Pubblicato da: Roberto Ricci- il: 25-09-2014 15:24 Aggiornato il: 24-04-2016 15:46

Azioni Eni

Pubblicato da: Roberto Ricci- il: 25-09-2014 15:24 Aggiornato il: 24-04-2016 15:46

azioni eniQuando si parla di azioni Eni si parla di azioni italiane e di notevole peso, poiché emesse dalla più grande azienda e oggi società per azioni italiana. Chi investe in azioni Eni può contare su una gigantesca multinazionale che rappresenta una delle più grandi realtà economiche al mondo. Per investire sulle azioni Eni si può procedere in modo tradizionale rivolgendosi in banca, oppure traendo profitto dalle variazioni di prezzo negoziando CFD su azioni ENI. In questo grafico in tempo reale, possiamo vedere il prezzo dei CFD azionari Eni.

 

Le azioni Eni fanno riferimento alla grande multinazionale italiana per l’estrazione e la produzione di petrolio, gas naturale, energia elettrica e lubrificanti. Fondata da Enrico Mattei nel 1953, l’Ente Nazionale Idrocarburi oggi diventata Società per Azioni, è tutt’ora una delle più grandi aziende italiane, la cui presidenza è stata ultimamente affidata ad Emma Marcegaglia.  La sua struttura presenta una forte ramificazione in tutto il mondo, in 90 paesi per 78.000 dipendenti al 2013, una ramificazione a seconda del tipo di territorio, sul quale va ad aggiungere sempre nuove radici con grandi lavori di ingegneria e costruzioni. Al momento, l’Eni rappresenta il sesto gruppo petrolifero del mondo se si considera il suo giro d’affari. Più in alto vi sono Exxon, Shell, Mobil, Total, BP e Chevron. Tra le aziende italiane la Eni è sicuramente al primo posto, mentre al livello mondiale si colloca al 38°. Per fatturato, addirittura al 22°. Insomma, se siamo nel G8 ora G7 il merito è anche di Eni, un vero colosso nell’economia italiana, europea ed internazionale. Le azioni Eni sono quotate sia alla Borsa di Milano che al NYSE, il New York Stock Exchange.

Di queste azioni, lo Stato italiano ne conserva solo poco oltre il 30%, vendendone il resto ma mantenendo il controllo effettivo della società, più la golden share che gli consente di esercitare dei poteri speciali.

Dal 2006, gli azionisti Eni hanno potuto contare su un ulteriore rafforzamento della struttura societaria per via dell’acquisizione di Snamprogetti da parte di Saipem, una grande azienda controllata dalla stessa Eni. Proprio Saipem ha fatto salire maggiormente di grado Eni a livello mondiale, con numerosi servizi petroliferi per attività offshore e onshore. Delle azioni Saipem ci occuperemo in un altro articolo, a cui vi rimandiamo nella lettura. Nel 2007, la Eni si è accordata con la Gazprom (russa) per il prolungamento delle forniture di gas con il permesso alla stessa di poter vendere gas in Italia in cambio della concessione ad Eni della possibilità di procedere con progetti di ricerca ed estrazione in Siberia.

Sempre a riguardo di rapporti internazionali, c’è da sottolineare l’acquisizione della società Distrigas (belga) nel 2008, che operava in Belgio, Germania, Francia, Paesi Bassi e Lussemburgo. Per la stessa società lanciò una OPA obbligatoria sulle restanti azioni, OPA che si concluse con successo nel 2009 consolidando così la propria posizione in Europa.

Nel 2012 le quote delle azioni Eni detenute dal Tesoro vennero cedute alla Cassa Depositi e Prestiti, così come per la Snam.

Ringraziamo e segnaliamo Valoreazioni.com -> http://www.valoreazioni.com/titoli/eni-eni-mi per la quotazione ENI in tempo reale.

Pubblicato in: migliori investimenti

Lascia un commento

Europar2010.org

Europar2010.org

Leggi articolo precedente:
azioni-yahoo
Alibaba e Yahoo, destino comune?

Se fino a qualche giorno fa gli occhi erano tutti puntati sulla IPO Alibaba, oggi invece nell'ambito della hi-tech americana...

Chiudi