito circa mezzo miliardo di dollari in startup che applicavano la tecnologia Blockchain a diversi settori.

Perché BLOCKCHAIN è considerato rivoluzionario?

Il Bitcoin, potrebbe dunque essere utilizzato come una moneta e alla fine potrebbe rimanere poco più che una roba da nerd.

Anche se oramai è utilizzato da oltre 25 banche in tutto il mondo e il Nasdaq sta per implementare una tecnologia basata su Bitcoin per garantire lo scambio di azioni sul listino tecnologico, la vera forza di Bitcoin è la Blockchain e le sue possibili applicazioni.

C’è anche chi considera che il Bitcoin sarà il nuovo boom del tech dei prossimi anni.

Ci sono anche dei servizi che già da adesso si stanno basando sulla Blockchain la quale garantisce la transazioni di merci, e chi tutela la proprietà intellettuale di un contenuto online, piuttosto che strumenti per tutelare il rispetto dei contratti tra aziende, le fatture, le opere d’arte, l’elezione dei nostri rappresentati politici in parlamento.

UN NUOVO MODO DI INTENDERE LE RELAZIONI UMANE

Il bitcoin è un sistema in cui vengono azzerati i poteri di arbitro e di controllo. Questi si basano su un sistema di controllo decentralizzato e diffuso.

Quindi vuol dire che l’interesse sale.

Tutto questo altro non fa che comportare un modo completamente nuovo di intendere le relazioni umane e di scambi commerciali.

la tutela del valore prodotto da ognuno.

In molti si dicono anche pronti a scommettere che tutto questo sia destinato a ritagliarsi un pezzo importante della nostra vita, come anche cambiarla o addirittura ripensarla per sempre.

BitCoin truffa: opinioni e considerazioni finali

bitcoin cash

Bitcoin: opinioni e considerazioni finali

Sula base di quanto fin qui detto, puoi anche tu trarre le tue conclusioni. Come più volte ti abbiamo mostrato, anche se i BitCoin non sono regolamentati da uno stato e non sono accettati da tutti gli stati come moneta per i pagamenti, non possiamo considerarli SCAM.

Te lo abbiamo mostrato esplicitamente in questa guida. I BITCOIN non sono una truffa !

Esistono invece delle imitazioni che possiamo considerare delle SCAM e dei broker non regolamentati che utilizzano il nome BitCoin.

Ecco perché noi riteniamo sia molto importante che tu faccia trading solo ed esclusivamente con le piattaforme regolamentate. Questo ti eviterà di incorrere in delle truffe.

Lascia un commento

Altri articoli della stessa categoria

*Your capital might be at risk.

Europar2010.org

conto demo
Leggi articolo precedente:
IQ Option: come prelevare e ricaricare il conto
Come funziona IQ OPTION: come usare e fare trading su IQ OPTION

Oggi, abbiamo voluto dedicare un approfondimento al broker IQ Option ed al'utilizzo della sua fantastica piattaforma di trading. Finora abbiamo...

Chiudi